Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483635570 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4253 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1402 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
806 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
733 letture

L’Anima e il Corpo (Parte I)
di m-nicotra
620 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Autonomia si .... Regionalizzazione no!
·Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
·Il TAR del Lazio annulla il Concorso per DS. Unico perdente è il sistema scolastico italiano!
·Basta fango su Gino
·Domenico Mazzeo, rieletto per il terzo mandato consecutivo a Segretario Regionale Cida per la Sicilia


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Adolescenti analfabeti, come in guerra

Opinioni
Lo chiamano “semianalfabetismo” ed è forse la sconfitta più penosa di un’intera società riuscita a vanificare la “conquista” dell’obbligo scolastico (che in Italia per la prima volta – val la pena ricordarlo -, sia pure per i soli primi tre anni della scuola elementare, fu introdotto nel 1877 e arrivato fino alla scuola media già nei primissimi anni del Novecento) sancito ancora una volta da quella Costituzione italiana (articolo 34) di cui il governo Berlusconi vorrebbe fare carta straccia.
Oltre 130 anni dopo la prima formulazione dell’obbligo scolastico, in Sicilia il 31,4% dei quindicenni (dato da capogiro se estrapoliamo i quindicenni maschi, perché sale al 43%) è semianalfabeta, anzi affetto dalla più grave delle malattie, quella che la Commissione europea chiama “analfabetismo funzionale”: fenomeno talmente allarmante, soprattutto sul piano delle possibilità occupazionali, da indurre il governo dell’Europa a istituire un’équipe di esperti incaricati di individuare le cause e trovare soluzioni.
Un paio di cause – per quanto riguarda l’Italia - potremmo già indicargliele noi, sapendo che se continua così la situazione non potrà che peggiorare.
Una si chiama Mariastella Gelmini, la ministra della res publica che taglia i fondi alla scuola pubblica per dirottare i finanziamenti verso quelle private (i diplomifici dove il titolo di studio te lo compri e non devi nemmeno fare finta di studiare); la ministra che riporta in vita qualcosa di molto simile all’avviamento professionale e dunque la cesura netta fra le scuole per i figli dei ricchi, destinati per diritto divino a diventare ricchi, e scuole per figli dei poveri, condannati a restare tali; la ministra che – non potendo, come vorrebbe, eliminare fisicamente gli insegnanti, ultimo baluardo di una scuola democratica che insegna a ragionare - elimina le compresenze e ripristina il maestro unico. Che poi alla fine li ha davvero eliminati fisicamente gli insegnanti: oltre centotrentamila a casa, tremila solo in Sicilia. E con loro ha ucciso chi ha bisogno più degli altri di essere preso per mano per attraversare la vita.
L’altra causa si chiama berlusconismo: quella cloaca in cui ti insegnano che non occorre essere bravi per diventare ministri, viceministri, parlamentari, consiglieri regionali. Se sei parlamentare, basta prostituirsi un tanto al voto per diventare ministro o viceministro (probabilmente c’è un tariffario); se non sei un bel niente, basta vendere il tuo corpo per essere eletto/a. E più sei un cesso dal punto di vista culturale, meglio è: certamente potrai sgallinare o fare il bullo impomatato nelle tv del capo e far credere ai quindicenni che la vita è quella. Una volta, nell’Italia uscita dalla guerra, c’era una scuola che cercava di ridare dignità a un popolo umiliato, c’era la certezza che è dalla cultura che viene il riscatto, c’erano gli operai che conoscevano il valore etico e sociale dell’apprendimento e non avevano paura di sobbarcarsi anni e anni di sacrifici per mandare i figli al liceo e poi all’università perché sapevano che alla fine sarebbero stati moralmente ripagati; oggi la linea la dettano le tv berlusconiane, la scuola è quella falsa dei reality, dove ti insegnano che basta poco, appena il tempo di una sveltina, per fare carriera. E forse non è un caso che questi ragazzi siano gli stessi che scrivono – e non solo negli sms – “anche” con la cappa, “po’” con l’accento e “non” senza la o: e non è credibile che lo facciano per risparmiare tempo e caratteri. E’ che gli si è ristretto il cervello.
Così presto la percentuale degli “analfabeti funzionali” salirà al 30%, al 40%, al 50%...e questi, domani, saranno i nuovi elettori del vecchio porco e le nuove leve che in Sicilia – per mancanza di lavoro, per disperazione, per ambizione di ricchezza a tutti i costi, perché i loro genitori hanno alimentato l’assenteismo scolastico, chiudendo un occhio, a volte per bisogno altre per comodo – andranno ad ingrossare le fila della mafia e del clientelismo.
Dopo, se ci sarà un dopo, bisognerà spalare le macerie e ricostruire da zero, come quando finisce una guerra. Ma purtroppo in tv non ci sarà il maestro Manzi e forse sarà già troppo tardi.





dello stesso autore




Postato il Venerdì, 11 febbraio 2011 ore 06:00:00 CET di Sebastiano D'Achille
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3.66
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi