Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 491604469 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2019

IV Edizione “Premio Giacomo Leopardi”. Sede Regionale di svolgimento il Convitto Nazionale “ Mario Cutelli” Catania. SCADENZA 20 DICEMBRE 2019
di a-oliva
601 letture

L’Istituto ‘Giovanni Paolo II’ di Piano Tavola sede dell’ambasciata della fratellanza del parlamento della legalità internazionale
di a-oliva
560 letture

Padre Calanna - Imprenditore della carità e dell’inclusione
di a-oliva
539 letture

Consiglio comunale dei ragazzi a San Pietro Clarenza e Camporotondo.
di a-oliva
396 letture

ANDREA GAGLIANO - Secondo Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto Maria Ausiliatrice
di a-oliva
389 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Consorzio: Chi se ne frega della Costituzione se ne frega pure della istruzione.

Redazione
Ho letto con sommo dispiacere il preambolo alla riforma scolastica del ministro della P.I. Baccelli nel 1894: "... bisogna insegnare solo a leggere e scrivere, bisogna istruire il popolo quanto basta, insegnare "nozioni varie", senza nessuna precisa indicazione programmatica o di testi,  mettendo da parte l'antidogmatismo, l'educazione al dubbio e alla critica, insomma far solo leggere e scrivere. Non devono pensare, altrimenti sono guai!". Mi è sembrato di leggere le linee guida della “riforma” Gelmini 2010.
Ho letto con sommo piacere la lettera della Prof.ssa Caterina Ciraulo. Le sue parole mi sono penetrate come una brezza marina, come una inaspettata carezza. Scrive tra l’altro: “Spesso sentiamo la riconoscenza nell'allievo per il nostro operato, ma mai dalla società. (…) Noi produciamo la reale ricchezza di uno Stato, noi formiamo menti capaci di pensare ed agire ed anche di programmare l'evoluzione delle future generazioni”.
Ho letto e riletto, sul Corsera 04/12/10, le dichiarazioni dell’ onorevole (?) Verdini «Non ho mai né pensato, né a maggior ragione detto, che noi ce ne freghiamo delle prerogative del capo dello Stato, ce ne "freghiamo politicamente". La Costituzione riconosce al Presidente della Repubblica il diritto di seguire il percorso che ritiene più giusto (durante una crisi di governo);  altrettanto la Carta suprema riconosce ai partiti, che nello specifico hanno il diritto di chiedere, anche a gran voce, di non escludere da un eventuale governo chi ha stravinto le elezioni ». Adesso capisco perché la “riforma” Gelmini ha eliminato il Diritto dalla maggior parte dei programmi scolastici e resa marginale l’Educazione Civica. Io, vecchio prof., stamattina a scuola ho messo da parte la spiegazione del condizionale e mi sono dedicato alla Costituzione scritta tutta all’indicativo, il modo della realtà, il più facile e semplice,  e non secondo le opinioni fantasiose di Verdini-Berlusconi. Dei partiti si parla solo all’art. 49 (il diritto di libera associazione), all’art. 98 (casi di limitazione di iscrizione ai partiti) e nella XII disposizione finale (divieto di riorganizzazione del partito fascista). Verdini, ma dove  si parla dei poteri dei partiti? La sua ignoranza è epocale! Lei “onorevole” disonora  la Costituzione, non la conosce proprio. L’ha mai letta?... Lei “se ne frega”, cioè ne ha una strafottente noncuranza.  La sua espressione è fascista,  dannunziana e, prima ancora,  guerriniana. L’etimologia vuole che ME NE FREGO viene dal latino “fricare” che significa «strofinare», in senso proprio e in senso figurato, cioè in riferimento al sesso maschile. Nel Ventennio, e non solo, si usava l'espressione con chiaro il riferimento all'audacia virile di chi si identificava nell'azione anche violenta, guidata da un capo-dux.  Lei, Verdini, se ne frega così come il capo del suo partito che (almeno fin’ora) non ha i pieni poteri nello Stato, che ancora è una Repubblica Parlamentare.

Ho riletto l'articolo, pubblicato sulla rivista 'La Nuova Antologia' (1° gennaio 1897), del deputato di destra Sidney Sonnino: “Torniamo allo Statuto”. Nella crisi dello stato liberale di fine secolo dopo un'aperta denuncia della debolezza del sistema parlamentare italiano – inetto nei suoi esponenti, inquinato da interessi particolari e clientelari e dunque incapace di guidare lo stato– Sonnino sosteneva la necessità di ristabilire il potere assegnato al re dallo Statuto albertino, come unico rimedio per salvare la classe liberale dal pericolo di un'avanzata dei socialisti e dei cattolici in Parlamento. Gli eventi storici non seguirono gli auspici del conservatore Sonnino, anche se, un quarto di secolo dopo, la stessa sfiducia nell'efficienza del sistema parlamentare rappresentativo e il timore per la concreta crescita delle forze politiche e popolari di sinistra furono tra le cause della svolta autoritaria che diede origine al fascismo. Sonnino-Verdini, noi non torniamo più indietro: né  allo Statuto, nè al Ventennio. Piuttosto noi difenderemo  i nostri diritti con lo scudo della Costituzione, come gli universitari ai cortei contro i manganelli.
 
Prof.ssa Ciraulo, sono d’accordo con Lei. TORNIAMO ALLA LEZIONE. Torniamo a formare menti capaci di pensare e riflettere senza deformare i documenti. Oggi essere cittadini significa pensare con la propria testa, per difendere la VERITA’, l’unico valore che ci permette di essere LIBERI.

Giovanni Sicali
giovannisicali@gmail.com








Postato il Sabato, 04 dicembre 2010 ore 20:03:21 CET di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi