Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484077481 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4462 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1884 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1493 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1288 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
995 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
·Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
· Comunicato dell’Assemblea Nazionale per il ritiro di qualunque progetto di Autonomia differenziata
·Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
·La scuola odierna, non solo in Italia, ridotta ad essere una scuola finta


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Esame di Stato: Cento:missione impossibile

Comunicati

 

Le regole da seguire a cinque mesi dall'esame di maturità di Elena Lisa

Ragazzi, il consiglio è questo: a partire da oggi, dateci dentro. Con lo sport, un’alimentazione sana, una buona organizzazione e, ovviamente, con lo studio. Chi ve lo suggerisce, questa volta, non sono mamma e papà angosciatissimi - come e forse più di voi - per la vostra maturità. Ma preparatori atletici, dietologi, psicologi e insegnanti. Se, fin d’ora, dicono, mente e corpo, vanno d’accordo, l’esame di giugno andrà liscio come l’olio. O quasi.

«Lo studente è un maratoneta che sta per affrontare una gara - spiega Giorgio Calabrese, esperto in alimentazione -. Correrà tra cinque mesi, è vero, ma non supererà facilmente la corsa allenandosi pochi giorni prima». E poi aggiunge: «I ragazzi sottovalutano il cibo. Mangiano quello sbagliato? Che non si stupiscano, poi, se aperto un libro si addormentano sopra».

Regola numero uno, quindi, mentre studiate, bandite gli spuntini con patatine fritte e biscottini. Dice Calabrese: «Sono pieni di grasso, appesantiscono, danno sonnolenza». La dieta giusta, quella che vi renderà concentrati e capaci di ricordare la pagina che avete letto una volta sola, è a base di proteine (latte, carne, uova, pesce) che rinforzano le cellule, le rendono più elastiche e resistenti. Senza dimenticare i carboidrati, pane e pasta: in un momento in cui lo sforzo rischiesto è notevole e prolungato assicurano una buona riserva di energia. Verdura a volontà, invece, perché contiene fibre e smaltisce grassi. I soliti. Quelli che una volta accumulati vi fanno sbadigliare. Meglio mangiare sano, quindi, anche perché incolpare Leopardi e D’Annunzio, d’ora in avanti, vi servirà a poco, e poi nemmeno servono troppe rinunce: la pizza è ammessa una volta a settimana e il cioccolato, ogni tanto, per vincere lo sconforto. Categoricamente fondente, però. «Ha poco zucchero - dice il dietologo - e alza il livello di serotonina, l’ormone del buon umore».

Gli spiriti sportivi, per ricaricarsi, forse lasceranno stare la tavoletta di cacao amaro e punteranno tutto sulla sciata, di domenica, o sulla partita di calcetto con gli amici di scuola. «Va benissimo - dice Luciano Gemello, personal trainer - ma non basta». Bisogna procedere, ogni giorno, con un’attività aerobica che ritempri mente e corpo. Spiega Gemello: «Scuola al mattino, pranzo e poi ancora testa sui libri. Per spezzare, il momento ideale è a metà pomeriggio: un giro in bici o una corsa per mezz’ora e poi ancora libri. Le cellule si rigenerano e portano più ossigeno al cervello». E trenta minuti davanti alla tv o ascoltando musica? «Perfetto - dice - a patto che si faccia una corsetta sul posto: restare a lungo nella stessa posizione, non rilassa la postura, non crea circolazione del sangue e la mente non respira».

E così, nel frattempo, forse, muovendosi un po’, non si pensa più all’esame e si riduce l’ansia: «Per tenerla a bada basta pianificare il tempo che resta da qui all’esame - dice Gabriella Passerini, psicologa nei licei classici di Milano - scrivendo tutto su un diario». E poi precisa: «Non ne farei un dramma: l’agitazione è normale, permette di non sottovalutare la situazione ed è uno stimolo a fare di più». Già, ma se vi assale proprio nei giorni della maturità, allora: «Fate un respiro - dice -. Se avete studiato, l’attimo di vuoto scompare in un baleno. E se siete nel panico cercate, nella commissione, lo sguardo rassicurante del professore che durante l’anno vi ha più sostenuto. Vi calmerà».

I consigli degli insegnanti, per arrivare all’esame preparati e rilassati, sono, neanche a dirlo, più pragmatici. Come quelli di Paola Rivolta, professoressa di Greco all’Alfieri di Torino: «Fate un prospetto con il nostro aiuto, se è il caso. Rispettate gli impegni di studio e anche i tempi dedicati allo svago. Individuate un gruppo di compagni con i quali andate d’accordo, ripassate insieme, interrogatevi. Ma soprattutto - aggiunge svestendo, per un attimo, i panni di docente - pensate a quanto saranno belle le vostre vacanze con la maturità superata e ormai alle spalle».

Maturità, il "cento" impossibile di Raffaello Masci

Fine dei bravissimi e dei supersecchioni. Prendere 100 centesimi alla maturità e fare l’en plein sarà molto ma molto più difficile di un tempo.

I bravi saranno tanti, i talenti pure, ma il botto finale, chi proprio volesse farlo, dovrà conquistarselo con grande fatica a iniziare dal terzo anno delle superiori. Il nuovo regolamento sulla valutazione degli allievi, entrato in vigore alla fine della scorsa estate, impone - infatti - criteri assai stringenti nell’attribuzione del voto di maturità. In linea di principio dà più importanza al profitto degli ultimi tre anni e alle prove scritte, considerate più «oggettive», rispetto alla prova orale, potenzialmente influenzabile da fattori caratteriali.

Ma andiamo per ordine. Intanto essere «ammessi» all’esame non sarà affatto scontato. Un tempo bastava un viatico accordato generosamente dal collegio docente, poi si è passati alla formula più severa che imponeva la media del sei. Ora il percorso si fa ancora più arduo: occorre avere almeno la sufficienza in tutte le materie, senza poter compensare un voto scadente con un altro più lusinghiero. Inoltre a fare media concorreranno anche i voti di educazione fisica e di condotta: chi fa il cretino tutto l’anno - insomma - non fa la maturità. Va da sé, poi, che non ci debba essere neppure il più piccolo debito formativo che non sia stato saldato.

Quanto alla valutazione finale, risulterà - come già accade - dalla somma di una serie di segmenti che però, con le nuove norme, avranno un peso ridistribuito. Il profitto degli ultimi tre anni (il cosiddetto «credito scolastico») fino a ieri produceva fino a un massimo di 20 punti, ora ne acquista altri 5, per un totale di 25 ( e gli studenti che oggi fanno il terzo e quarto anno e hanno i crediti calcolati per 20 punti, vedranno questo valore riparametrato su 25). Le tre prove scritte potranno apportare un massimo di 15 punti l’una (45 in totale), mentre l’importanza del colloquio viene ridimensionata: da 35 a 30 punti. Per quanto riguarda il bonus di 5 punti, a discrezione della commissione, poteva essere assegnato solo a chi avesse raggiunto almeno 70 punti sommando i risultati delle varie prove d’esame. Ora c’è un ulteriore giro di vite: i 70 punti restano, ma ci devono essere almeno 15 punti di credito scolastico.

Quest’ultimo viene calcolato secondo delle complicate tabelle che tengono conto dei voti finali riportati al terzo, quarto e quinto anno delle superiori. Ma - in linea generale - si può dire che per avere almeno 15 punti non bisogna mai scendere sotto al media del 7, e per averne 25 occorre stare oltre l’8. Un eccellente studente che abbia la media del sette e mezzo - per dire- non ha alcuna possibilità di arrivare a 100/100, neppure se fa un eccellente esame.









Postato il Domenica, 31 gennaio 2010 ore 01:56:43 CET di Sebastiano D'Achille
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1.66
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Comunicati

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi