Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481992670 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1684 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1263 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
837 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: CONCORSO DS: LA GIUSTIZIA SOSTANZIALE... SECONDO L'ANP

Opinioni
La “Giustizia sostanziale” dell’Anp. (Lo è veramente?)

Mi è capitato di leggere il comunicato dell’Associazione Nazionale Presidi che si schiera apertamente per tutelare l’interesse dei 426 dirigenti annullati che, a dire dell’Associazione sarebbero le vere vittime di questa vicenda.(Sic!) L’Anp prosegue nel suo proclama affermando che continuerà “il suo impegno per trovare al più presto in tutte le sedi utili – nessuna esclusa – una soluzione conforme alla giustizia sostanziale e non solo al diritto”.

A leggere queste parole, ho ricordato le notti insonni trascorse immerso nelle lunghe letture e nelle ricerche, sui polverosi tomi della biblioteca della facoltà di giurisprudenza. Ricordo le disquisizioni del mio docente di filosofia del diritto sui  concetti di giustizia, di processo e di diritto, le dissertazioni sull’id quod plerumque accidit  del corso di diritto romano e così via.

Francamente non sono stato capace di vedere alcun parallelo tra l’ipotesi concettuale della “giustizia sostanziale” a  me nota e  l’ipotesi di “giustizia sostanziale” invocata, difesa e voluta dall’Anp.

Non ho inteso  riaprire i vecchi tomi di diritto, e mi sono semplicemente affidato ai ricordi sul concetto di “giustizia sostanziale” che, per mera pigrizia, riporto da una definizione banale semplice, ma esaustiva facilmente rinvenibile:

La giustizia sostanziale è quella forma di giustizia che si ispira ai valori etico-sociali espressi dalla società civile in un determinato momento storico, prescindendo dall’osservanza della norma giuridica. La giustizia sostanziale, pur comprimendo la garanzia rappresentata dalla certezza del diritto, ha tuttavia il vantaggio di assicurare, in maniera costante, l’adeguamento del sistema giuridico all’evolversi dell’organizzazione e del costume sociale.

Essa si uniforma tendenzialmente alla giustizia formale ma discrasie tra le due giustizie possono essere determinate dall’applicazione di norme culturalmente e socialmente superate. Il compito di porre fine ai disagi che una tale situazione di «crisi» inevitabilmente comporta è affidata alla sapienza ed alla lungimiranza del giurista.

Mi chiedo se sia questo il concetto cui si riferiva l’acuta e forbita dichiarazione dell’Anp o che il riferimento ad una “giustizia sostanziale” sia piuttosto, più semplicemente, riconducibile alla elementare constatazione che in “sostanza” questi professori hanno fatto i dirigenti (alcuni per tre anni, altri per  due, altri per pochi mesi), e, quindi, sostanzialmente, hanno meritato di diventare dirigenti e mantenere in conseguenza quella qualifica.

Ecco cosa sarebbe per l’Associazione Nazionale Presidi la “giustizia sostanziale”, a meno di ipotizzare che il costume sociale attuale ritiene che siano culturalmente e socialmente superati i seguenti concetti:

1. che le sentenze vengono emanate dai giudici e, quando esecutive, devono essere applicate;
2. che le sentenze esecutive contro la pubblica amministrazione obbligano la medesima a darvi corso ;
3. che sia indegno che dirigenti scolastici si rivolgano ai politici (vile ossequio) per perorare e sostenere l’ introduzione di un emendamento palesemente incostituzionale;
4. che sia indegno (inammissibile) che un uomo di scuola caldeggi posizioni antigiuridiche ed incostituzionali;
5. che sia indegno trattare le sentenze siccome carta straccia;
6. che sia indegno considerare che la Costituzione sia solo per gli imbecilli;
7. che sia indegno affermare che le leggi vadano bene solo se tutelano interessi particolari.
8. che sia indegno che dei parlamentari propongano emendamenti incostituzionali per tutelare interessi personali dei proprio congiunti ed amici.

Se quelli sopra riportati, invece, non sono da considerarsi principi o concetti superati o anacronistici dall’attuale società, allora dobbiamo ritenere che la “giustizia formale” ha correttamente operato e che essa coincide, almeno in tale ipotesi, con quella della “giustizia sostanziale”.
 
Appare evidente che i sostenitori dei 426 fondano il loro assunto e lo ritengono confluente nella fattispecie della “giustizia sostanziale” perché essi si troverebbero a ricoprire quel ruolo - alcuni da pochi mesi-, per il semplice decorso del tempo. Una situazione di fatto, dunque, di “sostanza” come direbbe Totò.

Penso che il povero Enrico Berlinguer si stia rigirando nella tomba nel sentire queste cose che sono frutto della “sconsideratezza politica” del fratello Luigi, il quale ha avuto il demerito di trasformare dei semplici insegnanti di, per esempio, educazione fisica, matematica, filosofia, lettere, bravissimi  per carità nel loro settore, in dirigenti della Pubblica amministrazione, dimenticando che altri sono gli studi e le competenze che occorre avere per svolgere degnamente e con profitto quel ruolo.

Le note che precedono ne sono l’esempio evidente.
Aggiungiamo una chicca: un dirigente (Sic!)  per legittimare la permanenza sulla sua poltrona in pelle ha dichiarato che, se lo avessero rimosso, tutti gli atti  che lui aveva compiuto nel corso della sua permanenza in quella funzione sarebbero stati annullati, compresi gli esami di Stato e gli scrutini;  o l’altra dirigente che rivendica il diritto ad un giusto processo, affermando che i dirigenti non sono mai stati chiamati a difendere il loro legittimo status. Professoressa, il concorso è stato annullato perché la Commissione ha operato in modo palesemente  illegittimo. Cosa avrebbe potuto dire lei, sentita, avrebbe dimostrato che ha operato legittimamente? Cosa avrebbe potuto aggiungere per rendere legittimo ciò che è illegittimo per tabulas?  In ogni caso professoressa, la procedura è una cosa seria ampiamente conosciuta dai magistrati che sono avvezzi ad usare le pandette ed i codici.

Poveretti, quanta tenerezza!
Giuseppe D’Urso






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Lunedì, 14 dicembre 2009 ore 00:00:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2.38
Voti: 136


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi