Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 490192711 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
novembre 2019

Libriamoci: lo scrittore Cono Cinquemani e ideatore del progetto Ambulanza Letteraria ospite al Liceo G. Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
711 letture

Le idee innovative del Majorana volano a Bruxelles
di m-nicotra
622 letture

Bando selezione esperti FSE/PON - Liceo Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
612 letture

Il Parlamento della Legalitą a Montecitorio, l’ambasciata del dono, nel nome di Nicholas Green
di g-aderno
503 letture

Tre intense giornate a Roma - Delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania
di m-nicotra
458 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione č ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: I RICORRENTI DEL CONCORSO DS: MAI OFFESO I VINCITORI

Opinioni
LE RAGIONI DEI RICORRENTI: LA FORMA È SOSTANZA
I Ricorrenti del concorso ordinario D.S. Sicilia non sono “i bocciati” ma sono “i mai valutati” e hanno rivendicato il diritto di denunciare l’assenza di valutazione alle prove concorsuali, pertanto, il termine ‘bocciati’ è improprio e le sentenze non vanno sminuite solo perché scomode.
E’ stato insinuato il dubbio della mancanza di preparazione dei Ricorrenti per giustificare le bocciature da parte della commissione, ma questa non è la verità, come dimostrano già le prime sentenze che riguardano due ricorrenti. I ricorrenti sono coloro che sin da subito non hanno accettato come realistica la valutazione e la bocciatura e si sono opposti con ogni mezzo lecito a loro disposizione ad un vera e propria ingiustizia, con ricorsi singoli al Tar e anche con ricorsi collettivi e, al Capo dello Stato laddove non disponevano delle somme necessarie per pagare le parcelle di avvocati e insigni giuristi.
Inoltre i Ricorrenti hanno affrontato il medesimo percorso formativo dei neoassunti e, già prima del concorso, hanno frequentato corsi di preparazione, alcuni dei quali gestiti da associazioni qualificate come l’ANP e da altre associazioni sindacali, poi, hanno affrontato un vero e proprio concorso preselettivo per titoli con posizionamento in graduatoria per l’accesso alle prove del concorso annullato, i cui titoli sono documentati presso l’U.S.R. (dottorati, master, corsi di specializzazione ed altri titoli professionali), oltre ad avere i requisiti prescritti della laurea e degli anni di insegnamento, (e quindi possiedono titoli e meriti professionali documentati); hanno poi svolto due esami scritti e sono stati “bocciati” solo perché privi di valutazione legittima (correzione in meno di 2 minuti per ogni elaborato di 6-8 facciate scritte in corsivo, compreso il tempo di apertura delle buste, discussione valutativa, attribuzione del voto e  compilazione dei verbali) ed esami orali che sono stati impugnati per le medesime ragioni che hanno poi portato il CGA ad esprimersi per l’annullamento, già alle prime sentenze, di tutti gli atti del concorso, per vizi di forma che hanno assorbito i vizi sostanziali:
È stato anche insinuato che, in fondo, se di vizio si è trattato, quest’ultimo ha riguardato una pura formalità: si sarebbe trattato semplicemente del numero dei commissari che invece di essere 3, erano 2. La legge, invece, prevede il criterio del “collegio perfetto” che prescrive un numero dispari di commissari, almeno 3, prevedendo la possibilità del confronto di opinioni tra i commissari, dal quale deve comunque scaturire una omogeneità di criteri che devono essere formalizzati in una griglia di valutazione che preceda la valutazione stessa, cioè quello che qualsiasi maestra di scuola primaria sa essere necessario per valutare. Invece la mancanza del collegio perfetto ha portato come impossibilità per ciascun membro di recepire in ogni momento il giudizio dell’altro ed esprimere il proprio e ha portato inevitabilmente a non utilizzare alcun criterio di valutazione (non sono state usate griglie di valutazione come risulta dai verbali) e ciò è strettamente connesso con la questione del merito che è assente in questo concorso e non può essere chiamato in causa da nessuno. Affermiamo, sulla base di quanto sopra esposto, che le due posizioni, vincitori e bocciati, solo apparentemente contrapposte, siano l’erroneo risultato della scorretta valutazione della Commissione.  A nulla serve dire che nel resto d’Italia la commissione era ugualmente incompleta perché, a proposito di merito, per la Pubblica Amministrazione, imitare i cattivi comportamenti altrui non è stato un merito. Così com’è prevista per l’insegnamento, la possibilità di imitare le buone prassi, al fine di rendere efficace l’azione dell’insegnamento, allo stesso modo, sarebbe opportuno che la P.A. si rifacesse alle buone prassi concorsuali (ricordiamo che il saggio del concorso riguardava appunto l’efficacia dell’azione gestionale).
A giustificare la situazione di fatto, viene, poi, spesso chiamato in causa dai dirigenti “vincitori” il  “merito sul campo” dei medesimi, nel dirigere scuole su territori a rischio di devianza, le stesse scuole a rischio dove i  colleghi “bocciati” illegittimamente, hanno continuato a insegnare per tutto questo tempo in cui altri le hanno dirette, merito questo certamente non inferiore. Anche i ricorrenti, infatti, avrebbero potuto dare prova di identiche capacità gestionali se solo ciò fosse stato loro consentito. Inoltre, in tutto questo tempo, ai meriti sul campo, i Ricorrenti hanno aggiunto titoli professionali. E a proposito di meriti, affermiamo che occorre immettere nella P.A. gente meritevole e capace, ma soprattutto con una mentalità legale: essere ricorrenti, (lo abbiamo dimostrato), è soprattutto denunciare ciò che è sbagliato, rompendo il silenzio dell’omertà e i conseguenti comportamenti rinunciatari, cui siamo talmente abituati culturalmente da aver ascoltato in questi anni di attesa, affermazioni plurime sul fatto che “i ricorsi non si fanno, in ossequio alle leggi”: un’affermazione, da un punto di vista pedagogico, gravissima, a parer nostro, che fa comprendere come sia un problema emergente l’educazione alla legalità.

Il Comitato Ricorrenti del concorso Dirigenti scolastici annullato in Sicilia si è costituito solo di recente, quando il Parlamento ha deciso di intervenire in una questione di giustizia per tutelare solo una parte nel contenzioso in atto, e dopo che già erano arrivate le prime sentenze di annullamento dell’intera procedura concorsuale. Il Parlamento, infatti, aveva inserito un emendamento chiaramente incostituzionale perché rendeva immuni da sentenze i dirigenti illegittimamente assunti dalla graduatoria del concorso annullato, impedendo, di fatto, una situazione di parità tra concorrenti dichiarati illegittimamente vincitori e/o bocciati. L’intervento del Parlamento intendeva così cancellare le legittime aspettative dei ricorrenti.
Il comitato Ricorrenti, ha avvertito a quel punto come sfumata la possibilità di ottenere un annullamento, così come la volontà politica ha dimostrato adducendo, per salvare i presidi in carica, argomentazioni riguardanti la “continuità del servizio scolastico”, i Ricorrenti hanno pertanto, continuato a chiedere di essere considerati su un piano di parità di diritti con i dirigenti assunti dal concorso annullato erga omnes. Infatti, i ricorrenti di un concorso sono equiparabili ai vincitori di un concorso annullato.  La posizione dei Ricorrenti, rispetto a chi chiede ancora l’annullamento come unica possibilità è quella di ricercare una soluzione alternativa in questo senso.  I ricorrenti ritengono inoltre, che provvedimenti emendativi che si espongono a impugnazioni siano insufficienti a garantire la continuità del servizio scolastico e a cancellare definitivamente il contenzioso in atto destinato a diventare perpetuo. Qualsiasi soluzione deve porre sullo stesso piano Ricorrenti e Vincitori del concorso annullato per ripristinare la legalità. Non è ad esempio, pensabile sottoporre a nuovi esami solo una parte dei concorrenti perché verrebbe meno l’identico trattamento tra concorrenti di uno stesso concorso annullato. Tutti i ricorrenti perderebbero interesse a ricorrere contro la P.A. e a sollevare la questione di costituzionalità di una eventuale legge che disponesse un trattamento disomogeneo e diseguale delle parti in causa, se ci fosse una sanatoria che contemplasse pariteticamente entrambe le parti del contenzioso. Bisogna inoltre ricordare che entrambe le parti coinvolte potrebbero intentare ulteriori cause risarcitorie verso la P.A. medesima.                                                                                                   
        Il Comitato Ricorrenti chiede, sulla base dell’identica valutazione deficitaria già avvenuta, un trattamento paritario: che i ricorrenti e i nominati vengano ammessi ad un corso di formazione  con colloquio finale e valutazione con punteggio e quindi inseriti in graduatoria ad esaurimento senza aggravio per la spesa pubblica. In tal modo si ripristinerà la legalità. Tale provvedimento rappresenta inoltre l’unico mezzo legale per disattivare un livello già altissimo di contenzioso che diversamente verrebbe ulteriormente esacerbato. Diversamente, creando distinzioni inesistenti tra nominati e ricorrenti, si perpetuerà un contenzioso infinito.  Occorre considerare anche che le graduatorie ormai sono esaurite e il risparmio che la P.A. avrebbe, dal momento che le immissioni avverrebbero sui posti via via disponibili..
I Ricorrenti tengono moltissimo ad evidenziare, al fine di evitare una manipolazione dell’informazione, che non hanno MAI RIVOLTO APPELLATIVI OFFENSIVI nei confronti dei colleghi dichiarati vincitori in quanto, come dettato dalla Corte Suprema, sia i ‘dichiarati vincitori’ che i ‘dichiarati bocciati’, sono entrambi portatori di posizione giuridica di diritto ed hanno subìto, loro malgrado, rilevanti danni sul piano morale e professionale come conseguenza di un  errato operato della Commissione. I ricorrenti non condividono le fonti di tali posizioni offensive, ma non vogliono essere considerati degli opportunisti privi di preparazione. Tengono comunque a precisare per coloro che li hanno offesi che loro sono stati “bocciati” 2 volte da commissione illegittima con illegittima valutazione e in modo privo di anonimato e con commissione consapevole della loro posizione giuridica di ricorrenti mentre ricorreggendo li ri-bocciava, mentre il concorso, e chi lo ha vinto, è stato “bocciato” 3 volte dai tribunali.
Dott.ssa Valeria Mendola, coordinatrice Comitato Ricorrenti del concorso D.S. annullato in Sicilia.





dello stesso autore




Postato il Sabato, 05 dicembre 2009 ore 00:00:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1.30
Voti: 78


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi