Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 552696573 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
settembre 2022

Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra, dodici medaglie per le studentesse e gli studenti della squadra italiana
di a-oliva
606 letture

Giuseppe Pierrro. Nuovo Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale di Sicilia
di a-oliva
556 letture

Seminario di formazione in presenza: attivitą di inizio anno scolastico
di m-nicotra
544 letture

Personale ATA - Affidamento Istituzioni scolastiche sotto-dimensionate a D.S.G.A. titolari di scuole normo-dimensionate. A.S. 2022/2023 - Incarichi
di a-oliva
542 letture

Cattedre orario esterne - Scuola secondaria di I e II grado
di a-oliva
515 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione č ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Nuove Tecnologie: I motivi per cui Chrome OS potrebbe avere successo

Rassegna stampa

Passato l’hype iniziale per Windows 7 è ora il sistema operativo targato Google atenere banco nei forum e nei gruppi di discussione. Commenti positivi e negativi si susseguono a ruota, la maggior parte dei quali probabilmente poco fondati visto l’attuale stato embrionale del sistema, sicuramente destinato a cambiare radicalmente, e la carenza di informazioni “fondamentali”. Speculazioni sul successo o sul flop sputano ovunque, previsioni cataclismi che di dominazione dell’universo IT da parte di Google si contrappongono all’inizio della fine che sarebbe dettato da un eventuale fallimento del sistema operativo di Mountain View. Sempre secondo alcuni.

Le motivazioni valide per questo ipotetico fallimento di sicuro non mancano. Supporto vincolato ai soli SSD, impossibilità di installare applicazioni esterne, dipendenza dalla rete e installabilità solo su sistemi “Google Approved” sono tutte ottime argomentazioni in favore del flop della piattaforma. Al contrario i sostenitori fanno leva sulla velocità di boot, la sicurezza intrinseca di un sistema auto aggiornante, l’essenza open source del progetto ed il supporto a piattaforme consolidate quali i vari servizi online offerti da Google e Microsoft. Come vedete quindi c’è molta carne al fuoco, e una ottima possibilità per tutti di “schierarsi” e decidere da che parte stare: Chrome OS sarà un fallimento o un successo? Io dico che non fa differenza.

Il concetto alla base di Chrome OS è forse il primo tentativo di creare qualcosa di veramente innovativo ed orientato al futuro.Sicuramente un futuro non prossimo ma quantomeno un futuro plausibile,se non certo. La disponibilità di banda al giorno d’oggi non si può di sicuro definire ottimale, ma non per questo ci si deve fossilizzare e continuare a pensare di dover “limitare” l’utilizzabilità del proprio  sistema plasmandolo per un utilizzo locale. Da quando esiste il concetto di network remoto c’è sempre stata la filosofia dell “inserire il proprio pc nella rete”, di collegarlo per fruire localmente dei servizi remoti messi a disposizione dai gestori e da chi altro.

La filosofia di Chrome OS è invece quella del “inserire la rete nel proprio pc”, svincolando e decentralizzando la gestione di documenti, files e risorse in generale. Con l’avvento di tag, librerie e catalogazione avanzata il concetto di cartella è destinato a diventare obsoleto, lento e macchinoso. Un motore di ricerca associato ad una attenta catalogazione delle risorse faciliterà il reperimento delle informazioni, siano esse locali o remote. Perché davvero non fa differenza dove sono memorizzate queste informazioni, basta che siano reperibili sempre e velocemente. Attualmente Chrome OS promette una gestione totalmente online dei propri documenti, ma non ho dubbi che questa filosofia sia destinata a cambiare, permettendo uno storage locale con a seguito una sincronia remota dei propri “averi digitali”. Ed io francamente non vedo l’ora che questo sogno diventi realtà, svincolando il sistema operativo dall’hardware sul quale lo si esegue, “virtualizzandolo” in un certo senso all’interno di un browser (perché Chrome OS non è altro che un browser) in grado di farmi scrivere documenti, gestire foto, vedere film, ascoltare musica, chattare con gli amici, telefonare e quant’altro, in qualsiasi parte del mondo, dovunque io sia. Sono questi gli utilizzi di un computer general purpose, che corrisponde ad una grossissima fetta di mercato dei PC “standard” ed alla quasi totalità del mercato netbook. Curiosamente ma non troppo, se rileggete l’elenco di utilizzi che ho appena stilato vedrete un trend curioso: Google Docs, Google Calendar, Picasa, YouTube, Google Music, Google Talk, Google Voice… sono tutte realtà gia esistenti -più o meno- che attendono solo di essere centralizzate. Ed è qui che entra in gioco Chrome.

L’annunciata inclusione di tutte le features di Chrome OS anche all’interno del browser standalone, possibilità di cui francamente si parla pochissimo, riveste secondo me un ruolo fondamentale e pionieristico, una vera rivoluzione perché si riallaccia al concetto espresso prima di “virtualizzazione dell’ambiente di lavoro”. La possibilità di condividere lo stesso ambiente su computer diversi, su sistemi diversi, in uffici diversi, ma mantenere la stessa base di informazioni (in quanto memorizzate nel cloud) è una possibilità che apre incredibili orizzonti di portabilità, o meglio di reperibilità.

E riallacciandosi all’idea del cloud come storage centralizzato, un orizzonte futuro sul quale non ho ancora visto speculazioni è il concetto di “cloud privato”, che in ambito aziendale sarebbe una manna dal cielo per amministratori di rete e tecnici e non avrebbe grossi limiti dettati dalla disponibilità di banda. Capiamoci, il concetto di terminale e di client diskless non è una novità, ma l’infrastruttura di supporto ha un costo comunque rilevante ed una utilizzabilità tutto sommato limitata a certi ambiti. La virtualizzazione della workstation, al contrario del singolo accesso a terminale, è tutt’ora un concetto di difficile applicazione sia per questioni tecniche che pratiche, avendo a che fare con grosse moli dati da trasferire al client per renderlo operativo. L’approccio di Chrome OS a questa problematica risolve brillantemente anche questo problema, permettendo quindi di gestire macchine desktop in un ambito aziendale in maniera incredibilmente flessibile e, non smetterò mai di dirlo, svincolando il sistema operativo dalla macchina su cui viene eseguito e creando in contemporanea una reale multiutenza, garantendo la privacy locale e la sicurezza dei dati memorizzati al 100% nel cloud aziendale. Un sogno.

In conclusione, Chrome OS avrà successo? Poco importa. Se non sarà Chrome OS ad avere successo lo avrà il suo successore, o quello dopo ancora, che magari non si chiamerà nemmeno Chrome o non sarà nemmeno sviluppato da Google. Il punto è che Chrome OS ha cambiato e cambierà il modo di pensare al sistema operativo, ai dati e, probabilmente,all’informatica in generale. Da qui a 20 o 30 anni magari, ma succederà. Valutarlo come sistema utilizzabile al giorno d’oggi è francamente irrilevante ed è comunque piuttosto difficile visti i grossi limiti dell’infrastruttura delle telecomunicazioni attualmente utilizzata per trasportare dati a livello mondiale (leggasi Internet).Chrome OS ha ed avrà il merito di aver introdotto una piccola grande rivoluzione nel modo di concepire l’informatica, per la prima volta“facente parte della rete” e non semplicemente “collegata alla rete”.Anche quando non si è realmente collegati. (da downloadblog.it)

Diego Martin






dello stesso autore




Postato il Mercoledģ, 25 novembre 2009 ore 16:00:00 CET di Piero La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.60 Secondi