Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 489102449 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2019

Domenica 6 ottobre Lungomare Fest per l’intera giornata all’insegna della solidarietà.
di a-oliva
741 letture

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra
626 letture

Grazie Nicholas
di a-oliva
548 letture

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva
535 letture

Personale ATA - Elenco definitivo Assistenti Amministrativi disponibili alla copertura dei posti vacanti del profilo di D.S.G.A. – A.S. 2019/2020
di a-oliva
533 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Mons. Gaetano Zito, padre, maestro e amico
·Grazie Nicholas
·Domenica 6 ottobre Lungomare Fest per l’intera giornata all’insegna della solidarietà.
·25 anni fa la tragedia del piccolo Nicholas e il grande dono.
·UCIIM - Istituto Ventorino - Giovedi 26 settembre alle ore 16 avrà luogo il convegno promosso dall’UCIIM sul tema: Educazione Civica e Cittadinanza Digitale


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Formazione Superiore: Formazione docenti: Scoprire il piacere di studiare

Istituzioni Scolastiche

PUBBLICATO: HR-HANDICAP  RISPOSTE

 Mensile di attualità, cultura e informazione sulle tematiche dell’handicap 

 

 

Scoprire il piacere di studiare 

Ricerche effettuate affermano che l' 84% degli studenti soffrono di problemi motivazionali durante i loro corsi. La motivazione e il metodo di studio  sono la chiave per il successo effettivo nello studio 

Letizia Colonna –colonnaletizia@infinito.it  

 

 

 

 

 

 

 

“Per ogni persona che vuole insegnare ce ne sono approssimativamente 30 che non vogliono imparare”. ( W.C. Sellar e R.J. Yeatmen, In Lamb, 1990). 

 

Gli insegnanti sono disorientati: non capiscono cosa stia succedendo ai propri studenti. I genitori sono angosciati perché si sentono impotenti di fronte al disinteresse dei figli nei confronti della scuola. La maggior parte degli studenti percepisce la scuola come un peso, una noia, una costrizione.  L’obiettivo che ci si vuole proporre  con questa serie di articoli sul metodo di studio e sulla motivazione non è l’elenco di particolari tecniche “seduttive” per abbellire le materie, ma un incontrare gli studenti come persone con i loro bisogni. Tutti possiamo fare qualcosa subito senza dovere aspettare riforme strutturali, possiamo sin da questo momento elaborare argomentazioni sul significato e sul valore dello studio e della scuola. Un proverbio cinese dice: “Non dare un pesce ad un affamato, ma forniscilo di un amo da pesca; se gli dai un pesce, mangerà per un giorno, se gli fornisci un amo, mangerà tutti i giorni”. Un buon metodo di studio è utile perché consente di risparmiare tempo e sforzi inutili. I cenni che a seguito verranno forniti vogliono essere “ imput” utili per successivi personali approfondimenti sia da parte di studenti adulti, che da parte di insegnanti che, sono coloro che  avviano gli apprendimenti sulle tecniche riguardanti l’attuazione di un metodo di studio efficace. I fattori fondamentali  del metodo di studio sono secondo M. Polito: 

Ø Il metodo. Ø La motivazione. Ø Le abilità cognitive e metacognitive. Ø Le strategie e le mnemotecniche. Ø Lo studio. 

·        Il metodo è la conoscenza della strada più efficace per ottenere ottimi risultati, però sono necessarie diverse abilità : sapere cosa è lo studio e cosa comporta; gestire il proprio tempo per lo studio; essere capaci di automotivarsi; essere in grado di programmare i tempi di studio; riuscire a fare un’autovalutazione dei risultati del proprio studio; saper elaborare strategie per prendere appunti; schematizzare; leggere e produrre un testo. 

·        La motivazione è la spinta a raggiungere ciò che si ritiene importante; la motivazione è condizione indispensabile dello studio (per tale argomento, vista la sua importanza, saranno dedicati degli articoli a parte). 

·        Le abilità cognitive e metacognitive: le prime riguardano il conoscere, le seconde riguardano il modo in cui si conosce. E’ necessario riuscire ad adottare strategie di apprendimento; sfruttare la propria memoria al massimo utilizzando anche le mnemotecniche; conoscere ed utilizzare strategie che riescono a farci recuperare le informazioni già acquisite,  rielaborarle e riutilizzarle. 

·        Le strategie  di studio sono dei piani sequenziali di operazioni che favoriscono l’assimilazione, l’elaborazione e la memorizzazione:  strategie per leggere, per apprendere, memorizzare,  ripassare e produrre un testo. Strategie per sottolineare, prendere appunti e schematizzare. 

·        Lo studio è la quantità e la qualità di investimento della propria energia per imparare. 

Il metodo di studio è, invece, il modo migliore per assicurare un buon investimento delle energie  applicate. “Lo studio senza metodo è disordinato e improduttivo. Lo studio senza motivazione è noioso e insopportabile”. IL metodo di studio comporta la conoscenza di come studiare, di quanto e quando studiare, di come funziona l’apprendimento e la memoria, di come si stimola l’attenzione e la motivazione. Le caratteristiche fondamentali dello studio secondo  M . Polito sono le seguenti: 

Ø La consapevolezza del valore dello studio. 

Ø L’interesse . 

Ø La costanza . 

Ø Il metodo.  

La consapevolezza dell’importanza dello studio nasce dalla consapevolezza di sé, delle proprie attitudini, dei propri scopi e motivazioni, delle proprie strategie. Gli studenti più bravi di solito hanno buona consapevolezza  del proprio valore e delle proprie risorse. L’interesse: dal greco  “interesse” significa “ essere dentro”, cioè essere coinvolto intimamente con quello  che si fa. In altri termini fare le cose controvoglia è dannoso e inutile. Un proverbio afferma “ quel che ascolto dimentico, quel che vedo ricordo, quel che faccio capisco”. Solo facendo le cose attivamente è possibile  apprendere, comprendere e ricordare. La costanza: non basta avere l’intezione di studiare è necessario tradurre l’intenzione in azioni concrete, graduali e costanti. Un proverbio latino  dice: “una goccia riesce a scavare anche la pietra, non per la sua forza , ma per la sua costanza”. Un impegno saltuario conduce alla dispersione delle energie, ma un impegno costante garantisce risultati soddisfacenti Il metodo: lo studente motivato sente la necessità di curare il proprio metodo di studio: "Quando studiare? Quanto studiare?  Come studiare? Cosa studiare? Come studiare? Dove studiare? In quali condizioni psicofisiche?”  (M . Polito) 

 

 

Ø Quando studiare?  E’ necessario individuare le proprie difficoltà nella gestione del del tempo studio; conoscere e rispettare il proprio ritmo di attività e di riposo; conoscere le proprie attitudini; programmare il proprio tempo, distribuendo le ore e le scadenze 

Ø Quanto studiare? Non esiste una risposta uguale per tutti la quantità di ciò che si deve studiare dipende da molteplici fattori: la padronanza dei prerequisiti ; la forza della motivazione, la struttura del testo ( semplice, complessa), l’uso di adeguate strategie metodologiche, la piena efficienza delle abilità cognitive.  

Ø Come studiare?  La padronanza di un buon metodo di studio permette di fare il doppio in metà tempo e con meno fatica. Riattivare le preconoscenze prima di studiare;  individuare il proprio ritmo di apprendimento; individuare i primi segni di stanchezza o di distrazione; studiare attivamente utilizzando i vari canali sensoriali; studiare con i sussidi didattici. 

Ø Cosa studiare? Ciascuno di noi sceglie cosa studiare secondo le proprie attitudini ed inclinazioni. I contenuti e la qualità dello studio cambiano a seconda dell’età, dell’interesse, degli scopi. 

Ø Dove studiare? Bisogna aver cura del proprio ambiente di studio. Per studiare si ha bisogno di concentrazione, è necessario un ambiente ben ossigenato, non troppo caldo né troppo freddo, tranquillo, raccolto, silenzioso e piacevole. 

 

Ø In quali condizioni psicofisiche?  Si studia bene quando le condizioni psicofisiche sono buone, quando il corpo è forte ed efficiente  anche la mente si sente vigorosa e lucida. E’ meglio evitare di studiare quando si è molto preoccupati . Evitare l’abuso di caffeina e nicotina; scegliere cibi leggeri e digeribili. 

Leonardo Da Vinci affermava: “ Lodare la ragione è facile, difficile è ragionare bene; facile è invocare l’esperienza, difficile è organizzare esperienze sistematiche”. E’ facile lodare il metodo di studio e riconoscerne l’importanza e l’efficacia, ma è difficile riuscire ad applicarlo con costanza fino ad acquisire una stabile abitudine metodologica. L’esercizio è la via più sicura per collegare la teoria sul metodo alla pratica quotidiana dello studio. “ Non serve studiare di più, se non si studia con metodo” Studiare con metodo significa scoprire il piacere di studiare. Ricordiamoci però, che un buon metodo di studio senza una forte motivazione diventa arido. Approfondimenti 

 

·        Boscolo P., (1986), Psicologia dell’apprendimento scolastico, Utet, Torino. 

·        Colpo G., (1978), La Motivazione scolastica, Giunti Barbera, Firenze. 

·        Cornoldi C., (1986), Apprendimento e memoria nell’uomo, Utet, Torino. 

·        Mager R.F:, (1978), Come sviluppare l’atteggiamento ad apprendere, Lisciani e Zampetti, Teramo. 

·        Polito M. , (2002), Guida allo studio. Le tecniche. Come sottolineare, prendere appunti, schematizzare e archiviare Editori Riuniti, Roma. 

·        Polito M. , (2002), Guida allo studio: Il Metodo, Editori Riuniti, Roma. 

·        Polito M. , (2003), Guida allo studio: La Motivazione , Editori Riuniti, Roma. 









Postato il Martedì, 13 ottobre 2009 ore 12:34:00 CEST di Letizia Colonna
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi