Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 491604584 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2019

IV Edizione “Premio Giacomo Leopardi”. Sede Regionale di svolgimento il Convitto Nazionale “ Mario Cutelli” Catania. SCADENZA 20 DICEMBRE 2019
di a-oliva
601 letture

L’Istituto ‘Giovanni Paolo II’ di Piano Tavola sede dell’ambasciata della fratellanza del parlamento della legalità internazionale
di a-oliva
560 letture

Padre Calanna - Imprenditore della carità e dell’inclusione
di a-oliva
540 letture

Consiglio comunale dei ragazzi a San Pietro Clarenza e Camporotondo.
di a-oliva
396 letture

ANDREA GAGLIANO - Secondo Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto Maria Ausiliatrice
di a-oliva
389 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·“Webtrotter: Il giro del mondo in 80 minuti” - APERTE LE ISCRIZIONI ALL'EDIZIONE 2020
·Roma, 7 novembre 2019. Obiettivo stabilità del lavoro, vale anche per chi insegna religione.
·Erasmus for young entrepreneurs - partecipazione italiana, dal 2009 al 2019, 2.000 esperienze imprenditoriali
·CYBERSCUDO è la nuova certificazione AICA contro il cyberbullismo
·Ciao Andrea. La Sicilia democratica e antifascista ti ricorda con grande affetto


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Spazio SSIS: LA GELMINI: LE SSIS? UNA FABBRICA DI DISOCCUPATI

Comunicati
Da Gelmini un’altra spallata alle Ssis: fabbrica di disoccupati
di A.G.
Intervista a tutto campo del ministro al “Giornale”: dito contro sindacati, scatti automatici e facoltà universitarie inutili. Le Scuole di specializzazione? Non è che chi le supera abbia la garanzia di un posto, ma solo di mettersi in fila a graduatorie già stracolme. Al loro posto un tirocinio annuale. Ma i precari non ci stanno.
Un’altra spallata del ministro Gelmini verso le Ssis: stavolta è arrivata dalle pagine del quotidiano “Il Giornale” a cui il responsabile del Miur ha rilasciato un’intervista tutt’altro che diplomatica. Molti i punti toccati. Ad iniziare dalle difficoltà riscontrate per riformare il comparto scuola (“è l'istituzione più difficile da rinnovare. I suoi sindacati sono per la sua conservazione assoluta") alla ferma volontà di introdurre la carriera professionale (“tutti devono avere un minimo garantito: ma poi la retribuzione deve crescere per merito, non per scatti prefissati”) e di eliminare gli sprechi nelle facoltà universitarie ("Ce ne sono parecchie che non hanno alcuna ragione d'essere: chiudendo le facoltà inutili si recuperano risorse per quelle necessarie").
Ma a far discutere è stata soprattutto la decisa sottolineatura del ministro sulle Scuole di specializzazione per l'insegnamento secondario: scuole che per Gelmini sfornano da anni futuri insegnanti "inutili" che vanno a riempire la "fabbrica di disoccupati" già esistente e che "servono solo all'università per fare business". Quindi "a breve" saranno sostituite "con un tirocinio nelle scuole" dalla durata di un anno. E così si andrà avanti per tutta questa fase transitoria, che dovrebbe concludersi nell’a.s. 2011-2012. In base alle ultime bozze dei progetti di legge cui si riferisce il ministro i criteri di accesso ai tirocini saranno gli stessi adottati negli ultimi anni per gli aspiranti Ssis: ad iniziare, quindi, dal numero programmato.
"Gli aspiranti insegnanti – ha detto ancora Gelmini - fanno le Ssis dopo la laurea e debbono in pratica ripetere esami già dati all'università. Sono inutili, insomma". Anche perché "non è che chi le supera abbia la garanzia di un posto: ha solo la garanzia di mettersi in fila a graduatorie già stracolme. Le Ssis sono una fabbrica di nuovi precari". Per il futuro il ministro annuncia che le formazione dei docenti sarà caratterizzata da "meno teoria, e quindi basta doppioni di esami dati all’università, e più pratica. A fare l'insegnante s'impara sul campo. Con un tirocinio nelle scuole".
A ben vedere quella del ministro dell’Istruzione è una posizione assunta già all’indomani del suo arrivo a viale Trastevere: lo scorso settembre Gelmini, durante un question time alla Camera, ma anche due mesi prima durante un’audizione al Senato, aveva dichiarato la volontà di porre "fine al paradosso di corsi destinati a sboccare nel nulla".
Pronta le replica dei diretti interessati. Ad iniziare dai docenti precari ancora senza abilitazione. Secondo una stima attendibile sarebbero non meno di 10 mila. "La maggior parte di noi – spiega Andrea Conti, del Movimento insegnanti da abilitare – insegna anche senza abilitazione da 4-5 anni, alcuni anche da 8 anni, e non credo proprio che dovremmo essere formati ancora sul campo. Ci siamo fatti le ‘ossa’ con le supplenze. Senza contare che molti hanno una formazione magistrale che secondo la circolare del 10 marzo ’97 dovrebbe essere un titolo di per sé già abilitante. Forse al ministero dell’Istruzione non si rendono conto che per fare un anno di tirocinio, al fine di conseguire l’abilitazione affiancandoci ai docenti di ruolo e più esperti, si tradurrebbe in un pericoloso passo all’indietro".
"Diversi di noi ormai prendono supplenze annuali anche fino al 31 agosto, sono trentenni, hanno la famiglie ed il mutuo della casa da pagare. Lavorare gratis, come previsto dal ddl sul reclutamento per chi svolge l’anno di tirocinio, equivarrebbe piuttosto - conclude il docente precario del Mida - ad un anno professionalmente buttato e personalmente impossibile per continuare a vivere".
Ancora più duro Marcello Pacifico, presidente dell’Associazione nazionale insegnanti ed educatori in formazione, secondo cui "l’anno di tirocinio per gestire la fase transitoria rappresenta addirittura un passo all’indietro rispetto ai corsi abilitanti annuali previsti nella legge dell’ex ministro Moratti. Con questo modello contenuto nella bozza Israel – ha detto il leader Anief – viene meno l’approfondimento disciplinare e si annulla la figura del supervisore che negli anni aveva acquisito esperienza sul campo: i nuovi docenti tutor verranno infatti selezionati direttamente dai presidi senza più una seria valutazione dei titoli".
Pacifico è convinto che, alla luce di tutto questo, anche il nuovo modello formativo, incentrato sull’anno di tirocinio, non conterrebbe alcuna garanzia di assunzione per chi lo svolge: "Il progetto avallato dal ministro Gelmini – sostiene il presidente Anief – è gravemente sprovvisto di contenuti multidisciplinari supportati da strutture interfacoltà e da supervisori adeguati. Non garantisce nulla a chi uscirà dal percorso formativo: i migliaia di nuovi abilitati si andranno in pratica ad aggiungere ai 100.000 Ssisini già presenti e agli altri 200.000 precari storici: non sarebbe stato meglio – conclude Pacifico - sistemare prima questo esercito di abilitati e poi pensare ai nuovi?".
La risposta a quest’ultima domanda l’ha data più volte l’on. Valentina Aprea: che ha sempre assicurato una quota delle assunzioni (il 50%) riservata ai precari già abilitati o vincitori di concorso. Rassicurazione cui però i precari, soprattutto quelli di vecchia data, non sembrano dare troppo credito.
12/05/2009





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Mercoledì, 13 maggio 2009 ore 07:38:36 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi