Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 581847851 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2024

Catania romana e dintorni
di a-oliva
260 letture

Mascalucia - Federico Sorrenti, sindaco dei ragazzi dell’istituto Leonardo Da Vinci
di a-oliva
235 letture

Mobilità Personale Docente per l’a.s. 2024/2025 – conclusione operazioni di convalida
di a-oliva
222 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Scuola, aumenti a personale ATA e DSGA. Valditara: “Valorizziamo il contributo di tutto il personale, per una scuola più inclusiva e centrata sullo studente”
·Concorso straordinario insegnanti di Religione cattolica, firmato il decreto
·Scuola, diramata la nota sulle iscrizioni per l’anno scolastico 2024/2025. Le domande dal 18 gennaio al 10 febbraio prossimi
·Scuola, al via concorsi PNRR per l’assunzione di oltre 30mila docenti. Valditara: “Valorizziamo ruolo dei docenti”
·Il Ministero dell’Istruzione e del Merito a JOB&Orienta 2023. Dal 22 al 25 novembre, oltre 50 eventi e uno spazio per l’orientamento e la formazione. Presente il Ministro Valditara


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: TuttoscuolaNEWS n. 85.

Comunicati

Subject: TuttoscuolaNEWS n. 85

 Notizie, commenti e indiscrezioni sul mondo della scuola.
 La newsletter settimanale di Tuttoscuola, la rivista per
 insegnanti, genitori e studenti.

 http://www.tuttoscuola.com

 ************************************************************

 N. 85, 13 gennaio 2002


SOMMARIO

 1. Iscrizioni e anticipi: e' cominciato il tormentone
 2. Ma sara' l'anno degli anticipi?
 3. Religione cattolica, si' o no?
 4. L'Ulivo e' contro la legge Moratti: "in Parlamento e nelle piazze"
 5. Quando i tagli di destra sono piu' cattivi di quelli di sinistra
 6. Legge Frattini, atto secondo
 7. Sperimentazione: si insedia l'Osservatorio nazionale
 8. Concorso riservato per dirigenti ai blocchi di partenza
 9. Valutazione sotto la lente di ingrandimento
 10. TuttoscuolaNEWS: gli esiti di un sondaggio



 1. Iscrizioni e anticipi: e' cominciato il tormentone

 Iscrizioni anticipate negate, accolte con riserva o addirittura
 accettate a tutti gli effetti. Se ne stanno vedendo di tutti i colori
 in questi giorni nelle scuole italiane. Per i bambini che compiranno
 l'eta' entro il 28 febbraio 2004 si registrano sul territorio
 soluzioni disomogenee riguardo all'iscrizione alla scuola materna o
alla prima elementare. Ma facciamo il punto della situazione.
 Da diversi giorni le segreterie delle scuole hanno aperto le
 iscrizioni (fino al 25 gennaio) per il prossimo anno scolastico e
 quasi due milioni di famiglie sono impegnate in questo adempimento che
l'amministrazione scolastica ha cercato di semplificare al massimo con
 modulistica gia' predisposta e compilabile anche on line per gli
 studenti delle superiori (
 http://www.istruzione.it/iscrizionionline/default.htm ).
 Spetta alle singole istituzioni facilitare adempimenti e scelte dei
 genitori, rendendo trasparente l'offerta di servizio scolastico e le
eventuali opzioni. Da due anni a questa parte le istituzioni
 scolastiche al momento dell'iscrizione hanno l'obbligo di fornire
 anche il POF (Piano dell'Offerta Formativa) alle famiglie. Un'agile
 guida alle iscrizioni e' consultabile su http://www.tuttoscuola.com .
Ma il tormentone del mese, per chi iscrive figli alle scuole
 dell'infanzia statali e soprattutto alla prima elementare, e' la
 questione degli anticipi. C'e' disorientamento da parte delle famiglie
 (cosa fare) e da parte delle scuole (cosa rispondere).
Vediamo di capire che sta succedendo.


 2. Ma sara' l'anno degli anticipi?
 La circolare ministeriale sulle iscrizioni si e' attenuta alle norme
 vigenti, facendo riserva di fornire disposizioni sugli anticipi dopo
 l'approvazione della legge di riforma. Questo rinvio ha creato un po'
 di smarrimento nelle scuole e nelle famiglie. Anci (Associazione dei
 Comuni) e Fism (Federazione delle scuole materne non statali) in un
 documento congiunto affermano, al contrario di altri, che "l'anticipo
 della frequenza alla scuola dell'infanzia e alla scuola elementare,
 non potra', quasi sicuramente, decorrere dal prossimo anno
 scolastico".
 Ciononostante, sono molte le istituzioni scolastiche che accolgono
 pre-iscrizioni di bambini che compiranno l'eta' entro il 28 febbraio
 2004, predisponendo liste di attesa in vista del via libera (dato come
 probabile).
E a quanto ci risulta, ci sono anche scuole, soprattutto nei grossi
 centri urbani dove si teme la concorrenza, che iscrivono a tutti gli
 effetti i bambini in anticipo, dando per certa l'approvazione della
 riforma in tempo.
 Dal no al si' totale: anticipi. cosi' e' se vi pare.
 Ad ogni modo, la probabilita' che le iscrizioni vengano riaperte dopo
 l'approvazione definitiva della riforma Moratti in Parlamento e'
 abbastanza elevata. Ricordiamo che per la sperimentazione nell'anno in
 corso sono state riaperte a settembre inoltrato.
 Difficilmente il ministro rinuncera' a quest'obiettivo. Dovremmo
 quindi avere a settembre prossimo, verosimilmente, bambini piu'
 giovani a scuola e anche piu' classi prime di elementare e sezioni di
 materna per accoglierli.
 Quanti potranno essere i "precoci"? Tutta da verificare la stima
 ministeriale sulla quantita' possibile di anticipi (ottimisticamente
individuata nell'80% dei nati nel bimestre interessato). Precedenti in
 materia non ce ne sono. Unico punto di riferimento sono le statistiche
 delle primine che consentono di registrare nelle classi successive
 alla prima elementare, come dato costante negli anni, la quantita' di
 alunni in anticipo di un anno: il 2,5% nelle scuole statali e il 20%
 in quelle paritarie. La Campania fa registrare il record di anticipi
 (il 9% nelle statali e ben il 50% nelle paritarie).


 3. Religione cattolica, si' o no?

La Conferenza episcopale italiana (CEI), come di consueto, in
occasione delle iscrizione scolastiche ha preso posizione con un
 documento ( http://www.tuttoscuola.com/ts_news_85-1.doc ) in cui
 invita le famiglie e gli studenti a scegliere di avvalersi
dell'insegnamento della religione cattolica.
 Una scelta, fa notare la CEI, che riveste un grande valore, personale
 e sociale, e che, considerata la crescente presenza di cittadini e
studenti di altri Paesi, contribuisce ".alla costruzione di una
 societa' che, proprio dal rispetto dei valori sui quali si e'
 sviluppata nel tempo, puo' trarre motivazioni e orientamenti per
creare condizioni di serena accoglienza a nuove forme di pensiero e di
 vita".
 Nel documento si fa notare anche che ".ci sono poi le attese, le paure
 e i tanti interrogativi dei bambini e ancor piu' dei ragazzi, che
fatti incresciosi, troppo di frequente, pongono all'attenzione della
 cronaca. Su di essi spesso cala un silenzio di rimozione; si lascia
che siano i mass media di larga diffusione a offrire, dopo aver
 presentato l'accaduto in maniera spettacolare, fragili tentativi di
comprensione e inadeguate proposte di intervento. Assieme alla
 famiglia e alla comunita' cristiana la scuola - e in essa
l'insegnamento della Religione cattolica - deve poter svolgere un
 ruolo determinante nell'azione educativa..".
 Sulla scelta degli studenti e delle famiglie di avvalersi o meno
 dell'insegnamento della religione cattolica, riportiamo un documento (
 http://www.tuttoscuola.com/ts_news_85-2.doc ) trasmessoci da "Scuola e
 Costituzione" che puntualizza nel dettaglio le procedure circa la
 possibilita' avvalersi o non avvalersi di tale insegnamento.

 ____________________________________________________________


 UN VIAGGIO LUNGO TREMILA ANNI
 Time Elevator Roma, primo esempio in Italia di motion theatre
 e di viaggio virtuale attraverso il tempo e la storia.
 Esperienza unica che completa la visita a Roma coniugando la didattica
 con il divertimento attraverso sofisticate tecnologie multisensoriali.
 http://www.time-elevator.it

 ____________________________________________________________


 4. L'Ulivo e' contro la legge Moratti: "in Parlamento e nelle piazze"

 L'opposizione politica, lacerata al suo interno su molti terreni
 (dalla politica estera a quella istituzionale, per non parlare dei
 problemi di leadership) sembra recuperare una sua compattezza nel
 settore della scuola. Nell'assemblea di Bologna di sabato 11 gennaio,
 svoltasi alla presenza di quasi tutti i piu' importanti leader delle
 forze politiche d'opposizione (Fassino, Rutelli, Parisi, Di Pietro,
 Boselli, Pecoraro Scanio, ecc.), aleggiava l'ombra di Romano Prodi,
 che nel 1996 aveva avuto successo nell'impresa di costruire una
 proposta unitaria sull'istruzione, ponendola al centro del programma
 elettorale dell'Ulivo.
 Ma l'intesa sembra che sia stata trovata questa volta piu' in negativo
 che in positivo. Piu' contro la Moratti e il disegno di legge
 all'esame del Parlamento (questa settimana riprendono i lavori in
 Commissione Cultura alla Camera) che nella ricerca di proposte di
emendamento, che comporterebbero un dialogo con la maggioranza che i
 presenti sembravano escludere. Lo stesso Fassino, accusato da molti di
eccessivo moderatismo, ha individuato nella scuola "uno dei terreni
 piu' fecondi nei quali costruire il rapporto tra partiti e movimenti".
 Rutelli ha accusato il governo di "smontare, definanziare, demotivare,
 distruggere il mondo della scuola, che considera nemico". La senatrice
 Soliani, manifestando evidente scetticismo verso le ipotesi di
 mediazione, ha proposto di utilizzare gli spazi di autonomia delle
 scuole e degli enti locali per "cominciare a cambiare le cose da
 subito". Infatti, ha sostenuto riproponendo uno slogan che fu di
 Tristano Codignola nei primi anni settanta, "fare scuola e' fare
 politica". Lo storico Nicola Tranfaglia ha cosi' sintetizzato:
 "l'Ulivo deve respingere la legge Moratti in Parlamento e nelle
 piazze".
 A questo punto, con le ipotesi di mediazione ancora piu' lontane, c'e'
 da pensare che l'approvazione della riforma Moratti sia piu' vicina?


5. Quando i tagli di destra sono piu' cattivi di quelli di sinistra

 Da almeno cinque anni la scuola e' sottoposta, con le Finanziarie di
 turno, a tagli di organico.
 Si puo' dire, con il senno di poi, che alla fine le cose sono andate
 meglio di quanto temuto, se e' vero, come dimostrano i dati ufficiali,
 che comunque, tagli o non tagli, i posti di insegnante dal 1997 al
 2001 hanno continuato ad aumentare (e quelli degli alunni a
 diminuire). Il rapporto alunni/insegnanti e' passato da 9,35 ('97) a
 9,08 (2001), collocando l'Italia all'ultimo posto (o al primo, se si
 preferisce) nella graduatoria europea dei Paesi a maggiore intensita'
di occupazione nella scuola (
 http://www.tuttoscuola.com/ts_news_85-3.doc ).
I tagli di posti ( http://www.tuttoscuola.com/ts_news_85-4.doc ) negli
 organici degli insegnanti sono cominciati con le leggi Finanziarie del
quinquennio di Governo dell'Ulivo, anche se va detto che erano
 accompagnati da maggiori reinvestimenti nel sistema (piano per le
 nuove tecnologie, fondi per la valorizzazione professionale in vista
 dell'autonomia, etc.). Nelle sue prime Finanziarie la Casa delle
 Liberta' ha previsto nuovi tagli. Ripercorriamo le ultime manovre.
 Con la Finanziaria 1998 venne disposto un taglio dei posti di
 insegnante, compresi i supplenti annui e temporanei, pari al 3% in due
 anni, l'equivalente di circa 23 mila posti da tagliare entro il '99.
 La Finanziaria 2000 disponeva un'ulteriore riduzione dei posti di
 docente entro il 2001 per una quota pari all'1%, equivalente a
 ulteriori 11.500 posti circa.
 Il taglio ulivista era quindi di circa 34.500 insegnanti in quattro
anni (virtuale perche' i posti alla fine sono risultati piu' di quelli
 registrati prima dei tagli). Nessuno pero' in quel periodo, dentro il
 sindacato e nelle forze politiche parlo' di attacco alla scuola
 pubblica.
 Le Finanziarie 2002 e 2003 approvate dal Parlamento a maggioranza di
 destra hanno riproposto i tagli degli organici dei docenti (8.500 nel
2002, 12.500 nel 2003 e previsione di altrettanti nel 2004, per un
 totale virtuale di 33.500 posti). Eppure oggi, parlando di tagli, si
accusa il Governo di attacco alla scuola pubblica.
 Vuoi vedere che i tagli di destra fanno male alla scuola pubblica di
 piu' di quelli di sinistra?

 ____________________________________________________________


 VIAGGI DI ISTRUZIONE

 L'esperienza maturata in 12 anni di attivita' segnala l'importanza
 di integrare i programmi delle scuole elementari, medie inferiori
 e superiori con laboratori didattici, percorsi trekking
 e stages tecnici di approfondimento
 anche all'inizio dell'anno scolastico e non solo al termine.

 http://www.giratlantide.net

 ____________________________________________________________

 6. Legge Frattini, atto secondo

Giuseppe De Rita di recente ha espresso preoccupazione sullo stato
 della dirigenza pubblica e ha definito l'Italia "un Paese con le pile
 scariche". Gli aveva fatto eco Luca di Montezemolo parlando di "crisi
 della classe dirigente a 360 gradi". Ieri su "Repubblica" De Rita e'
 ritornato sull'argomento sottolineando che abbiamo "una classe
 dirigente lontana dal paese".
 In questo scenario di attenzione sulla dirigenza pubblica si collocano
 le 66 nomine a dirigente nel ruolo amministrativo o tecnico che sembra
stiano per essere varate dal Miur. Parliamoci chiaro: il quadro degli
 incarichi dirigenziali che il ministero sta mettendo a punto non e' a
 completamento dello spoils system. In questo caso, metaforicamente
 parlando, non c'e' "spoglio" ma conferimento ad personam, che ci
 auguriamo sia correlato non alle vicende della politica ma al
 riconoscimento delle professionalita', delle esperienze maturate,
 della disponibilita' e adattabilita' all'innovazione.
 Il quadro dei destinatari comprenderebbe 19 dirigenti scolastici, 35
 provenienti dall'area C del ruolo dell'amministrazione (nel quale e'
 inquadrato di norma il personale proveniente dall'ex carriera
 direttiva), e 12 esperti esterni, alcuni dei quali dipendenti di
 ruolo. Tra questi sembra siano compresi Sandro Gigliotti, gia'
 segretario generale della Gilda, oggi presidente dell'associazione di
 docenti Apef e consulente del presidente della Commissione Cultura
 Adornato, e Rosario Drago, preside a riposo e attualmente consulente
 del sottosegretario Aprea.

 7. Sperimentazione: si insedia l'Osservatorio nazionale

 Si insedia mercoledi' 15 gennaio presso il Miur l'Osservatorio
 nazionale per la sperimentazione nella scuola elementare e
 dell'infanzia, costituito con decreto n. 134 del 23 dicembre scorso
 dal ministro Moratti.
 Ne fanno parte, oltre a ispettori, dirigenti del ministero
dell'Istruzione e rappresentanti degli Irre, Giuseppe Bertagna
 (Universita' di Bergamo), Giorgio Chiosso (Universita' di Torino),
 Susanna Mantovani (Universita' "La Bicocca" di Milano), Ferdinando
Montuschi (Universita' di Roma 3), Stefania Fustagni (Presidente
 dell'Indire), Giovanni Trainito (Presidente dell'Invalsi), Ethel
Porzio Serravalle (Associazione Italiana Editori), Ivana Bigari
 (Anci).
 L'Osservatorio avra' il compito di sostenere le iniziative di
 sperimentazione in atto e di dare sviluppo al processo di
 qualificazione della scuola dell'infanzia e della scuola elementare,
 nonche' di definire i criteri per il monitoraggio del progetto
 nazionale di sperimentazione, lanciato nel settembre scorso con il
decreto n. 100/2002 e che vede coinvolte 251 istituzioni scolastiche,
 di cui 173 statali e 78 paritarie.

 ____________________________________________________________

GROTTE DI CASTELLANA: PACCHETTO TURISTICO-DIDATTICO 2003


 Presso le Grotte di Castellana e' possibile vivere un'esperienza
 culturale nello spazio e nel tempo. A 60 mt. di profondita',
 nel grandioso complesso carsico ed in superficie, presso il Museo
 Speleologico, l'Osservatorio Astronomico, ed il Parco dei Dinosauri.

 http://www.grottedicastellana.it

____________________________________________________________


 8. Concorso riservato per dirigenti ai blocchi di partenza

 Scade tra una settimana (20 gennaio) il termine per la presentazione
 delle domande di partecipazione al corso-concorso da parte dei presidi
incaricati.
 Immediatamente dopo la chiusura dei termini, ogni ufficio scolastico
 regionale provvedera' alla nomina della commissione giudicatrice
 (unica per i diversi settori scolastici).
 Da quel momento vi saranno percorsi differenziati da parte di ciascun
ufficio regionale fino alla prova conclusiva del concorso, per poi
 nominare dirigenti sui 1.500 posti vacanti (
 http://www.tuttoscuola.com/ts_news_85-5.doc ).
 Sono quattro le fasi previste: colloquio di ammissione dei candidati
(inizio tra fine febbraio e inizio marzo, con conclusione variabile da
 uno a tre mesi, in base al numero dei partecipanti); valutazione dei
titoli; corso di formazione di 160 ore (durata stimabile in circa due
 mesi); prova scritta finale.
 In alcune regioni le nomine potrebbero avvenire regolarmente per
 l'inizio del nuovo anno scolastico, ma in molte altre invece ad anno
avviato.
 Si stima in almeno 2.000 il numero dei presidi incaricati che
presenteranno domanda (requisiti richiesti: almeno tre anni di
 incarico e sette anni di effettivo servizio nel ruolo di docente).
 A causa dell'esclusione dagli incarichi di presidenza, non vi saranno
candidati tra i docenti laureati della scuola elementare, i quali
 potranno invece partecipare al concorso ordinario (quando verra').
 Il colloquio di ammissione al corso di formazione avra', insieme alla
valutazione dei titoli, valore di selezione, perche' potranno essere
 ammessi solamente 1500 candidati, oltre ad un 10% di integrazione per
 un totale di 1.650 (futuri possibili dirigenti da assumere in ruolo).
Da escludere, quindi, almeno il 15% dei candidati.

 9. Valutazione sotto la lente di ingrandimento
 Le prospettive del nuovo sistema di valutazione che sara' definito
insieme alle riforma del sistema scolastico preoccupano.
 I primi elementi di questa riforma traspaiono gia' dal testo del
 disegno di legge delega approvato dal Senato e dalle stesse
 indicazioni nazionali per la scuola primaria e per la scuola
 secondaria di I grado pubblicati dal Miur ( www.istruzione.it ).
 Contro l'ipotesi del biennio valutativo, secondo cui la bocciatura
 dovrebbe avvenire ad anni alterni, si schierano alcune associazioni
(AND e altri) in un documento unitario, paventando il rischio che gli
 studenti meno impegnati vedano nel biennio una specie di "garanzia di
 un'immunita' totale lungo tutto il corso del primo anno, la garanzia
 che non c'e' nessuna ragione per studiare. perche' bastera' darsi un
po' piu' da fare nel secondo anno per superare due anni in un colpo
 solo, e cio' senza aver studiato effettivamente per due, bensi'
 soltanto per un anno, grazie alla consapevolezza che l'anno iniziale
non dovra' mai essere ripetuto da nessuno".
 La Spagna, unico Paese europeo ad aver tentato la soluzione del
biennio valutativo, secondo il documento, starebbe correndo ai ripari
 per l'insuccesso della scelta operata.
Sul fronte della valutazione, intanto, c'e' da registrare l'iniziativa
 del Cidi ( www.cidi.it ), insieme all'Universita' di Roma 3 per Studi
 Roma Tre, per un seminario di aggiornamento che si terra' il 17
 gennaio a Roma, presso l'Aula Magna del Rettorato, via Ostiense 161,
 su "Tendenze nella valutazione dei sistemi scolastici" e che vedra'
 l'intervento, tra gli altri, di Benedetto Vertecchi, ex-presidente del
 Cede, diventato Invalsi, l'istituto nazionale di valutazione del
sistema scolastico.


 10. TuttoscuolaNEWS: gli esiti di un sondaggio

Qualche settimana fa abbiamo allegato un questionario per conoscere
 l'indice di gradimento di TuttoscuolaNEWS da parte dei lettori, allo
 scopo di rendere il prodotto sempre piu' vicino alle loro esigenze.
Abbiamo ricevuto 812 schede compilate (pari a oltre il 3% degli
 iscritti e al 2% della readership stimata), che secondo gli esperti
 della societa' che ha elaborato l'analisi dei risultati, consentono un
buon grado di significativita'. E quali sono questi risultati?
 Diversi segnali raccolti in questi mesi ci facevano capire che la
newsletter, in generale, piace. Ma non ci aspettavamo un risultato di
 questo genere: nel dare un giudizio complessivo sul prodotto, a fronte
 di un 1% che la giudica per nulla o scarsamente interessante, il 42%
 la ritiene interessante, e ben il 57% molto interessante. Sappiamo che
 assegnare il "molto" non costa nulla, ma anche che raramente lo si
regala se non si apprezza veramente un prodotto.
 Notevole la frequenza di lettura, in particolare se si considera la
 periodicita' (settimanale) e lo strumento (e-mail, in genere sempre
piu' sovraccariche di messaggi): il 90% dei lettori legge tutti i
 numeri della newsletter, l'8% la legge almeno 20-40 volte l'anno (vale
 a dire 4-8 volte su 10).
Come la leggono? Ogni settimana la newsletter e' letta integralmente o
 quasi da oltre l'80% dei lettori. Solo il 2% si limita a leggere i
titoli.
 Caratteristiche che piacciono (si poteva dare piu' di una risposta):
 sinteticita' (apprezzata dall'80% dei lettori) e tempestivita' (71%)
delle notizie, l'impostazione equilibrata e obiettiva (segnalata dal
 40% dei lettori). Apprezzate anche la capacita' di anticipare le
 questioni e le soluzioni attraverso l'interpretazione dei fatti (lo
evidenziano il 36% delle risposte pervenute) e lo stile giornalistico
 (27%).
 Difetti (si poteva dare piu' di una risposta): il 9% dei lettori
ritiene che "TuttoscuolaNEWS" si occupi troppo di politica e poco di
 "scuola di tutti i giorni"; per il 4% dei lettori contiene troppe
 notizie, o troppo lunghe; il 6% dei lettori denuncia una scarsa
obiettivita'. Senza nascondere la soddisfazione per l'altro 94% di
 lettori che non la ritiene poco obiettiva (abbiamo visto che il 40%
 evidenzia tra i pregi proprio l'equilibrio e l'obiettivita' delle
posizioni espresse), era molto importante per noi sapere a questo
 punto se la newsletter, in tempi di schieramenti di campo, viene
 percepita - da chi la ritiene di parte - su un fronte o sull'altro.
Ebbene quel 6% si e' cosi' suddiviso: il 4% ritiene TuttoscuolaNEWS
troppo filogovernativa, mentre un 2% la ritiene al contrario troppo
 antigovernativa. Dove stara' la verita'? Infine, un atteggiamento
 narcisistico e' stato riscontrato dal 4% dei lettori.
Ne terremo conto, di questo come di tutte le altre risposte. E grazie
a tutti coloro che ci hanno dedicato una piccola parte del loro tempo,
 oltre quello che settimanalmente chiediamo per la lettura delle nostre
notizie.

 

 Per iscrivere un'altra persona o per rimuoverti da questa
 newsletter vai all'indirizzo:
 http://www.tuttoscuola.com

 Per commenti, informazioni o suggerimenti: redazione@tuttoscuola.com

 Per consultare i numeri arretrati di "TuttoscuolaNEWS":
http://www.tuttoscuola.com

 Chi è interessato a ricevere anche la newsletter dell'ANP (Associazione
 Nazionale Presidi e Direttori didattici) puo' iscriversi dal sito
 www.anp.it

 ************************************************************
 Editoriale Tuttoscuola srl
 Via della Scrofa, 39 - 00186 Roma, Italia
 Tel. 06.6830.7851 - 06.6880.2163
Fax 06.6880.2728
 Email: tuttoscuola@tuttoscuola.com






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Martedì, 14 gennaio 2003 ore 10:21:02 CET di Piera Privitera
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi