Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 581573852 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2024

Mascalucia - Federico Sorrenti, sindaco dei ragazzi dell’istituto Leonardo Da Vinci
di a-oliva
162 letture

Mobilità Personale Docente per l’a.s. 2024/2025 – conclusione operazioni di convalida
di a-oliva
109 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·ICDL a Job&Orienta! Dal 22 al 25 novembre, oltre 50 eventi e uno spazio per l’orientamento e la formazione
·VERSO UNA SCUOLA NUOVA PNRR, Codice dei Contratti, transizione digitale e inclusione sociale
·UCIIM convegno PNRR e Codice dei Contratti
·CINEMASET UNA PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA CHE NON SI FERMA MAI !!
·Premiazione Concorso “Alla ricerca del sacro”. Sabato 15 aprile – Museo Diocesano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: LA MIA SCUOLA. CHI INSEGNA SI RACCONTA

Rassegna stampa
«Inizio una nuova giornata di insegnante, so che un gesto, un sorriso, una battuta felice possono aprirmi la possibilità di comunicare con i miei allievi, ma dopo qualche minuto l'attenzione si spegne e le parole si dissolvono nel nulla. Tutti i giorni ho bisogno di catturare le loro intelligenze offuscate. Ma come?» Molti parlano pubblicamente degli insegnanti. Politologi e psichiatri, sociologi e editorialisti, allievi di ieri e di oggi. Gli oggetti, o meglio i soggetti, di questo interesse collettivo - gli insegnanti, per l'appunto - raramente riescono a far udire la propria voce. Questo libro è un'occasione offerta loro per narrare frammenti della propria esperienza, è un esercizio di ascolto e allo stesso tempo un esercizio di scrittura collettiva. Che cosa ne risulta? Un mosaico in cui altri potranno forse riconoscersi: insegnanti appagati, delusi, per caso, nostalgici, ironici, dubbiosi, combattivi, tutti accomunati da un bisogno ineludibile di coerenza. Gli insegnanti conoscono il mondo? In che modo questo deve entrare nella scuola? Quale compito gli insegnanti possono vedersi affidato? Il tema è centrale, oggi piú di un tempo. Le antiche certezze sulla funzione della scuola sono svanite, essendosi esaurita l'idea di scuola come luogo a parte, cui la società delegava un compito definito e stabile, circoscritto nei livelli superiori alla formazione culturale dei ceti medio-alti. A quelle certezze si sono sostituiti soprattutto interrogativi. Indice - Sommario Introduzione I. Il mestiere di insegnare. I materiali II. Lettere dalla scuola. I racconti Per un assaggio del libro eccovi lo scritto di Silvana La Porta dal titolo:"NON SIAMO DON MILANI" Agli insegnanti, da quando la scuola italiana, con l’estensione dell’obbligo, è diventata un’istituzione veramente democratica, sono state fatte delle richieste assurde e ai limiti dell’impossibilità. Eccoci lì, dopo ore sulla strada, spesso in condizioni di tempo proibitive, davanti a venticinque alunni vocianti.Tra questi ce ne sono uno o due che, per motivi diversi, vuoi disagiate condizioni familiari o economiche, vuoi problemi psicologici e di adattamento, attirano la tua attenzione, meritano di essere seguiti con cura, hanno più bisogno degli altri del tuo aiuto. Siamo felici che ci siano, un tempo sarebbero rimasti per strada, senza guida ed esposti ad ogni sorta di pericolo; nel migliore dei casi avrebbero seguito il padre nel suo lavoro. Abbiamo letto Don Milani, abbiamo una grande stima di lui che apparteneva a una ricca famiglia altoborghese fiorentina, ma non esitava ad affermare che la scuola deve pensare agli alunni che perde, perché sono quelli i suoi veri figli. E adesso questi figli sfortunati sono qui, insieme a coloro che hanno interesse per lo studio, e tutti ti guardano…e aspettano che tu, povero docente, un essere per il momento ancora in possesso della sua identità e dignità, riesca a trovare la panacea. Ed ecco che provi a trasformarti in centomila, anzi in venticinque, tanti quanti sono i discenti. Lo ha detto il Ministero, la pedagogia, e chi più ne ha, ne metta: sei una brava insegnante solo quando riesci ad insegnare in tali situazioni e in modo individualizzato! E inizia la schizofrenia: l’alunno caratteriale grida e insulta tutti gli altri, buona parte della classe si diverte, il più fragile ti dice(quante volte mi è successo!): “Professoressa, io non faccio niente, perchè non so fare niente.” Così un’ora di lezione si tramuta in un tempo infinito, una sorta di incubo da cui vuoi scappare via.Ti rendi conto che non sei Don Milani, sei debole, non sai gestire l’ingestibile, vorresti aiutare tutti e non riesci ad aiutare nessuno. I più volenterosi si stancano e, se anche avevano voglia di imparare, seguono l’andazzo (e non è vero che i più bravi vanno avanti da soli, la guida dell’insegnante è sempre fondamentale!); per i ragazzi più svogliati la scuola è una tortura, non risponde ai loro reali interessi, vorrebbero fare attività alternative, ma non esistono né le strutture, né i mezzi. Ti senti fallito e, riflettendo, capisci tre cose: che la tua dignità è tramontata, che uno o due ragazzi difficili hanno, involontariamente certo, tolto il diritto allo studio ad altri venti, che la scuola per tutti si è tramutata nella scuola per nessuno. Poi, all’improvviso, il colpo di grazia.L’alunno scapestrato ti guarda ed esclama: “Ma tu chi sei ?” Ti giri, pensi che ci sia qualcuno dietro di te…e invece sei proprio tu, tu che da uno sei diventato prima vanamente centomila, poi nessuno, un essere senza identità e forma. Silvana La Porta








Postato il Giovedì, 24 novembre 2005 ore 19:36:41 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi