Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522584994 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

31-MAR-2021 - PRESIDENZA DELLA REGIONE - Ordinanza contingibile e urgente n°29
di a-oliva
1257 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1179 letture

I disabili nelle paritarie non più a carico delle famiglie
di a-oliva
1143 letture

Mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. a.s. 2021/2022
di a-oliva
1099 letture

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
1064 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Redazione
Redazione

·Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
·Il Rotary “Catania Nord” dona tablet per DAD all’ICS “Giovanni Falcone” di San Giovanni la Punta
·Cinquant’anni fa con la Legge 118/71 iniziò il cammino dell’inclusione
·Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
·I disabili nelle paritarie non più a carico delle famiglie


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Docenti precari: una realtà sulla quale non si può più tacere da Professione Insegnante

Opinioni

     Docenti precari: una realtà sulla quale non si può più tacere di Christian Di Martino

Docenti precari: una realtà sulla quale non si può più tacere



 



Nell’aggiornamento biennale delle graduatorie ad esaurimento (ex permanenti) del maggio scorso per i docenti abilitati, il Miur, dopo aver vietato ad essi lo spostamento in altra provincia diversa da quella di precedente iscrizione, ha consentito il riaggiornamento delle graduatorie stesse con una vergognosa opzione di scelta di tre province aggiuntive su territorio italiano. Con tale opzione infatti i docenti abilitati hanno potuto  inserirsi in ulteriori “graduatorie di coda”, ossia senza il riconoscimento della propria posizione con il proprio punteggio nelle graduatorie ad esaurimento. E’ stata una sorta di contentino che il Miur ha inteso dare per non consentire lo spostamento dei tanti insegnanti meridionali in province del Nord. L’interesse della Lega su tale questione e dei sindacati con essa sponsorizzati è stato così portato avanti in un clima antidemocratico e anticostituzionale, che vede interessi di parte senza considerare la scuola, le sue esigenze e la realtà di tante persone laureate, professionisti abilitati, che si trovano avviliti e affondati nelle affollatissime graduatorie ad esaurimento del Meridione in primis e senza lavoro. Tale azione è stata combattuta legalmente ricorrendo, con il tramite di ricorsi promossi dalla associazione professionale Anief in particolare, pro inserimento “pettine” nelle tre province aggiuntive cioè vale a dire nelle graduatorie ad esaurimento con il proprio punteggio. Migliaia di ricorrenti hanno vinto la causa presso il Tar del Lazio e nella giurisprudenza superiore (CdS) dopo l’appello del Miur per l’annullamento delle sentenze stesse. A questo punto il Miur “ha rassicurato tutti” legiferando in parlamento un provvedimento ad hoc che vietasse ipso facto l’inserimento a pettine e confermando quello in coda, un’ennesima manovra in sintesi per cacciare i docenti precari dalla scuola. D’altra parte i tagli alla scuola sono stati numerosissimi, tanti docenti si sono trovati già dall’anno scorso a non lavorare o a doversi accontentare nelle migliori e rare ipotesi a piccole supplenze brevi presso la scuola pubblica o a doversi rifugiare ancora una volta in una scuola paritaria che, nelle maggior parte dei casi non pagando o pagando miserevolmente, consentisse almeno la garanzia del punteggio per i successivi aggiornamenti in graduatoria. Una situazione incresciosa che è sotto gli occhi di tutti persino del Miur stesso che in ultimo, accorgendosi dell’omicidio dei precari, ha consentito a pochissimi eletti di rientrare nel cosiddetto “decreto salva-precari”. Si tratta di un decreto che consente solo ed esclusivamente a quei pochissimi non attualmente occupati che hanno lavorato fino al 30 giugno o fino al 31 agosto di inserirsi in una ulteriore graduatoria dove sono garantiti i dodici punti annuali e una indennità  di disoccupazione data dall’Inps, che si è scoperto essere nient’altro che la indennità di disoccupazione ordinaria che viene corrisposta dall’Inps ove ci siano i requisiti predisposti dall’ente, un altro finto contentino in pratica che già esisteva di fatto. Questa ulteriore graduatoria si inserirà nel novembre prossimo come elenco per l’assegnazione con precedenza assoluta alle supplenze temporanee in sostituzione dei docenti assenti in una data provincia, tagliando ingiustamente ulteriori possibilità a tanti altri docenti di essere chiamati dalle venti scuole scelte in fase di aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto: il decreto non consente anche a chi ha lavorato per un anno intero e fino al termine delle lezioni (intorno al 9 giugno diciamo) di rientrare in queste graduatorie “speciali”. In sintesi un ulteriore danno per i precari, che dopo avere speso tanti soldi appellandosi alla Magistratura per le ingiustizie già subite, si trovano anche a dover ricorrere disperatamente alla Magistratura contro questa ulteriore iniquità perpetuata dalla Ministra.



 D’altra parte in questo nero panorama si è prospettato un rinvio delle elezioni delle RSU, perché “forse” molti sindacati non sono interessati a un voto che con molta probabilità non avrebbero, un ulteriore elemento grave perché se si avesse una rappresentanza mera dei docenti essi non dovrebbero ricorrere alla Magistratura per vedere il riconoscimento dei propri diritti o delle proprie richieste. Ecco i sondaggi emersi che leggo su Professione Insegnante che, insieme ad altri siti di informazione mera,   combatte quotidianamente tutto questo scempio meravigliosamente offensivo e dittatoriale:



Nelle prossime elezioni RSU (1-3 dicembre prossimo), ai fini della rappresentativita', per quale organizzazione sindacale voteresti, considerando le posizioni assunte dalla stessa di recente?



Percent



Votes



1



 



FLC CGIL



38%



273



2



 



CISL Scuola



8%



56



3



 



UIL Scuola



2%



15



4



 



SNALS



7%



47



5



 



FGU (ex-GIlda)



14%



97



6



 



COBAS



11%



79



7



 



UNICOBAS



1%



6



8



 



Altre sigle



20%



140



E’ evidente quale sia lo schieramento e forse la probabile paura del voto da parte di chi non ha difeso gli interessi di molti ma di chi, schierato con il Governo e con la Lega, non voglia guardare agli interessi della scuola bensì ad interessi personali, economici e che è aggrappato a culture razzistiche. La lesione del diritto personale, l’arroganza del nostro governo, l’anticostituzionalità dei principi attuati vanno avanti senza freno, a danno della scuola e della sua qualità e a danno dei docenti precari che non possono più lavorare e a cui è stata tolta la dignità di professionisti, umili e abili uomini al servizio di uno Stato che li sta uccidendo.



 D’altra parte le promesse 67.000 immissioni in ruolo per personale ATA e docenti sono state vanificate e sostituite da sole 8.000, tutti gli altri docenti pochi “fortunati” vengono assunti con un contratto a tempo determinato e senza prospettive per il futuro, a danno della costante mancanza di continuità didattica per gli alunni.



 La questione al sud in particolare è diventata troppo grave per non prendere in considerazione delle iniziative anche regionali autonome per combattere il governo da un lato e per dare un mero sostegno ai docenti precari con lo stanziamento di fondi per poter loro permettere di lavorare e di guadagnare uno stipendio esercitando una professione conquistata con molta fatica, peraltro lo stipendio più basso di Europa e forse del mondo per i docenti.


 



20-10-2009 Christian di Martino

http://www.professioneinsegnante.it/read.php?id=c2009/10/2010precari.htm

 Vi riproponiamo questo intervento   apparso su Professione insegnante

 









Postato il Giovedì, 31 dicembre 2009 ore 14:24:07 CET di Libero Tassella
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi