Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522133179 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

31-MAR-2021 - PRESIDENZA DELLA REGIONE - Ordinanza contingibile e urgente n°29
di a-oliva
990 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
828 letture

I disabili nelle paritarie non più a carico delle famiglie
di a-oliva
824 letture

Mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. a.s. 2021/2022
di a-oliva
810 letture

Tanti fatti e poche parole. Ginevra Ferlito Sindaco dei ragazzi della Scuola Martoglio di Belpasso
di a-oliva
273 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·La negoziazione assistita
·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Ludovico Einaudi: che maledizione diventare ''di moda''

Rassegna stampa

Ludovico Einaudi: che maledizione
diventare "di moda"



Il pianista e compositore: basta paragonarmi ad Allevi in comune abbiamo solo il fatto di avere successo
ANDREA SCANZI

TORINO

Nipote di un Presidente della Repubblica e padre della patria, figlio di un editore storico. Un passato come pianista jazz-rock, un presente da settantamila copie vendute di dischi sperimentali. Il percorso di Ludovico Einaudi non ha nulla di canonico e molto di stupefacente. Non fa eccezione Nightbook, portato ora in tour (il 14 a Torino) con il musicista elettronico Robert Lippok e il violoncellista Marco Decimo: 13 tracce che rappresentano «sguardi possibili sulle esperienze che appartengono al lato più onirico di noi stessi».

Ha raccontato di aver tratto ispirazione da un concerto di tre anni fa all’Hangar Bicocca di Milano, circondato dai Sette palazzi celesti di Anselm Kiefer. In che senso?
«Mi trovai circondato da spazi immensi e cattedrali industriali. Il suono del piano aveva una luce particolare, si propagava misteriosamente tra quelle torri. È stato come entrare in un’altra sfera: una dimensione spirituale e apocalittica. Il pubblico era distante, c’era freddo, avevano delle coperte per riscaldarsi. Il palco era riscaldato da stufe. Persino la percezione sensoriale era diversa. Lì ho capito che il mio vecchio repertorio non era più adeguato».

Il suo successo è la dimostrazione di un’evoluzione del gusto italiano?
«Temo di no. La situazione è abbastanza drammatica. La fortuna della mia musica dipende anche da fattori casuali. Molti si sono avvicinati andando al cinema: ascoltando le colonne sonore di Ennio Morricone, Lezioni di piano, Amélie».

Niente evoluzione culturale?
«Solo in parte. In Italia la musica non fa parte del programma d’educazione, come accade in Europa. In Inghilterra sei persone su dieci vengono ai concerti con lo spartito, in Italia è tutto estemporaneo».

Con la tivù che rapporto ha?
«Pressoché assente. Si dice che la musica non fa audience, ma chi lo dice? È una corsa al ribasso. Se l’unica strada per alzare l’audience è mostrare le tette, mi chiamo fuori».

Le dà fastidio che l’accostino a Giovanni Allevi?
«Un po’ sì, ma non per Allevi in sé. Questa cosa dei pianisti che “oggi hanno successo” porta a generalizzare tutto. Siamo molto diversi. Sarebbe come tirare fuori Herbie Hancock ogni volta che si parla di Keith Jarrett».

Allevi dice che la musica è rivoluzionaria, Battiato scrive un’invettiva (anche) contro Berlusconi. Come può incidere la sua musica sul contingente?
«La musica non è rivoluzionaria: è un linguaggio astratto. Certo, una canzone è diversa: Imagine ha bisogno di un testo, di un concetto esprimibile solo a parole. La mia musica ha un modo più sottile, complesso e misterioso di comunicare. Suggerisce pensieri e visioni. Ispira, neanche io so come, determinate azioni. Attiva l’intelligenza».

Chi l’«attiva» di più?
«Bach. Quando l’ascolto, percepisco un contenuto spirituale elevato, qualcosa di invisibile che muove le persone. Non ha nulla di politico, non risolve l’economia mondiale, ma ha profonde implicazioni morali. E aiuta a vedere al di là del proprio naso».

È stato Nanni Moretti, usando alcuni suoi temi in Aprile, ad aprirle le porte del successo?
«Solo in parte. Incise di più Fuori dal mondo, il film di Piccioni: sviluppai atmosfere che destarono forte impressione. Il clic l’ho avvertito alla fine dei Novanta, in Inghilterra. Una radio trasmetteva di continuo la mia musica, quando mi presentai a teatro lo trovai pieno. Qualcosa era cambiato».

Della collaborazione con Adriano Celentano che ricordo ha?
«Mi ha colpito la totale coincidenza tra personaggio pubblico e privato. Nessuna recita, essere infantile e giocoso è connaturato in lui. Quando proponemmo il disco in tivù, si presentò mezz’ora prima. Per lui era come una serata tra amici».

Di Luciano Berio, suo maestro, la affascinava la mancanza di rigidità intellettuale tipica dei compositori. Un insegnamento che ha fatto suo?
«Sarei presuntuoso se rispondessi di sì. Berio aveva previsto perfettamente lo scenario attuale: la sincronicità. È tutto sovrapposto: generi, epoche, stili. Le barriere sono cadute, la norma è la commistione: la sperimentazione. Esattamente quel che provo a fare, da molto prima che diventasse (forse) di moda».








Postato il Giovedì, 10 dicembre 2009 ore 15:52:22 CET di Agnese Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi