Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 565350876 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2023

Personale A.T.A. - Mobilità anno scolastico 2023/2024 - Movimenti
di a-oliva
756 letture

Premiazione al CNR di Roma per le alunne del Convitto Mario Cutelli di Catania con il video “La faccia nascosta della fisica”
di a-oliva
686 letture

Personale Educativo - Mobilità a.s. 2023/2024 - Movimenti
di a-oliva
680 letture

Esami di Stato a.s. 2022/23 - Pubblicazione nomine Commissione
di a-oliva
633 letture

IL CORAGGIO DI EDUCARE. Nuova proposta di recupero: affido temporaneo educativo
di a-oliva
596 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·La negoziazione assistita
·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: UN ACCORATO APPELLO DALLA SMS di Santa Venerina

Opinioni

 

Uomini Politici, che ci rappresentate e che avete il dovere di aiutarci,

 

 

Vi scrivo per esporre, con tutta sincerità, la difficile situazione nella quale è costretta ad operare la Scuola Media  Statale di Santa Venerina, di cui ho il piacere di essere una Docente.

Voglio premettere che le mie parole cercheranno di evitare sia l’autocommiserazione che l’autocelebrazione. Autocelebrazione e autocommiserazione, infatti, sono due sentimenti che, in casi di questo genere, possono rivelarsi inutili, e addirittura dannosi all’esatta esposizione  dei fatti. E io, invece, vorrei proprio riuscire a delineare un quadro chiaro, e quanto più possibile icastico, della triste realtà che ci è piombata addosso dopo l’evento sismico dello scorso anno, affinché Vi risulti evidente il nostro disagio.

Il 29 ottobre 2002 è stata, infatti, una data epocale per la nostra scuola. Con essa si è chiuso un mondo di certezze, di sicurezze, di tranquillità ed è iniziato un lungo calvario, di cui spesso ci pare di non riuscire a scorgere la fine. Sappiamo solamente che il nostro primo sentimento, dopo la paura e lo sgomento dinanzi all’edificio scolastico che sussultava violentemente e subito dopo crollava miseramente, è stato quello di cercare in noi la forza per ricominciare. La scuola era sempre stata, a Santa Venerina, un’istituzione importante, fulcro del paese, luogo di formazione e aggregazione; e, in quel momento in cui l’edificio ci era negato, abbiamo pensato che l’energia e l’entusiasmo degli uomini potesse bastare a farci risorgere.

Ecco perché, quando il Sindaco ha emesso l’ordinanza di chiusura delle attività scolastiche per un mese, noi, pur comprendendo le sue ragioni, abbiamo risolutamente avversato tale decisione, perché ci sembrava un arrendersi agli avvenimenti, senza combattere. Abbiamo insistito, dunque, affinché, con mezzi di fortuna, le lezioni  riprendessero regolarmente presso la tenda messaci gentilmente a disposizione dai Vigili del fuoco.

E’ stato difficile, ma ce l’abbiamo fatta: il 14 novembre i ragazzi sono ritornati a scuola. Devo dire che è stato un mese straordinario, quello della permanenza in tenda, che ci ha fatto capire che le difficoltà acuiscono l’intelligenza e  temprano straordinariamente gli animi. Ho osservato compiaciuta, e anche un po’ commossa, i miei colleghi, alle prese con sessanta ragazzi contemporaneamente, spiegare la lezione col microfono, con tono coinvolgente ed efficace, nonostante il grande freddo e le intemperie. Il disagio psicologico, inevitabile dopo il dramma vissuto, si scioglieva giorno dopo giorno perché la scuola c’era ancora, perché eravamo tutti lì di nuovo, come prima, a preparare i lavoretti natalizi, i canti, tutto quello che sa di normalità e di felicità Certo eravamo anche assillati da notevole preoccupazione per le continue richieste di trasferimento in altre scuole da parte dei genitori degli alunni: dinanzi a tale situazione abbiamo davvero temuto un’emorragia inarrestabile di utenti che, in breve tempo, avrebbe potuto portare la scuola alla contrazione e alla chiusura. Nel frattempo, comunque, attendevamo, fiduciosi, la costruzione di una grande tensostruttura, che ci avrebbe temporaneamente ospitati, fino alla ricostruzione dell’edificio scolastico.

Il 18 dicembre, col sorriso sulle labbra, abbiamo inaugurato la nuova avveniristica tenda, nella speranza che si trattasse di una sistemazione temporanea. A guardarla, infatti, la tensostruttura appare grande, confortevole, ben riscaldata, un vero e proprio paradiso terrestre.Ma, vivendo al suo interno, se ne  avverte la precarietà, l’insufficienza, l’evanescenza e la fragilità.

Fragilità, dicevo: le pareti esistono, ma è come se non ci fossero: la nostra è diventata una lezione collettiva infinita, le nostre parole rimbombano, si amplificano e poi si disperdono, siamo in una sola classe e in tutte contemporaneamente, le  parole si sovrappongono in un vociare confuso. E’ difficile fare lezione così, quasi impossibile…

E’ precaria questa nostra tenda, credetemi:  neanche il vento gelido di febbraio  l’ha risparmiata e abbiamo dovuto sospendere di colpo gli scrutini quadrimestrali perché abbiamo rischiato, io e tutti gli altri operatori, di essere colpiti dai pali divelti; per giorni i servizi igienici sono stati inservibili, perché danneggiati.

La polvere, poi, è la signora assoluta, la nostra  nemica invisibile; ce la ritroviamo ovunque addosso, nel naso, in bocca, negli occhi, sugli abiti, col rischio di pericolose allergie. Il personale ausiliario opera meticolosamente, ma invano: temo che gli alunni, e noi stessi, prima o poi ne risentiremo pesantemente. Non oso certo immaginare  a quali disagi andremo incontro con l’arrivo delle calde giornate di primavera; dentro la tenda si soffoca, il materiale di cui è costituita ci appare di giorno in giorno sempre più dannoso, l’atmosfera si fa pesante, quasi invivibile.

E allora ho capito che mi sbagliavo a pensare che noi, da soli, con la nostra energia e il nostro entusiasmo, eravamo in grado di  farcela. Gli uomini possono anche operare nel migliore dei modi, ma, credeteci, Santa Venerina ha assoluto bisogno che vengano avviati i lavori di costruzione del nuovo edificio scolastico. E’ l’unico modo perché il nostro Istituto possa sopravvivere e continuare ad operare in serenità, senza ansie e preoccupazioni, fornendo al territorio servizi efficienti e soddisfacenti. La tensostruttura deve essere solo una sistemazione temporanea, non lasciamo che diventi una struttura perenne, sarebbe solo il simbolo di una scuola fantasma.

Noi vogliamo risorgere, perché la Scuola Media “A.Manzoni” di Santa Venerina non è morta in quel soleggiato e sfortunato mattino d’autunno, ma è ancora lì, forte come l’acciaio e viva delle sue risorse umane. Le servono solo delle pareti robuste che la accolgano e la proteggano validamente, che speriamo si ergano presto, a dispetto di lutti, sventure e capricci della natura.

E’ questa la mia piccola speranza, spero che mi abbiate ascoltato e capito.

 

                               Silvana La Porta

 

                                                        

 

 

 

 

 

 

 

 










Postato il Giovedì, 24 aprile 2003 ore 07:17:36 CEST di Patrizia Bellia
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi