Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 560065924 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2023

Sant'Agata e gli altri. Mostra al Museo diocesano fino al 25 febbraio
di a-oliva
472 letture

Il RC Catania Duomo 150 a cena con i clochard
di a-oliva
458 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Il Presidente dell'Associazione degli ex allievi del Convitto Nazionale ''M. CUTELLI'' Prof. Filippo Galatà, ha donato al Dirigente Scolastico Prof. Stefano Raciti lo stemma in legno del Casato Cutelli.
·GRAN CONCERTO DI BENEFICENZA per “La Civita” di Catania
·Dal Pozzo di Gammazita una rete di associazioni per conoscere la città
·Venerdì 16 Luglio alle ore 19, presso la Corte Vaccarini del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” presentazione del libro degli Ing. Gaetano e Fabrizio D’Emilio: #ACCADDEACATANIA
·UCIIM Sezione di Tremestieri Etneo. Incontro con l’autore: Roberto Russo


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: PROFESSORI SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI

Comunicati
da LASTAMPA.it
Mercoledì, 7 Febbraio 2007

Professori sull'orlo di una crisi di nervi
FLAVIA AMABILE

C’è una maestra che (forse) lega dei bambini di tre anni alle sedie per farli stare buoni. C’è la supplente di matematica trentenne che si fa scoprire mezza nuda in aula mentre tiene una sorta di lezione porno ad alcuni ragazzi tra i 13 e i 15 anni. C’è il professore che assiste, inerte, alle provocazioni dei suoi studenti e c’è la maestra che si barrica in aula con i bambini. Nessuna scuola faccia eccezione: capita alle materne, alle primarie, alle superiori. Né si può invocare il degrado, la periferia, il Sud. Accade da Palermo alla Valle d’Aosta, senza distinzioni di latitudine. E non è nemmeno una questione di età o di sesso. Il problema si presenta ovunque e comunque. Verrebbe da chiedersi: maestri e professori stanno forse diventando tutti matti? Purtroppo la risposta non è un bel «no» deciso, come piacerebbe a chiunque abbia un figlio in una scuola. Il problema esiste, grande e grosso, e ha un nome: burnout. Maestri e professori dopo un po’ di anni nelle aule scoppiano.

Chi può fugge. Quest’anno secondo le prime previsioni circa 32 mila tra maestri e professori andranno in pensione, il numero più alto degli ultimi dieci anni, quasi diecimila in più rispetto a quanto previsto nella Finanziaria e soprattutto un record assoluto in un Paese in cui impera la gerontocrazia.

«L’insegnamento logora», sintetizza il professor Bollea. Finora se lo dicevano soprattutto fra loro i docenti, al massimo lo venivano a sapere i presidi. Poi arrivò un medico, Vittorio Lodolo D’Oria. Studiò il fenomeno, poi lo scorso anno diede alle stampe un libro dal titolo illuminante: Scuola di follia. All’interno, storie di professori, ma anche di studenti, genitori, dirigenti alle prese con problemi psichici, e però non sono tanto i «casi» a far riflettere, quanto i numeri raccolti in anni di ricerche: su 3.447 dipendenti pubblici, maestri e professori sono risultati i più «scoppiati» di tutti. Quasi metà degli insegnanti dell’indagine è risultata affetta da patologie psichiatriche, il doppio di quel che accade ad impiegati, operai o infermieri. Questo sia che si tratti di insegnanti donna sia uomini o che si lavori con bambini di 5 anni o ragazzi di 15.

Due volte più numerosi, ma dieci volte più pericolosi. «Le pratiche di un ufficio possono pure continuare a essere sbrigate anche se si è colpiti da burnout», spiega Tullio De Mauro, ex ministro della Pubblica Istruzione nella prefazione al libro di Lodolo D’Oria. «Invece alunni, famiglie, colleghi non sono pratiche da smaltire». Anzi. L’insegnante scoppiato «fa da base alle patologie psichiatriche».

Di fronte a un insegnante che crolla che cosa accade? In base a un altro studio, curato sempre da Vittorio Lodolo D’Oria insieme con altri esperti, emerge che oltre la metà dei dirigenti scolastici si è occupato almeno una volta in prima persona di un docente con un problema di disagio mentale professionale ma che meno di un dirigente su cinque è a conoscenza dei rischi di salute di origine professionale negli insegnanti, e tutti sono poco e male preparati su come gestire in modo corretto il caso. Dunque sempre più insegnanti soffrono di stress, depressione, esaurimento, ma pochi sanno riconoscere il problema e come occuparsene. Una situazione esplosiva che fatica ormai a rimanere confinata all’interno delle scuole. A fine novembre è emerso il caso di due medici legali dell’Asl 5 di Torino. Hanno inflitto una multa – la prima in Italia – tra i mille e i 4 mila euro a quattro dirigenti scolastici di altrettanti istituti di Rivoli che non avevano previsto né mobbing né burnout nel Documento di valutazione dei rischi delle loro scuole. In altre parole: il problema esiste e chi fa finta del contrario nei documenti ufficiali è fuori legge. Mai accaduto prima d’ora nulla di simile, e ora al ministero della Pubblica Istruzione hanno insediato un team di dirigenti del dicastero e di esperti per studiare come comportarsi.

Le piste da seguire nella disperata ricerca di una soluzione sono numerose. «Il 60% dei docenti è entrato ex-lege, non ha mai superato concorsi per l’abilitazione né ha seguito scuole di specializzazione», spiega Luisa Ribolzi, docente di Sociologia dell’Educazione alla facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova, da anni esperta di docenti e formazione. Tutto lecito, chiaramente, e allora qual è il trucco? «Bastava avere totalizzato 360 giorni di insegnamento tra il 1994 e il 1999 per avere diritto a entrare nei corsi riservati, 90 ore e si diventava insegnanti di ruolo», spiega Marcello Pacifico, presidente dell’Anief, l’associazione che riunisce insegnanti e educatori in formazione. Una scorciatoia fra tante: 29 sono stati i provvedimenti ope legis autorizzati negli ultimi cinquant’anni, ha calcolato l’Associazione Treelle in un recente convegno sui precari. Chiaro quindi che a salire in cattedra sia meno del 3% di ha frequentato le Ssis, le scuole di specializzazione che negli altri Paesi d’Europa rappresentano l’unica forma di reclutamento di nuovi docenti: 1.200 ore di studio, un impegno quattordici volte superiore rispetto ai precari entrati con la scorciatoia.

Con i dati si potrebbe andare avanti a lungo. In tutte le scuole italiane si contano quasi 10 mila dirigenti, 800 mila insegnanti e praticamente nulla in mezzo, aggiunge Luisa Ribolzi. Non esistono i ruoli intermedi, così normali all’estero: dagli addetti ai controlli, ai coordinatori di area, agli insegnanti con mansioni speciali. Ancora: c’è un insegnante di ruolo ogni 9-10 studenti. Tanti, se si tiene in considerazione che negli altri Paesi la media è di un insegnante ogni 14 studenti. Tantissimi, se aggiungiamo i 242 mila precari abilitati che come età media hanno sui 39 anni.

Messi così in fila, i numeri confermano quel che la cronaca lasciava intuire: nelle scuole insegnano tanti docenti depressi, frustrati, poco preparati ad affrontare il proprio e l’altrui disagio. Sul web proliferano i blog dove si va a scaricare la disillusione, dove si raccontano giornate vuote, inutili, mattine trascorse a combattere contro ragazzi indisponenti, indisciplinati, impossibili da tenere in riga, pomeriggi trascorsi a discutere con genitori e con colleghi senza che questo porti ad alcun risultato. La scuola vista da chi ancora tenta di impegnarsi diventa un nuovo Deserto dei Tartari, difficile da attraversare se non si è sufficientemente sereni ed equilibrati. E chissà quanti di loro lo sono. Né i maestri né i professori superano un test psicologico, se qualcuno ha problemi lo si vedrà in classe, dal contatto con gli alunni. «Manca un consenso da parte di esperti sulla proponibilità e la validità di test ai fini della selezione all’insegnamento; dalla difficile praticabilità e dalla convinzione che efficaci processi di formazione e di gestione del personale possano garantire maggiore affidabilità», si difende Mario Dutto, direttore generale del ministero di Pubblica Istruzione per gli ordinamenti scolastici. Sulla formazione rispondono le cifre. Sui controlli, il giudizio di un’esperta come Luisa Ribolzi è che ci si trovi davanti a procedure del tutto «informali».

«Esiste la possibilità per l’amministrazione scolastica di sottoporre a visita collegiale segnalando anche aspetti riferibili a patologie relazionali e, in caso di valutazione negativa di esclusione dall’insegnamento», si difende ancora Dutto. Ma è accaduto accaduto rarissime volte», aggiunge Luisa Ribolzi. E quindi diventa possibile che una maestra con molti anni di insegnamento alle spalle non sia in grado di tenere a freno dei bambini senza usare metodi ai limiti della coercizione, o che dei supplenti si lascino travolgere dalle esuberanze di un gruppo di adolescenti. Diventa anche comprensibile che, chi può, dalla scuola scappa: nel 2006 hanno chiesto di andare in pensione il 40% dei professori in più rispetto all’anno precedente, una cifra da grande fuga.

I consigli su come intervenire non mancano. «Rivedere è il meccanismo delle graduatorie che rappresentano la piaga principale», è la ricetta di Luisa Ribolzi. «Portare ad esaurimento la graduatoria dopo averla congelata, interrompendo l’aggiornamento dei punteggi e l’ingresso di nuovi candidati e rendere le supplenze indipendenti dal reclutamento», aggiunge Attilio Oliva, presidente dell’associazione Treelle. E poi: «Mandare in pensione il concorso per dare validità alle scuole di specializzazione a numero chiuso a cui accedere sulla base di una attenta programmazione collegata alla disponibilità di posti». In altre parole, entra chi si è specializzato, nessuno sconto per i supplenti e i precari solo perché hanno totalizzato ore ed ore di insegnamento nelle classi.

Il ministro Fioroni per il momento ha promesso che entro due o tre anni tutti i precari entreranno nella scuola «perché sono professionisti con tutte le carte in tegola, lavorano quotidianamente da 7-8 anni ma anche da 11 con i nostri figli. Porsi la domanda se hanno o meno la capacità è un po’ tardivo». Quanto ai docenti del futuro, il ministero è al lavoro.

Ma gli esperti di Tuttoscuola.com hanno calcolato che per lo smaltimento dei precari saranno necessari molti più anni di quel che spera il ministro Fioroni. Almeno dieci. Nel frattempo? Se l’Italia avesse un regista del calibro di Almadovar lo vedrebbe girare per istituti a raccogliere racconti per scrivere un grande film. Titolo? Maestri e professori sull’orlo di una crisi di nervi. F.A.

+ La testimonianza di un professore di Napoli








Postato il Venerdì, 09 febbraio 2007 ore 00:05:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi