Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484014552 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4441 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1825 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1475 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1206 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
965 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Aggiornamento: Aggiornamento

Istituzioni Scolastiche

Ieri, presso la scuola media statale “Amari-Vinci” di Scordia si è tenuto un corso di aggiornamento su “Prevenzione Diagnosi e Cura nei casi di Trascuratezza, Maltrattamento ed Abuso” del bambino, organizzato dalla scuola media e dal Lions Club di Scordia-Palagonia-Militello Val Catania, in collaborazione con l’U.O.N.P.I. del distretto di Palagonia.

 

 

Ad introdurre la conferenza la dott.ssa M. Ragusa, Presidente del Lions Club; relatore la dott.ssa M.A. Strano, Responsabile U.O. di Neuropsichiatria dell’Età evolutiva                               A.S.L. 3 – Catania, Distretto di Gravina e Presidente di “ La Ginestra ” gruppo medico-psico-pedagogico che opera nella provincia di Catania e si occupa dei maltrattamenti, trascuratezze ed abusi dei minori, interviene il prof. G. Gueli, Assessore alla Pubblica Istruzione di Scordia.  

 

 

Quando si parla di Abuso sul bambino, si intendono tutte le forme di violenza che un bambino può subire:

 

 

·    Maltrattamento Fisico: Il genitore o le persone che si prendono cura del minore eseguono, o permettono che si eseguano, o mettono il minore, in condizione di subire lesioni fisiche. In esso si distinguono Segnali comportamentali (paura immotivata dell’adulto,sguardo spesso attento e allarmato,scoppi di ira improvvisa,sbalzi di umore incongrui,rifiuto del contatto fisico o aggressività,in età scolare depresso o iperattivo) e Segnali Emotivi (attenzione labile e incostante, difficoltà ad ascoltare ed eseguire le indicazioni degli adulti non rappresentano un modello di riferimento, scarsa iniziativa, disistima e immagine di se distorta, falsa percezione di se come “Forte”, difficoltà di relazione). La caratteristica specifica del bambino maltrattato, è il rapporto problematico con la fisicità e il contatto corporeo. Egli ha sperimentato che la relazione passa attraverso il contatto fisico violento, e quindi, tende a ripetere i comportamenti aggressivi e rimanere nel ruolo di vittima. Ha bisogno di essere rassicurato e contenuto, ma evitando quanto più possibile il contatto corporeo, cercando di non trasmettere una sensazione di timore nei suoi confronti o, di lasciarlo solo o, punirlo con allontanamento.

 

 

·    Maltrattamento Psicologico: Il bambino viene svalutato,umiliato,in modo continuato nel tempo, con frasi e/o comportamenti. Questa esperienza mette a grave rischio l’integrità del bambino sia sul piano corporeo che cognitivo, infatti autostima, percezione degli altri e del mondo, relazioni con i coetanei, vengono danneggiati. Si determina una spirale senza fine di progressiva disistima e di sfiducia, che a volte viene ulteriormente aggravata anche da persone esterne al nucleo familiare. In esso si distinguono Segnali comportamentali  (atteggiamento da Vittima o da Persecutore, ritiro dalle relazioni sociali, scarsa tendenza all’attività, continua svalutazione di sé e delle proprie capacità, a volte comportamenti antisociali) e  Segnali Emotivi (Stato d’ansia continuo, deficit dell’autostima e della fiducia negli altri, percezione del mondo come “minacciosa”, tristezza, inibizione, assenza di “slancio vitale”). Caratteristiche psicologiche: Il bambino può reagire con due stili comportamentali Passivo: rinuncia all’autoaffermazione e si adegua alla cattiva opinione che gli altri hanno di lui, Reattivo: si oppone all’etichetta cercando di imporsi, non sempre in modo adeguato, come leader.

 

 

Per stabilire con questi bambini una relazione adeguata bisogna porsi nella condizione dell’Osservazione partecipe, e dell’ascolto emotivo, per farlo sentire riconosciuto come individuo unico, con sue potenzialità e capacità e consentirgli di esprimere la sua rabbia e canalizzarla, in modo da evitare che la esprima in modo distorto. 

 

 

Nella patologia delle cure si distinguono forme di: 

 

 

         INCURIA: Cure carenti rispetto ai bisogni fisici e psicologici dell’età

 

 

         DISCURIA: Cure distorte e inadeguate rispetto all’età

 

 

         IPERCURA: Cura eccessiva per lo stato fisico del bambino (Medical shopping, Chemical abuse, Sidrome di  Münchausen per procura.

 

 

L’Abuso Sessuale, nelle due forme intrafamiliare ed extrafamiliare, è rappresentato dal coinvolgimento di soggetti immaturi e dipendenti in attività sessuali, con assenza di consapevolezza e libertà di scelta, agito da familiari, conoscenti, estranei.

 

 

Dati segnalazioni, e successiva “presa in carico” svolta dal Gruppo “ La Ginestra ,sulla provincia di Catania – Anno 2003.            

 

 

Numero minori : 668

 

 

         98           Sottoposti ad abuso

 

 

         40           Maschi

 

 

         58           Femmine

 

 

         4 -13       Età prevalente, con punte di 2-16

 

 

         60 %      ha sviluppato psicopatologia.

 

 

         31 casi         Padre                    

 

 

         10 casi         Madre

 

 

         18 casi         Padre/Madre

 

 

         3   casi         Convivente/Madre

 

 

         9   casi         Esterno al nucleo familiare

 

 

         Si è riscontrato che nel 10% l’abusante è un minore.

 

 

         668 minori/anno 2003

 

 

         15 %        Abuso (98 casi)

 

 

         40.5 %     Maltrattamento (271 casi)

 

 

         55 %        Trascuratezza grave (369 casi)

 

 

         Nel 15-20 % dei casi segnalati per T si è poi riscontrato M

 

 

         Media minori sottoposti ad abuso : 1.5/1000

 

 

         Nell’anno 2004 aumento segnalazioni del 10%, di questo il 3% riguarda l’Abuso.

 

 

         Ricerca ASPER,1992 : 2/1000 minori subiscono abusi, di questi il 7% femmine e il 3% maschi.

 

 

         Il 24% delle bambine e il 22% dei maschi sotto i 6 anni

 

 

         Ricerca CISMAI, 2000 : svolta su 43 centri e 702 casi riporta 4/1000 minori vittima di abuso

 

 

         48.1 % libidine

 

 

         28.8 % atti penetrativi

 

 

         14.9 % prostituzione, pedofilia, pornografia.   

 

 

Ostacoli alla Rivelazione:

 

 

         La minaccia di morte, per se o per i familiari è la più ricorrente, fra quelle che i bambini riferiscono, come deterrente da parte dell’adulto abusante nei loro confronti.

 

 

         Relazione con l’abusante, più è stretta più improbabile il racconto

 

 

         Gravità degli atti

 

 

         Frequenza degli atti

 

 

         Autopercezione di incapacità a comunicare e farsi ascoltare e credere

 

 

         Vergogna di Se in quanto abusati e in quanto testimoni di un racconto sulle “parti proibite” .

 

 

Conseguenze psicopatologiche:

 

 

         Ansia, Depressione, tentativi di suicidio,determinati dal sentimento di impotenza, dall’aggressione familiare, dallo stato di allerta continuo che il bambino mette in atto.

 

 

         Devianza sociale : utilizzo in età adulta di alcool, droghe

 

 

         Comportamenti sessuali compulsivi, atteggiamenti fortemente sessualizzati nei bambini

 

 

         Birging and Purging

 

 

         Ambivalenza nel desiderare di strutturare legami di attaccamento e sentirsi vulnerabili

 

 

         Autosvalutazione e tendenza al ruolo di vittima

 

 

         Stutturazione del senso di Colpa.

 

 

Conflitto del Terapeuta:

 

 

         Possono trascorrere mesi o anche anni prima che un minore riveli le violenze

 

 

         Il terapeuta è investito nella duplice veste, di chi “aiuta” nel percorso di elaborazione e di sopportazione della resilienza e, di chi deve avviare il bambino o l’adolescente al percorso giudiziario sapendo, che non potrà, in quella sede, stargli accanto. 

 

 

Bias prevalenti :

 

 

         ritenere l’abuso un fenomeno raro

 

 

         abuso più probabile negli strati sociali più bassi e con minore    probabilità agito sul sesso maschile

 

 

         madre non abusante o non collusa

 

 

         madre non sorgente di false accuse in caso di separazione

 

 

         la madre non può non aver visto  

 

 

         incapacità ad accettare l’idea che un bambino si sottometta a degli atti sessuali per ricevere affetto, attenzione o regali

 

 

         visita medica solo nei casi gravi

 

 

Ricerca CISMAI su 15 servizi anni 1995/99 : su 1111 minori, falsi positivi = 7.65%

 

 

 

 

Condizioni che favoriscono il fenomeno:

 

 

         Temperamento del Bambino: un atteggiamento negativo di fondo, mancanza di calore e coinvolgimento da parte di chi si occupa del minore nei primi anni di vita, eccessiva permissività e tolleranza,modello genitoriale della gestione del potere.

 

 

         Madri: distaccata, a volte depressa, trasforma le sue ansie in azioni punitive nei confronti del figlio. In genere sono donne fragili, oberate da responsabilità, spesso sole ad occuparsi di tutte le esigenze familiari comprese quelle economiche. Madri che hanno subito violenza.

 

 

         Padri: o passivi ed egoisti (la sindrome del padre che dorme) o sadici e tirannici.

 

 

 

 

Caratteristiche del comportamento di VITTIMA le vittime sono minori che presentano:

 

 

         Ansia e insicurezza

 

 

         Timidezza, tranquillità

 

 

         Reazioni di difesa caratterizzate da chiusura in se stessi o pianto nei più piccoli

 

 

         Debolezza fisica in particolare nei maschi

 

 

         Incapacità nelle attività di gioco o sportive spesso accompagnata dalla paura di farsi male

 

 

         Ruolo passivo

 

 

         Disistima con calo del rendimento scolastico in particolare alla scuola media.

 

 

L’atteggiamento della società verso i minori e quanto essa è disposta ad investire nel miglioramento della loro vita familiare e sociale, testimoniano del suo grado di civiltà.

 

 

 

 









Postato il Venerdì, 31 marzo 2006 ore 10:21:27 CEST di Santa Tricomi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi