Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 553093683 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2022

28 anni fa la tragedia del piccolo Nicholas. Il ragazzo che salvò migliaia di vite, a Messina primo convegno internazionale “Donarte 2022”
di a-oliva
298 letture

FESTA DEI NONNI - I bambini dell’Istituto John Dewey preparano il tè per i nonni
di a-oliva
289 letture

AVVISO - Personale A.T.A. - Assistenti amministrativi aspiranti a nomina DSGA facenti funzione a.s. 2022/2023 - COPERTURA POSTI PRESSO I.S. BRUNELLESCHI DI ACIREALE E I.C. V. FUCCIO LA SPINA DI ACIREALE
di a-oliva
225 letture

Comunicare il fatto storico LA NAVE ARCAICA DI GELA Laboratorio di futuro promosso dall’UCSI
di a-oliva
217 letture

Ricercazione “Apprendere col cuore e allenare la mente”. Fidapa di Bronte nella Giornata mondiale dell’Insegnante. Lo psicologo in tutte le scuole accanto agli studenti
di a-oliva
98 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Per una scuola laica ma fedele ai valori della Costituzione: è possibile abolire l’ora di religione e il crocifisso in classe?

Redazione
“Difendere la Costituzione ma non la libertà di scelte educative, l’ora di religione e il crocifisso nelle aule”, sembra questo il programma elettorale del PD e le dichiarazioni del Segretario Enrico Letta che intende difendere la Costituzione contrastano con quelle di Pippo Civati e Beatrice Brignone, candidati alle elezioni politiche del 25 settembre con Sinistra Italiana e Verdi, collegata al PD, i quali hanno proposto “l’Abolizione dell’ora di religione per elementari e medie, niente più crocefisso in classe e finanziamenti alle scuole non statali”.
L’opposizione alle scuole paritarie trova riscontro e man forte anche presso i parlamentari Cinque Stelle e dei principi della Costituzione che si intendono difendere si salvano soltanto quelli che convengono agli interessi di parte e non al  bene comune.
Alla proposta “possibile” di Civati ha risposto Orazio Ruscica, segretario nazionale Snadir, il quale ha evidenziato che l’insegnamento della Religione è facoltativo ed ha citato soltanto che oltre un milione di alunni già oggi non si avvale dell’insegnamento, senza affermare che gli altri 7 milioni di studenti italiani se ne avvalgono con profitto, in quanto, come ha scritto Carmelo Mirisola, coordinatore degli Insegnanti di Religione Cattolica della Cisl, “nel quadro delle finalità della scuola”: la Repubblica Italiana dichiara di riconoscere “il valore della cultura religiosa” e di tener conto del fatto che “i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano” (art. 9.2).


La finalità principale di tale insegnamento è lo sviluppo della persona umana, senza distinzioni di sorta, neanche di carattere religioso (art. 3 Cost.).

Chi ha stilato il programma di Possibile rivela di non conoscere il “sistema scolastico italiano”, che prevede la compresenza di scuole statali e paritarie, regolarmente costituite e riconosciute e convergenti nell’offrire un “servizio pubblico” nel rispetto dei principi e dei valori della libertà di scelta educativa.
Non si possono fare dichiarazioni generiche che come tante promesse elettorali sono lucciole e fiammelle che cadono giù e si spengono.
Nell’ordinamento dello Stato ci sono: Leggi, Concordati, Intese, Accordi, Sentenze che non si possono cancellare solo perché a qualche politico non sono graditi.
Si legge ancora nelle proposte del PD, Sinistra Italiana e Verdi, “Per una piena realizzazione del principio costituzionale della laicità si dovrebbe anche abolire la normativa che prevede l’esposizione di un simbolo confessionale come il crocifisso nei locali delle scuole pubbliche”.
Dichiarazione in contrasto con la sentenza delle Sezioni unite civili della Corte di Cassazione che a proposito dell’esposizione del crocefisso in classe ha detto che “può legittimamente essere esposto allorquando la comunità scolastica valuti e decida in autonomia di esporlo, nel rispetto e nella salvaguardia delle convinzioni di tutti, affiancando ad esso, in caso di richiesta, gli altri simboli delle fedi religiose presenti all’interno della stessa comunità scolastica”.
La proposta di Civati e Brignone di “applicare con rigore l’art. 33 della Costituzione”, nella parte in cui si sostiene che alle scuole “private” non debba essere accordato alcun “finanziamento pubblico, né in forma diretta da parte dello Stato, delle Regioni o dei Comuni, né sotto forma di sovvenzioni concesse alle famiglie in nome della cosiddetta libertà di scelta educativa” è in contrasto con la legge 62/2000 delle scuole paritarie che fanno parte integrante del “Sistema Scolastico Nazionale”, che porta la firma di Luigi Berlinguer.
L’espressione “senza oneri per lo Stato” inserita dal Costituente siciliano Concetto Marchesi, si riferiva alle nascenti scuole di partito, che in quel momento stavano sorgendo e non tanto alle scuole cattoliche, che alzano la bandiera della libertà della scelta educativa che la Costituzione riconosce ad ogni genitore.
“La scelta educativa spetta ai genitori e non ci possono essere imposizioni ideologiche dall’alto, la scuola è delle famiglie”, afferma con chiarezza Suor Anna Monia Alfieri, sostenitrice della libertà delle scelte educative e del costo standard per studente a garanzia di una parità di diritti nel percorso formativo, il diritto di apprendere degli studenti, il diritto alla libertà di insegnamento degli insegnanti, attraverso la definizione  dei costi per favorire gli investimenti ed evitare lo spreco.
Oggi un allievo costa allo Stato in media 8000 euro annui; i conti del Ministero stabiliscono il costo standard in 5.500 euro in media. La differenza sono i soldi intrappolati nella morsa dello spreco.
La scuola è un unicum: è solo in un percorso armonioso – autonomia alla scuola statale, libertà alla scuola paritaria, buono scuola o agevolazione fiscale sia per la scuola statale che per la paritaria, sotto lo sguardo garante dello Stato – che sarà possibile sanare la scuola e renderla effettivo “ascensore sociale” a beneficio dell’intera società italiana.
 
PER UNA SCUOLA LAICA MA FEDELE AI VALORI DELLA COSTITUZIONE
Difendere la Costituzione ma non la libertà di scelte educative l’ora di religione e il   crocifisso nelle aule” Sembra questo il programma elettorale del PD  e le dichiarazioni del Segretario Enrico  Letta che intende  difendere la Costituzione contrastano con quelle di Pippo Civati e Beatrice Brignone  candidati  alle elezioni politiche del 25 settembre con Sinistra Italiana e Verdi, collegata al PD,  i quali hanno proposto “l’ Abolizione dell’ora di religione per elementari e medie”, niente più crocefisso in classe e finanziamenti alle scuole non statali”
L’opposizione alle scuole paritarie trova riscontro man forte anche presso i parlamentari di Cinque Stelle e dei principi della Costituzione che si intendono difendere si salvano soltanto quelli che convengono agli interessi di parte e non al  bene comune.
Alla proposta “possibile” di Civati ha risposto Orazio Ruscica, segretario nazionale Snadir,  il quale ha evidenziato che l’insegnamento della Religione è facoltativo  ed ha citato soltanto che oltre un milione di alunni già oggi non si avvale dell’insegnamento, senza affermare che gli altri 7 milioni di studenti  italiani se ne avvalgono con profitto, in quanto, come ha scritto Carmelo Mirisola, coordinatore degli Insegnanti di Religione Cattolica della Cisl   Nel quadro delle finalità della scuola”: la Repubblica Italiana dichiara di riconoscere “il valore della cultura religiosa” e di tener conto del fatto che “i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano” (art. 9.2). La finalità principale di tale insegnamento è lo sviluppo della persona umana, senza distinzioni di sorta, neanche di carattere religioso (art. 3 Cost.).
Chi ha stilato il programma di Possibile  rivela di non  conoscere   il “sistema scolastico italiano” che prevede la compresenza di scuole statali e paritarie, regolarmente costituite e riconosciute e convergenti nell’offrire un “servizio pubblico” nel rispetto dei principi e dei valori della libertà di scelta educativa.
 Non si possono fare dichiarazioni  generiche che come tante promesse elettorali sono lucciole e fiammelle  che cadono giù e si spengono.
Nell’ordinamento dello Stato ci sono: Leggi, Concordati,  Intese,  Accordi, Sentenze che non si possono cancellare solo perché a qualche politico non sono graditi.
Si legge ancora nelle proposte del PD- Sinistra Italiana e Verdi, Per una piena realizzazione del principio costituzionale della laicità si dovrebbe anche abolire la normativa che prevede l’esposizione di un simbolo confessionale come il crocifisso nei locali delle scuole pubbliche”.
Dichiarazione in contrasto con la sentenza delle Sezioni unite civili della Corte di Cassazione che a proposito dell’esposizione del Crocefisso in classe ha detto che “può legittimamente essere esposto “allorquando la comunità scolastica valuti e decida in autonomia di esporlo, nel rispetto e nella salvaguardia delle convinzioni di tutti, affiancando al crocifisso, in caso di richiesta, gli altri simboli delle fedi religiose presenti all’interno della stessa comunità scolastica”.
La proposta di Civati e Brignone di “applicare con rigore l’art. 33 della Costituzione”, nella parte in cui sostiene che alle scuole “private” non debba essere accordato alcun “finanziamento pubblico, né in forma diretta da parte dello Stato, delle Regioni o dei Comuni, né sotto forma di sovvenzioni concesse alle famiglie in nome della cosiddetta libertà di scelta educativa” è in contrato con legge 62/2000 delle scuole paritarie che fanno parte integrante del “Sistema Scolastico Nazionale”, che porta la firma di Luigi Berlinguer.
L’espressione “senza oneri per lo Stato” inserita dal Costituente siciliano Concetto Marchesi, si riferiva alle nascenti scuole di partito, che in quel momento stavano sorgendo e non tanto alle scuole cattoliche, che alzano la bandiera della libertà della scelta educativa che la Costituzione riconosce ad ogni genitore.
La scelta educativa spetta ai genitori e non ci possono essere imposizioni ideologiche dall’alto, la scuola è delle famiglie”, afferma con chiarezza Suor Anna Monia Alfieri, sostenitrice della libertà delle scelte educative e del costo standard per studente a garanzia di una parità di diritti nel percorso formativo,  il dritto di apprendere degli studenti, il diritto alla libertà di insegnamento degli insegnanti, attraverso la definizione  dei costi  per favorire gli investimenti ed evitare lo spreco.
Oggi un allievo costa allo Stato in media di 8000 euro annui; i conti del Ministero stabiliscono il costo standard in 5.500 euro in media. La differenza sono i soldi intrappolati nella morsa dello spreco
La scuola è un unicum: è solo in un percorso armonioso – autonomia alla scuola statale, libertà alla scuola paritaria, buono scuola o agevolazione fiscale sia per la scuola statale che per la paritaria, sotto lo sguardo garante dello Stato – sarà possibile sanare la scuola e renderla effettivo “ascensore sociale” a beneficio dell’intera società italiana.
 
Giuseppe Adernò








Postato il Domenica, 28 agosto 2022 ore 18:34:31 CEST di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi