Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 489111691 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2019

Domenica 6 ottobre Lungomare Fest per l’intera giornata all’insegna della solidarietà.
di a-oliva
744 letture

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra
629 letture

Grazie Nicholas
di a-oliva
551 letture

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva
541 letture

Personale ATA - Elenco definitivo Assistenti Amministrativi disponibili alla copertura dei posti vacanti del profilo di D.S.G.A. – A.S. 2019/2020
di a-oliva
535 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Decreto Legge sulla scuola e nessuna attenzione ai temi della governance nelle autonome Istituzioni scolastiche
·Non vogliamo una scuola di sole 'competenze'
·Il 27 settembre i COBAS scioperano insieme a Fridays for future
·Ferdinando Pagliarisi (segretario generale Cisl Scuola): “Dispersione fa rima con disoccupazione”
·Nuovo confronto aperto sulla Scuola italiana. Il punto di vista dei Collaboratori del Dirigente Scolastico


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Indagini statistiche: Invalsi, il boicottaggio del Sud Il test rifiutato da due licei su treInvalsi, il boicottaggio del Sud Il test rifiutato da due licei su tre

Rassegna stampa
Tra gli istituti tecnici in Sicilia solo uno su 10 ha svolto la prova. Il rischio di non poter usare i dati per la valutazione. Ajello: non è stata solo protesta politica - Sarà come una carta di identità senza la fotografia. Chi la potrebbe considerare valida? Le scuole italiane del Centrosud si sono rifiutate in grandissima parte di farsi fotografare dall’Invalsi lo scorso maggio. E la prima carta di identità delle scuole, quel rapporto di autovalutazione (Rav) che avrebbe dovuto essere pronto a luglio ed è già slittato a settembre, in queste regioni resterà fortemente incompleto, insomma per molte scuole inattendibile.Che il «boicottaggio» delle prove Invalsi avesse raggiunto e superato il 20 per cento su base nazionale si sa da maggio, ma i dati pubblicati la scorsa settimana hanno scattato la fotografia della débâcle delle prove in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.Sarà come una carta di identità senza la fotografia. Chi la potrebbe considerare valida? Le scuole italiane del Centrosud si sono rifiutate in grandissima parte di farsi fotografare dall’Invalsi lo scorso maggio. E la prima carta di identità delle scuole, quel rapporto di autovalutazione (Rav) che avrebbe dovuto essere pronto a luglio ed è già slittato a settembre, in queste regioni resterà fortemente incompleto, insomma per molte scuole inattendibile.Che il «boicottaggio» delle prove Invalsi avesse raggiunto e superato il 20 per cento su base nazionale si sa da maggio, ma i dati pubblicati la scorsa settimana hanno scattato la fotografia della débâcle delle prove in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.
Non ci sono dati per il 2015 su come vanno le scuole in 4 regioni
Il record negativo spetta alle scuole siciliane. Analizzando i numeri delle prove che si
sono svolte nelle seconde superiori si legge: Sicilia, partecipazione 11,6 (licei) 10,0 Istituti tecnici, 6,5 istituti professionali. Poco meglio la Puglia (2 licei su 5 e 1 istituto tecnico su 6) e la Campania (1 liceo su tre e 1 istituto tecnico su 6) «È fallito il dato censuario - spiega Annamaria Ajello, presidente dell’Invalsi che solo lo scorso anno poteva celebrare un dato eccezionale, oltre il 98 per cento delle scuole avevano sottoposto i ragazzi al test di valutazione dell’apprendimento - avremo un buco in molte regioni per il 2015, ma stiamo lavorando per avere statistiche attendibili». Come? I funzionari del Miur che hanno compilato il rapporto spiegano che «mediante opportune tecniche statistiche, che saranno oggetto di uno specifico approfondimento metodologico che l’Invalsi pubblicherà entro dicembre, sono stati ricalcolati i pesi delle scuole nelle regioni con alti tassi di astensione in modo che la rappresentatività nazionale fosse garantita», insomma si sono rivolti all’Istituto nazionale di Statistica per cercare di mettere una pezza.
Ma che cosa è successo quest’anno? «Sicuramente la protesta per l’approvazione della riforma che in quei giorni era molto forte - spiega Ajello - ma non basta a spiegare tutto: anche nel Nord ci sono state proteste ma gli insegnanti non hanno usato l’Invalsi». Resta un’eccezione Roma, che con l’alta astensione - soprattutto degli istituti professionali - abbassa fortemente anche la media del Lazio (meno di un istituto su tre ha fatto i test).
E i presidi non sanno come distribuire i premi al merito
Secondo gli esperti del ministero che hanno studiato i dati uno per uno, le scuole che non partecipano «sono quelle i cui allievi hanno sistematicamente risultati più bassi, dove il contesto socioeconomico è meno favorevole e nelle quali l’anno passato si sono registrati comportamenti opportunistici», cioè si copiava di più. È probabile che poiché quest’anno i risultati cominciano ad essere resi pubblici anche scuola per scuola, i professori abbiano preso le loro contromisure. E c’è da immaginare che l’introduzione della valutazione e dei criteri di merito (duecento milioni), che la nuova legge sulla scuola affida ai presidi per premiare gli insegnanti, non sarà una passeggiata: intanto in tutte queste scuole non potrà essere usato come criterio la valutazione delle competenze. Si aggiunga che la sperimentazione appena conclusa dal Miur sulla Valutazione (riforma Gelmini) ha evidenziato che l’idea di essere valutati per un premio non migliora di per sé l’apprendimento anche se rende le scuole più organizzate e che solo un preside su tre ha prontamente usato i soldi-premio per la sua scuola, circa 100 mila euro. Come? Quasi la metà li ha distribuiti a pioggia, gli altri li hanno usati per comprare computer. «Nella scuola non c’è la cultura del premio individuale - spiega Andrea Gavosto della Fondazione Agnelli che ha pubblicato un rapporto sulla sperimentazione - che genera più competizione che collaborazione. Ma soprattutto, se il sistema non sarà in grado di fornire dati affidabili, la valutazione e i premi diventano velleitari».
download fig 1.2
Fig 1.1

Gianna Fregonara
Corriere.it








Postato il Domenica, 19 luglio 2015 ore 08:43:14 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi