Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 472460592 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2019

Bandito il concorso per 2004 posti di Direttori dei Servizi Generali ed Amministrativi (ex segretari) nelle scuole statali. Domande entro il 28 gennaio 2019
di m-nicotra
583 letture

Prorogata la mostra didattica itinerante su Van Gogh
di m-nicotra
570 letture

Lettera a Francesco Merlo
di a-palumbo
566 letture

La cucina Thaillandese si aggiudica il primo premio del contest 'Intercultura a tavola' organizzato dell’alberghiero di Caltagirone
di m-nicotra
539 letture

Il governo colpisce il Centro-Sud e premia chi tassa gli studenti
di m-nicotra
470 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"
·Seminario di educazione alla bellezza


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: Sentenza Corte Giustizia UE: sul precariato il Governo continua a sbagliare

Sindacati
Non assumere 60mila docenti abilitati e 40mila Ata esporrebbe lo Stato a risarcimenti miliardari, molto superiori ai costi della loro stabilizzazione negata. Sbaglia il sottosegretario Gabriele Toccafondi a dire, come ha fatto oggi rispondendo ad un’interpellanza parlamentare, che la questione si ritiene chiusa con il programma “di assunzioni a tempo indeterminato di circa 148mila docenti delle scuole di ogni ordine e grado da attuarsi nell'a.s. 2015/16, con conseguente chiusura definitiva delle graduatorie ad esaurimento”.
Marcello Pacifico (presidente Anief): chi governa continua a ragionare come se la storica sentenza del 26 novembre a Lussemburgo non fosse mai esistita, trattando il fenomeno del precariato per comparti. Il punto è che è finito il tempo di far operare i lavoratori nello Stato per lunghi periodi, a tempo determinato e su posti vacanti e disponibili senza alcuna ragione sostitutiva.
La storica sentenza del 26 novembre della Corte di Giustizia europea ha messo in chiaro, una volta per tutte, che la stagione delle discriminazioni verso i precari è giunta al capolinea: invece i rappresentanti del Governo continuano ad esternare come se non fosse accaduto nulla. Come il sottosegretario Gabriele Toccafondi che, rispondendo oggi ad un'interpellanza urgente dell’on. Silvia Chimienti (M5S) sulle modalità che l’Esecutivo intende adottare per dare seguito al parere espresso dalla Corte di Lussemburgo sulla reiterazione dei contratti, si è limitato a dire che la questione si ritiene chiusa con il programma “di assunzioni a tempo indeterminato di circa 148mila docenti delle scuole di ogni ordine e grado da attuarsi nell'a.s. 2015/16, con conseguente chiusura definitiva delle graduatorie ad esaurimento”, come previsto dalla ‘Buona Scuola’ e dalla Legge di Stabilità 2015.
Il sottosegretario, inoltre, ha spiegato che “i posti che si renderanno vacanti e disponibili per effetto del turn over a decorreredall'anno 2016saranno coperti con docenti assunti a tempo indeterminato grazie allaregolare indizione di appositi concorsi. Tutto ciò, renderà stabile e sistematica la procedura di reclutamento dei docenti. È evidente – ha concluso Toccafondi - che l'attuazione del piano consentirà di eliminare il ricorso reiterato a contratti a tempo determinato ed utilizzare le supplenze solo per esigenze contingenti ed imprevedibili”.
Ancora una volta, il Governo non spende una parola per tutti gli abilitati all’insegnamento non inclusi nelle GaE. E nemmeno sui tanti precari appartenenti al personale Ata che da un lungo periodo, superiore ai tre anni servizio svolto, indicati dalla Curia europea, operano per l’amministrazione scolastica in stato di precarietà. Si continua, in sostanza, a considerare per buona la Legge 106/2011, che autorizza alla reiterazione dei contratti a termine, mentre la suprema Corte UE ha nel frattempo spiegato, a chiare lettere, che qualsiasi norma di questo stampo risulta in palese contrasto con la direttiva europea 1999/70/CE.
“Si continua a trattare il fenomeno del precariato – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – per sottocomparti. Eppure, i giudici della Corte di Giustizia europea non hanno indicato come elemento imprescindibile, per essere assunti, quello della collocazione dei precari in particolari o determinate graduatorie. Per essere immessi in ruolo occorre il titolo di studio richiesto e i 36 mesi di servizio, anche non consecutivi, su posto previsto in organico di diritto, quindi con scadenza collocata almeno sino al termine dell’anno scolastico. Più l’abilitazione all’insegnamento, ovviamente quando si parla di personale docente”.
“Ora, siccome ci sono almeno 100mila precari della scuola in questo stato, 60mila insegnanti e 40mila Ata, è evidente che non volerli assumere significa automaticamente esporsi ad una nuova stagione di ricorsi. Ma proprio alla luce della sentenza europea della scorsa settimana, continuare a tenere la testa nella sabbia, come sembra voler far il Governo italiano, può essere davvero rischioso: stavolta lo Stato italiano rischia di pagare risarcimenti salatissimi, anche di 6 miliardi di euro”, dice ancora Pacifico.
Per evitare l’avvio di decine di migliaia di impugnazioni in tribunale, il Governo farebbe quindi bene a cambiare registro. Prendendo atto del fatto che lo scenario politico e giuridico è mutato. Ecco perché l’Anief ha chiesto al Parlamento, prima alla Camera e ora al Senato, sempre con richieste di atti emendativi alla Legge di Stabilità 2015, di prevedere un allargamento di 100mila unità al piano di assunzioni e di includervi il personale non docente.
Il giovane sindacato chiede, pertanto, di incrementare il cosiddetto organico funzionale per un totale quindi di 210mila immissioni in ruolo di personale docente. Per il personale docente, la proposta Anief è quella di consentire l’inserimento in quarta fascia aggiuntiva, considerato tra l’altro che in alcune province e per alcune classi di concorso le Graduatorie ad esaurimento sono ormai vuote. Come si fa, visto che vi sono i posti vacanti e il personale abilitato a cui affidarli, a continuare a traccheggiare in attesa di nuovi concorsi da bandire nel 2016 e concludere, se va bene, l’anno successivo? Lo stesso discorso vale per gli amministrativi, tecnici e ausiliari della scuola, che, come i docenti, svolgono un ruolo fondamentale ed a sostegno della scuola pubblica: hanno tutti i requisiti, ma vengono lasciati ancora una volta al palo.
Anief ribadisce che la sentenza del 26 novembreriguarda tutto il pubblico impiego, ma solo per la scuola italiana coinvolge oltre 250mila precari, tra personale docente e Ata. Perchénegli ultimi tredici annile immissioni in ruolo sono state appena 250mila, a fronte di un milione e mezzo di supplenze annuali o fino al termine delle attività didattiche su posti liberi e appena 300mila pensionamenti. I supplenti di lungo corso, con almeno quattro supplenze annuali o al 30 giugno, vanno assunti: “è finita l’epoca di farli operare nello Stato per lunghi periodi a tempo determinato su posti vacanti e disponibili e senza alcuna ragione sostitutiva. Chi ci governa – conclude Pacifico – se ne faccia una ragione”.

Anief.org








Postato il Domenica, 07 dicembre 2014 ore 08:15:00 CET di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi