Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481994728 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1684 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1264 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
837 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
·La scuola odierna, non solo in Italia, ridotta ad essere una scuola finta
·A chi giova escludere i posti Quota 100 dai posti disponibili per la mobilità?
·Sì ai controlli biometrici dei dirigenti scolastici
·I 'veri' problemi della scuola


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Manifestazioni non governative: La Buona Scuola? Per chi? Piu’ che un Patto sulla Scuola, questo di Renzi e del suo governo si presenta come un ricatto alla scuola

Comunicati
Un (nemmeno tanto) sottile scambio assunzioni-tutele, un abominevole e sbilanciato baratto tra posti di lavoro per alcuni (non per tutti) e cessione (a prezzo scontato) della scuola alle moderne logiche neoliberiste, fatte di meritocrazia fuori controllo, diritti un tempo inattaccabili ed universali ora da guadagnarsi sul campo, aziendalizzazione della scuola con ingresso dei privati, svilimento della professionalità dell’insegnante a vantaggio della sua fantomatica produttività.
Questa riforma tutta parole, demagogia e propaganda, sottende un obiettivo nascosto all’uomo della strada, ma chiarissimo per chi la scuola la vive dal di dentro: la destrutturazione (forse) definitiva, iniziata un paio di decenni fa, del concetto di scuola pubblica, un luogo dove si fa(ceva) cultura, la si offre (offriva) gratis a tutti, senza altro interesse che quello della crescita umana e sociale del giovane futuro cittadino consapevole, crescita avulsa e non veicolata da concetti prettamente ad interesse privatistico quali il controllo, il merito, la produttività, il pareggio di bilancio. La nostra costituzione parla chiaro: la scuola non puo’ essere trattata come un’azienda.
Non possono e non devono essere soddisfatti, pertanto, i 150mila precari storici che si vedranno stabilizzati tra alcuni mesi, non possono perché la loro sarà un’assunzione condizionata all’accettazione di un radicale abbassamento dell’asticella dei diritti per loro e per tutto il mondo della scuola, condizionata per di più all’eliminazione di altre categorie di precari meno fortunati, agnelli sacrificali per l’espiazione della supplentite. Un ricatto, tutto questo, immorale in quanto attuato sulla pelle di chi (mediamente non più giovani), sissini, vincitori di vari concorsi,  la stabilizzazione la attende da anni e da anni come precario porta avanti la scuola italiana. Una stabilizzazione annunciata, inoltre, a poche settimane dalla sentenza della Corte Europea che avrebbe potuto comunque obbligare l’Italia a questa stabilizzazione di massa, una stabilizzazione, però, senza ricatto.
Non possono e non devono essere soddisfatti e tranquilli i docenti già di ruolo perché l’asticella dei diritti scenderà anche per loro, inglobati in un mare magnum di meritocrazia personalizzabile dal Dirigente, di servilismo abietto, di stipendi bloccati per legge per un terzo del corpo docente e vincolati a chissà quale produttività, misurata a crediti chissà con quali parametri, ed inserita in una scheda valutativa personale alla stregua delle logiche delle grandi multinazionali private, mirabolanti “esempi etici”, tra i principali responsabili della disoccupazione galoppante, del dumping sociale e della guerra tra poveri.
Che ne sarà del quotidiano, impegnativo, lento, disinteressato lavoro fatto di pratiche ed attenzioni personalizzate alla classe ed al singolo alunno e pertanto del tutto impossibile da misurare?
Non possono essere contenti i precari “altri”, gli abilitati Tfa I e II ciclo,in tutto circa 35mila, e gli abilitati Pas, 70mila, i globuli bianchi della supplentite, quarantenni tutti estromessi con un video alla nazione dalla scuola e dal mondo del lavoro. I primi, precari abilitati da una severa e filtrante procedura d’ammissione, vittime delle mancate promesse di un futuro da supplenti qualificati e, in prospettiva, di stabilizzati, i secondi, abilitati dimostrando di saper insegnare dopo averlo fatto in anni di professionale servizio in giro per le province della penisola, vittime del classico lancio del secchio dell’acqua sporca col bambino dentro.
Non possono essere contenti gli studenti e le loro famiglie, condannati ad un modello americano di scuola ed università tutto risposta multipla e valutazione incrociata alunno-insegnante-scuola, qualità per pochi eletti e sponsor nei corridoi.
Fuggire definitivamente dalle logiche del divide et impera neoliberista, della trappola della lotta tra classi, ma unire le lotte è ora quanto mai indispensabile per la salvaguardia della scuola pubblica e libera, per bloccare questa riforma e le sue conseguenze e proporre un piano alternativo, ma equo e giusto, di stabilizzazione diretta (senza concorsi) di TUTTI i precari, senza ricatti e destrutturazione delle tutele, che comprenda, oltre i 150mila precari delle Gae, un piano pluriennale successivo per l’assunzione di tutti gli abilitati Tfa e Pas, la progressiva normalizzazione delle conseguenze nefaste delle miriadi di stratificazioni normative sul reclutamento dei docenti, il rispetto dei diritti e della dignità di tutti i lavoratori della scuola e, di conseguenza, di tutta la scuola.

Al RICATTO ALLA SCUOLA ci opponiamo col

RISCATTO DELLA SCUOLA!

Incontriamoci tutte e tutti, insegnati di ruolo, precari delle Gae, precari abilitati Tfa e Pas, ATA, studenti medi ed universitari, famiglie, in
ASSEMBLEA PUBBLICA sotto la sede dell’ ATP di Via Pianciani,
 lunedì 15 settembre alle ore 15

Coordinamento Precari Scuola Roma
Precari Uniti contro i Tagli
Coordinamento nazionale docenti abilitati Tfa
Coordinamento abilitati Pas
Mida precari
Laureati Scienze della Formazione Primaria
Diplomati Magistrali

movimentoinsegnantiprecari@gmail.com








Postato il Venerdì, 12 settembre 2014 ore 07:15:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.34 Secondi