Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487880328 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
1006 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
998 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
879 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
738 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
686 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca
·Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
·Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
·26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Salute: Regno Unito: il problema del fumo nei luoghi di lavoro

Rassegna stampa
Il divieto di fumo nei locali pubblici, già presente in Galles e Scozia, è entrato in vigore anche nell’Irlanda del Nord, e a luglio 2007, con l’Inghilterra, sarà esteso a tutto il Regno Unito. Proprio nel Regno Unito è apparso recentemente un nuovo rapporto del National Institute for Health and Clinical Excellence (Nice) sul fumo nei luoghi di lavoro, che allarga lo sguardo oltre le questioni strettamente cliniche. Secondo il documento, in molti Paesi il fumo è la prima causa di malattie prevenibili e di morti premature. Il rischio è alto anche per i non fumatori: solo nel Regno Unito i morti per fumo passivo sono due al giorno, un dato impressionante ma anche del tutto evitabile. 
Inoltre il fumo comporta alti costi economici, e non solo per i fumatori: i colleghi dei fumatori devono coprire le loro assenze per malattia, ma anche le semplici pause per le sigarette.
Secondo gli ultimi dati dei Cdc americani, relativi agli anni 1997-2001, la perdita di produttività dovuta alle morti per fumo tocca, solo negli Stati Uniti, i 92 miliardi di dollari all’anno, ai quali vanno aggiunti i 75 miliardi di dollari per i costi sanitari legati al fumo. I dati del documento del Nice sono altrettanto desolanti: i fumatori sono il 25% della popolazione (rispetto al 21% degli Stati Uniti), ognuno dei quali perde in media 33 ore all’anno per malattie legate al fumo, senza contare la perdita di produttività. 
Le strategie da adottare
Il problema, osservano gli autori del rapporto, è come convincerli a smettere. Anche interventi di piccola entità, come colloqui di 5-10 minuti con professionisti sanitari, sono efficaci, e lo stesso tempo può essere usato per terapie sostitutive della nicotina o con bupropione. Naturalmente i risultati migliorano se gli interventi hanno durate maggiori e sono ripetuti più volte. Sono efficaci anche terapie individuali e di gruppo, counselling telefonico, materiali di autoaiuto personalizzati, ma non è ancora stato dimostrato quale di questi interventi sia più efficace.
 Spesso i medici non ricorrono a nessuno di questi interventi, per vari motivi, fra cui tempo e soldi: anche una sessione di 5-10 minuti potrebbe essere troppo lunga per una singola visita e i costi per gli interventi potrebbero essere percepiti come troppo alti. Inoltre, negli Stati Uniti molti medici potrebbero non sapere dei possibili rimborsi per questo tipo di interventi, o ignorare le risorse a disposizione. La riluttanza può derivare anche da una sfiducia infondata nelle possibilità di successo di questi programmi. In effetti le recidive sono frequenti, ma interventi ripetuti fanno aumentare la probabilità di successo. 
Infine, i medici potrebbero sentirsi isolati e sotto il peso di quella che è, in realtà, una responsabilità sociale. Le società che hanno fatto passi avanti nella condivisione di questa responsabilità sono state ripagate: grazie alle restrizioni sul fumo nei luoghi di lavoro si fuma meno, e il divieto totale fa diminuire la prevalenza dei fumatori. Un impiegato che fuma smette più facilmente in un luogo di lavoro senza fumo che in uno dove si fuma. I datori di lavoro dovrebbero incoraggiare i dipendenti a smettere: secondo le raccomandazioni del Nice, dovrebbero rendere noti nei luoghi di lavoro quali sono gli interventi efficaci e dove ci si può rivolgere per averli. Se possibile, gli interventi dovrebbero essere a disposizione sul luogo di lavoro, senza penalizzazioni per chi se ne avvale in orario di lavoro. Gli interventi per far smettere di fumare sono naturalmente utili per i singoli e per la salute pubblica, ma il rapporto del Nice estende la responsabilità alle aziende. Secondo gli autori del rapporto, i datori di lavoro più accorti prenderanno in considerazione le raccomandazioni del Nice e le applicheranno, dal momento che la salute dei lavoratori si risolve in un bene anche per l’azienda.

Epicentro.iss.it








Postato il Domenica, 09 marzo 2014 ore 08:15:00 CET di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi