Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481702964 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1143 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
795 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
735 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
708 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
671 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Invito gratuito scuola estiva Udir - Il mio primo mese da dirigente
·Le scuole di Bari a difesa della libertà di insegnamento (nonostante il Ministro)
·Comunicato stampa della Confederazione Cida Sicilia, relativo alla solidarietà espressa dal segretario regionale Cida Sicilia alla prof.ssa Rosa Maria Dell'Aria di Palermo
·Pensioni, nessuna decurtazione, solo l’applicazione di un criterio nascosto della legge Dini
·Concluso il seminario residenziale 'L’autonomia scolastica, venti anni dopo - criticità e prospettive'


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: Noi, vaso colmo di ingiustizie

Redazione
Egregio Direttore,
sento il bisogno di parlare con lei sin da quando ha dato inizio alla sua settimana a “Prima pagina” su Radio3, trasmissione che ascolto da anni per avere un panorama equilibrato della rassegna dei quotidiani nazionali e che lei conduce in maniera particolarmente sensibile, oltreché brillante sin dal modo sentito in cui legge i giornali. E anche per questo la ringrazio.
Sono un’insegnante, ho due lauree, sono plurispecializzata e perfezionata, quasi “addottorata” in Filosofia della politica, insegno, grazie all’ultimo concorso a cattedra, con serietà e passione crescente, nonostante tutto, Storia e filosofia in un liceo classico di Messina. Mi sento insopportabilmente offesa nella mia dignità di persona a causa dei maltrattamenti che i docenti seri da decenni sono costretti a subire per via di un indecoroso riconoscimento economico che ovviamente ne ha svalutato la considerazione sociale, e che io ironicamente definisco un acconto per le spese di autoaggiornamento o per il viaggio, pensando a chi deve percorrere centinaia di chilometri per raggiungere la sede di lavoro senza che neanche gli sia riconosciuta l’indennità di trasferta o il buono pasto. Non faccio un’ottusa difesa di categoria. So bene, essendo anche genitore e quindi avendo il privilegio di guardare da un altro punto di vista, che tra i molti docenti onestamente impegnati, perché consapevoli di sapere di non sapere mai abbastanza, ovvero definitivamente ed esaustivamente, ce ne sono forse altrettanti che imperdonabilmente fanno i lavativi, non solo tradendo il compito di educare attraverso l’informazione, che doverosamente dovrebbero continuamente aggiornare, ma ancor più gravemente deprivando, attraverso una pessima testimonianza etica, le giovani generazioni di quel patrimonio umano di cui naturalmente sono dotate. Patrimonio che deve essere culturalmente sollecitato e sviluppato, pena il suo isterilimento. So bene, quindi, che molti si sono ritrovati a svolgere questa professione non sulla base di una motivata, deliberata e consapevole, scelta, ma, egoisticamente, sulla base dell’immaginario comune da mitica leggenda metropolitana che il lavoro del docente corrisponda alla "pacchia dei pomeriggi liberi e dei tre mesi di vacanza”. Luogo comune stereotipato e indebitamente falsato, in vero, solo da chi superficialmente scambia il risultato e il prodotto di un'attività - il tempo in aula -con l'interezza del complesso e delicato procedimento necessario per conseguirlo quotidianamente. Insomma, è evidente che considero l’assurdo contenuto della legge di stabilità in merito all’aumento della quantità delle ore settimanali da trascorrere in classe come la classica goccia capace di far traboccare un vaso già colmo di ingiustizie e cieche ottusità che, tra l’altro, si manifestano, apro una parentesi, anche nell’annunciato modo di reclutare i nuovi docenti, attraverso stupidi test validi solo per accertare un nozionismo gretto e meschino superato dal più piccolo supporto magnetico. Ma tornando alle ventiquattro ore settimanali mi chiedo: si vuole avere un minimo di buon senso nel considerare che chi lavora seriamente, con scienza e coscienza, ne fa già almeno il doppio delle 18 previste ufficialmente dal contratto (e comunque, come ho già detto, neanche queste adeguatamente retribuite)? Si vuole o no considerare che un docente di scuola superiore, data la fine degli esami di stato intorno a metà luglio e lo svolgimento degli “esami di riparazione” collocati a fine agosto, rischia di non riuscire a fruire neanche dei trenta giorni di ferie, il periodo del godimento del quale, tra l’altro, non può neanche scegliere come qualsiasi altra categoria? E' quantificabile il tempo investito a casa quando con serietà, impegno e passione, si trascorrono i pomeriggi non solo per predisporre e correggere le verifiche o prepararsi quotidianamente le lezioni – come da più parti si sottolinea riduttivamente -, ma anche e fondamentalmente per fare ricerca scientifica didatticamente funzionale a migliorare la qualità delle proprie competenze? Anche quando fossero già di per sé elevate non devono queste essere necessariamente sempre aggiornate, affinate, individualizzate poiché destinate ad esseri umani da educare, ciascuno meravigliosamente diverso dall’altro, e che, per ovvi motivi, hanno diritto ad esigere una presenza autorevole, attiva e creativa, in grado di appassionare solo se a sua volta appassionata, e quindi, tra l’altro, non affaticata dal sovraccarico di lavoro frustrato, oltre tutto, dall'indegnità dell'inadeguato riconoscimento economico? Certamente tutto questo non può capire chi basandosi sulla diffusa costatazione che molti dei docenti non si impegnano adeguatamente ritiene superficialmente di poter sbrigativamente risolvere i problemi economici del Paese con criteri meramente quantitativi che, di fatto, impedendo nuove assunzioni, si limitano semplicemente a sfruttare gli onesti. Ma si pensa ai soldi che si sperperano (tribunali, carceri, centri di recupero...) quando bisogna riparare i danni gravissimi della diseducazione e maleducazione imperante e sempre più emergente causata anche da una scuola inefficace ed inefficiente?
Una proposta seria: che si abbia il coraggio finalmente di cominciare a valutare l'attività dei docenti (considerandone i titoli, effettuando concorsi in itinere, 'ispezionando' il lavoro in aula e la capacità di documentarlo) in maniera tale da valorizzare chi effettivamente considera questa professione una vera e propria missione sociale e in maniera tale da licenziare, eventualmente, o comunque non premiare stipendialmente, chi invece lavora solo per quelle, in atto, 18 ore limitandosi ad assicurare esclusivamente la propria presenza fisica. La ringrazio per l’attenzione, con stima,

Patrizia Salvatore - Pubblico giornale
patrizia.salvatore@istruzione.it








Postato il Sabato, 27 ottobre 2012 ore 06:00:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 53


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi