Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483773086 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4356 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1438 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
840 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
790 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
757 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Rettifica elenco esclusi dalle graduatorie di conferma incarico di presidenza a.s. 2018/19
·Elenco posti di dirigenza disponibili - a.s. 2018/19
·Disponibilità posti dopo i movimenti Personale ATA a.s. 2018/2019
·Bando per il conferimento di 12 incarichi di prestazione occasionale per la preparazione di video-lezioni complete di materiale didattico a supporto e test di autovalutazione dell’apprendimento per MATEMATICA, BIOLOGIA, FISICA E CHIMICA
·Procedura per l’accesso al ruolo di Dirigente scolastico di cui all’art. 1, commi 87 e ss. della Legge n. 107/2015 - Immissioni in ruolo a.s. 2018-2019


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Leggi: Lettera aperta a Nicola Porro

Opinioni
Dott. Porro, chi Le scrive è un docente di una scuola superiore italiana. Mi sento di contraddire quanto da Lei affermato nel Suo intervento "I politici e le 18 ore dei prof": la proposta governativa da Lei approvata non è una buona proposta, anzi una pessima proposta, e intendo dimostrarglielo dialetticamente, cioè mostrando l'inconsistenza delle tesi che Lei avanza. Lei scrive che in un periodo di sacrifici tutti dobbiamo impegnarci. Giusto. Ma la categoria dei docenti delle scuole ha già sulle spalle il peso degli 87.500 posti tagliati dall'art. 64 L. 133/2008, con il necessario corollario di soprannumeri, trasferimenti forzati e aule stracolme di alunni (a causa delle nuove regole per la formazione delle classi contenute in tale disposizione). Abbiamo anche un CCNL che è scaduto nel 2009 e i cui coefficienti per il calcolo della retribuzione - che, per inciso, sono tra le più basse, a parità di qualifica e di impegni contrattuali, del pubblico impiego in Italia, per non parlare della situazione vigente nella maggior parte degli altri paesi dell'UE - sono rimasti fermi a quando fu firmato, precisamente al novembre del 2007. Di conseguenza non vogliamo fare sacrifici, non per partito preso, ma semplicemente perché abbiamo già dato.

Peraltro, mi dica Lei quale categoria di lavoratori accetterebbe passivamente di farsi aumentare, per imposizione dall'alto, il proprio orario di lavoro, senza che vi sia nemmeno un corrispondente aumento della retribuzione - cosa che Lei si guarda bene, nel suo intervento, dallo specificare.

Lei poi dimostra di non conoscere bene il nostro contratto, altrimenti saprebbe che le 18 ore in classe sono solo la "punta dell'iceberg". Ad esse dobbiamo aggiungere le ore per le riunioni dei consigli di classe e dei gruppi disciplinari, per i collegi docenti e per i rapporti con le famiglie, tutti impegni contrattuali.

A ciò aggiungiamo il lavoro che non possiamo inserire in contratto, come Lei sa; ma ciò a causa del fatto che a scuola non ci è data, contrariamente a quanto avviene in quei paesi dell'UE che hanno un migliore tasso di scolarizzazione del nostro, la possibilità di quantificarlo, rimanendo nei locali scolastici al di fuori dell'orario di classe onde svolgere tutto ciò che siamo costretti a fare a casa: preparazione delle lezioni (materiali extra inclusi), aggiornamento individuale, preparazione e correzione delle prove scritte, gestione dei registri (compresi quelli elettronici via internet) e così via. Lavoro che ci porta via tempo che altre categorie di lavoratori dedicano - giustamente, peraltro - alle proprie famiglie, e soprattutto che non sarà mai retribuito in quanto impossibile da quantificare. Certo, quando all'istruzione e alla ricerca si dedicano percentuali del PIL costantemente in ribasso, al punto che alle scuole manca pure la carta per fare le fotocopie delle dispense e dei compiti in classe (altro che spazi e strumenti per i docenti), c'è poco da meravigliarsi.

Lei perciò si contraddice: da un lato afferma, chiedendosi come mai tale lavoro non sia contrattualizzato, l'importanza del CCNL, ma dall'altro la nega appoggiando una proposta che calpesta brutalmente quello stesso contratto intervenendo "a gamba tesa" su una materia dove, dalla riforma del pubblico impiego degli anni '90 e la conseguentemente privatizzazione del rapporto di lavoro dei pubblici dipendenti, dettagli come l'orario di lavoro e la retribuzione devono necessariamente passare per il tavolo delle trattative con le rappresentanze sindacali.

Altra cosa che Lei evidentemente ignora è che d'estate, nei periodi non coperti dalle ferie, lavoriamo anche noi, tra esami di Stato, corsi di recupero, esami di recupero dei debiti, inizio delle programmazioni in previsione del nuovo anno scolastico e quant'altro.

A proposito di UE. Lei sa, dott. Porro, che contrariamente a quanto affermato dal ministro Profumo, l'orario dei docenti delle superiori in Italia è perfettamente in linea con la media dell'Unione? E sa anche che in paesi come la Finlandia, che tutti giustamente lodiamo per la qualità del loro sistema educativo, è addirittura inferiore, con retribuzioni ben superiori alle nostre? Delle due, l'una: o i governi di tali paesi sono tutti scialacquoni (e i loro insegnanti fannulloni), o siamo noi docenti italiani a essere presi per i fondelli con tali affermazioni.

Lei inoltre purtroppo (ma è in buona compagnia) sembra non capire che la questione non è solo di quantità, ma anche e soprattutto di qualità. C'è una gran differenza tra il trascorrere un'ora a montare sportelli di automobili (col massimo rispetto per chi lo fa!), a leggere e archiviare carte (sempre col massimo rispetto!) e a stare in una classe con una trentina di alunni preadolescenti o adolescenti, a volte solo chiassosi e distratti da mille stupidaggini consumistiche, altre volte addirittura indisciplinati e violenti, cercando di educare al sapere e al vivere civile questa pluralità, ogni volta diversa per ciascuna delle classi che ci vengono assegnate.

Ci provi Lei, dott. Porro, a essere educatore, ad ascoltare quegli alunni e a cercare di coinvolgerli nella scoperta dei saperi, in edifici non di rado cadenti, scomodi, sovraffollati, dove d'inverno si gela e la sicurezza è un miraggio; sì, proprio quegli alunni in cui noi, secondo Lei, vedremmo solo degli "strumenti di lavoro". Venga a vedere con i Suoi occhi e ad ascoltare con le Sue orecchie, magari in uno di quegli istituti scolastici nei quartieri cosiddetti a rischio - per colpa delle istituzioni, non certo di quei ragazzi che hanno la sola "colpa" di esservi nati -, e poi mi dirà che cosa vogliono dire 18 ore a settimana passate in tali condizioni.

Se uno studioso serio e motivato come il dott. Vittorio Lodolo D'Oria da anni dimostra, dati alla mano, che la categoria dei docenti scolastici in Italia è la seconda a rischio di sviluppo di patologie mentali dopo quella dei medici chirurghi, un perché ci sarà. Così come c'è un motivo per il quale noi vogliamo restare insegnanti, che non è la comodità di lavorare 18 ore, ma la percezione dell'importanza del nostro ruolo e della nostra funzione sociale; importanza nella quale chi scrive ha la presunzione di pensare che la maggior parte dei docenti continui a credere, nonostante tutto.

Con incredibile miopia Lei invece riduce tutta questa complessa realtà a una mera questione di voti. La stessa miopia che dimostra nel vedere nella riforma della scuola elementare cancellata da Gelmini e Tremonti solo una questione di occupazione perché invece di un maestro per classe ne prevedeva tre. Le ricordo che quel modello ha dato storicamente risultati eccellenti, confermati a suo tempo da quelle stesse indagini internazionali sul livello di competenze sviluppate dagli alunni delle scuole di cui Lei certamente avrà notizia. Diciamocelo chiaramente e senza ipocrisie: il maestro unico è stata una marcia indietro pedagogica senza precedenti, motivata dalla necessità di tagliare risorse alla scuola italiana.

Spiace vedere che un individuo come Lei, persona della quale non condivido affatto le posizioni politiche, ma della quale non posso non riconoscere l'intelligenza e l'acume, si lasci ingabbiare dai più vuoti e triti luoghi comuni sulla scuola e sugli insegnanti italiani, e basi il proprio giudizio su una conoscenza distorta e superficiale della questione. Insisto: entri nelle scuole, parli con i docenti, venga a vedere cosa facciamo e come viviamo il nostro ambiente di lavoro e il nostro rapporto con gli alunni. Mi auguro che ciò serva a fare breccia nel muro delle sue granitiche convinzioni.

Alessandro Grussu
alessandro. grussu@istruzione.it








Postato il Venerdì, 26 ottobre 2012 ore 06:30:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.63
Voti: 11


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.28 Secondi