Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547979729 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
437 letture

Liceo Spedalieri di Catania, un terzo premio e due menzioni nel Premio Artistico-Letterario “Ilaria e Lucia”
di m-nicotra
147 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: FIORONI PEGGIO DELLA MORATTI

Opinioni
da ScuolaOggi
Giovedì, 7 Giugno 2007

Fioroni peggio della Moratti
Cinzia Mion

Alle critiche , comparse in questi giorni, al Ministro Fioroni che ,dopo aver avuto la pensata di aver incluso la religione cattolica tra i crediti scolastici, con tutte le conseguenze che sono state già abbondantemente illustrate da autorevoli esponenti della cultura e della scuola, ha aggiunto la successiva arrogante decisione di ricorrere al Consiglio di Stato, voglio associare alcune un po’ irriverenti riflessioni.

Non solo Fioroni ha fatto peggio della Moratti, perché lei non era arrivata a tanto, anche se ci era arrivata vicino, quando aveva dimostrato di ignorare l’articolo 309 del DPR 297/ 94 , meglio noto come Testo Unico della Pubblica Istruzione, che recitava che il giudizio sul rendimento riferito alla religione cattolica, materia facoltativa, andava registrato su di un foglio a parte e non inserito nella scheda di valutazione. Dicevamo che con gran disinvoltura la Moratti aveva finto di non conoscere il dettato della Legge e aveva emanato una Circolare per far includere i giudizi all’interno delle schede di valutazione, modificando ideologicamente un presupposto così importante, derivante fra l’altro dalla Intesa tra Scuola e Stato Vaticano, successiva alla revisione del Concordato.

Tutti capiscono il valore simbolico che portava con sé questa manipolazione, forse preludio all’azione odierna di Fioroni.

Per me però l’attuale Ministro ha agito peggio della Moratti perché lei non ha fatto ricorso al Consiglio di Stato, e si è rassegnata a riconoscere che il suo colpo di mano era stato giustamente stoppato, mentre Fioroni non si è rassegnato e lo ha fatto.

Tutti ricorderanno che il Consiglio di Stato ha avuto il coraggio a suo tempo di affermare che le ore facoltative di religione cattolica andavano inserite nell’orario obbligatorio, dimostrando che quella che noi ancora chiamiamo logica, oppure coerenza, oppure ancora connessione tra dati, oppure significato letterale della lingua italiana sono andati in un sol colpo a farsi benedire.

Tutto il caos e la confusione hanno avuto origine da ciò e non mi si venga a dire che non c’era un disegno complessivo per intaccare la laicità della scuola e per distribuire un bel numero di avamposti delle gerarchie ecclesiastiche dentro la scuola.. Forse non tutti sanno infatti che i programmi della cosiddetta cultura religiosa a scuola non consistono nella conoscenza dei fatti religiosi ma in “Programmi” redatti dalla CEI, illustrati ed insegnati da docenti scelti dai vari Vicari Diocesani…per fortuna molti di loro sono “meno” realisti del re ed usano le loro ore per conversare con gli allievi sui loro problemi esistenziali, ma allora che ci azzecca il credito? E che ci azzecca la par condicio delle ore alternative?

Il Ministro per favore si informi su quante sono le scuole che le organizzano, oppure fanno finta di farlo!!!

Per non parlare dello studio assistito! Scoperchiamo una volta per tutte questa pentola e così proviamo a togliere, in nome dell’etica pubblica, un po’ di ipocrisia da queste pratiche, altro che crediti!

E pensare che alla luce della attuale società multietnica e multireligiosa sarebbe indispensabile la diffusione a scuola di una conoscenza interculturale delle varie religioni, non però dal punto di vista confessionale di una di esse, ma dal vero punto di vista della cultura storico-religiosa. Questa impostazione ridurrebbe l’ignoranza così diffusa in questo ambito, eviterebbe il rischio dei vari fondamentalismi e potrebbe garantire la divulgazione profonda della vera tolleranza, non di quella paternalistica tipica di chi pensa di essere depositario della verità, ma di quella che scaturisce dalla consapevolezza della parzialità dei vari punti di vista. Insieme alla tolleranza verrebbe coltivata la possibilità di un vero dialogo, come raccomandava Guido Calogero ancora negli anni cinquanta, insieme ad un rispetto maggiore dell’etica pubblica che passa senz’altro attraverso l’ apprezzamento dell’altro, della sua cultura e religione.

Uno smaccato etnocentrismo culturale invece, aspetto che viene veicolato e rinforzato dalle scelte che ora stiamo criticando, non fa che aizzare atteggiamenti dogmatici che non fanno bene al pensiero critico che si afferma di voler coltivare.

Sono in tanti a pensare , come Vittorio Messori e don Andrea Gallo, che è meglio bandire l’insegnamento facoltativo della religione confessionale cattolica dalla scuola, per far posto ad una disciplina obbligatoria per tutti di vera conoscenza laica di tutte le religioni .

Sono diverse le ragioni oggi che indurrebbero a questa scelta, basta naturalmente avere a cuore la crescita culturale dei giovani, che nella cultura della complessità devono imparare a confrontarsi , non essere allevati al consenso !!! e basta non usare la religione come un“potere”.

Ritornando al Consiglio di Stato , era logico che questo sarebbe stato dalla parte di Fioroni; non dobbiamo stupirci che abbia deciso in 24 ore, diciamo solo che non ha deciso un bel niente , ha solo obbedito agli ordini di scuderia. L’unica domanda cruciale rimane solo : agli ordini di chi?...Ogni riferimento e illazione sono perfettamente legittimi e pertinenti, sapendo per esempio che il Tar dell’Umbria, per avallare la legittimità delle “benedizioni a scuola in orario scolastico” ha avuto il coraggio di affermare, arrampicandosi sugli specchi, che”durano poco e non lasciano segno” !!!!!!.E pensare che il Vescovo di Perugia , anche lui pur di spuntarla, in quella occasione ha taciuto e si è lasciato scippare il significato simbolico e rituale dell’atto di culto che, senza questi aspetti, a cosa si riduce?

Io personalmente non mi sono mai sentita garantita da Organi che altre volte si sono comportati in un modo così allineato con chi comanda e, nei casi in questione, con le gerarchie ecclesiastiche. Gli atti emanati propagano a volte un odore così acre di beffa nei confronti del valore costituzionale della laicità dello Stato e di conseguenza di quella della scuola, da far perdere la fiducia in queste istituzioni giurisdizionali.

Ora, rispetto alla sentenza anomala del Consiglio di Stato, le varie Associazioni di difesa della laicità della scuola si sono appellate a Prodi.

Staremo a vedere, comunque tutto ciò crea caos nella scuola e noi sappiamo che non ce n’è proprio bisogno.

Sono tristissime queste considerazioni soprattutto perché intaccare la laicità significa intaccare la democrazia.








Postato il Venerdì, 08 giugno 2007 ore 00:05:00 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2.33
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi