Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522965216 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3315 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
3163 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternò
di m-nicotra
2641 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
2279 letture

Solidarietà del CCR alla dott.ssa GIOVANNA BODA. Ambasciatrice dell’Educazione Civica
di a-oliva
1661 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Giornalisti nelle scuole, rinnovata l'intesa con il Ministero- collaborazione con l’UCSI
·Dichiarazione del presidente di confeuropa imprese Giuseppe Alizzio
·Il Coordinamento ITP chiede 'riconoscimento giuridico e pari dignità'
·Palazzo Chigi, 04/11/2020 - Il Presidente Conte illustra in conferenza stampa le nuove misure per fronteggiare l'emergenza da Covid-19
·Coronavirus, intesa tra regione e università sui medici specializzandi


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: I PRECARI, LA FINANZIARIA E LA RIFORMA: FIORONI RISPONDE

Opinioni
I precari, la Finanziaria e la riforma

 Il ministro Fioroni risponde all'editoriale di Panebianco di ieri sul «Corriere»

 Caro Panebianco,
 Le sono grato per il suo editoriale perché mi offre la possibilità di dare qualche chiarimento e di ricordare a tutti, iniziando da me, che vagheggiando una nuova scuola ideale si può finire con l'uccidere quella che c'è senza far nascere quella che si vorrebbe.
 Vorrei poi inoltrare una preghiera: basta con il dileggio degli insegnanti precari.
 La Finanziaria non assume un esercito di incompetenti protetti dal sindacato e da immeritate rendite di posizione ma sana l'iniquità nei confronti di docenti che da anni vengono utilizzati senza alcun riconoscimento del proprio legittimo status professionale. E sa da chi è composta questa lista dei 150.000? Per il 50% da docenti che hanno superato concorsi pubblici per esami e titoli ma per i quali non c'erano posti disponibili e per l'altra metà anche da quei docenti dei quali Lei parla, cioè quelli abilitati dalle scuole di specializzazione universitarie.
 Non stiamo sistemando parcheggiatori abusivi ma ridando dignità e certezze a insegnanti che hanno superato concorsi e che pagano i ritardi degli anni scorsi. Ma la Finanziaria vuole anche mettere fine al meccanismo che genera il precariato, evitando la tela di Penelope per cui la mattina si stabilizza un precario e la sera se ne crea un altro da stabilizzare fra dieci anni. Ciò sarà possibile con il progressivo superamento della disciplina delle graduatorie permanenti e avviando una nuova fase per il reclutamento dei docenti.
 Quanto al fatto che gli insegnanti siano troppi osservo che la stabilizzazione dei precari coprirà a malapena il turnover (e il nostro corpo docente è, notoriamente, il più vecchio dell'area Ocse) ma soprattutto che la Finanziaria corregge, e lo allinea alla media Ue, il rapporto alunni-classe portandolo dall'attuale 20.6 a 21. Sul rapporto docente-alunno citato nei dati Ocse dobbiamo invece intenderci e a proposito di «mission» chiederci: abbiamo deciso di non ottemperare più al dovere costituzionale di garantire a tutti i cittadini il diritto all'istruzione ovunque risiedano? O rinunciare all'istruzione permanente degli adulti, abrogare il diritto dei diversamente abili di essere integrati nelle scuole (aspetto che per una volta pone noi all'avanguardia in Europa), modificare la configurazione geografica del nostro Paese, visto che l'Italia è composta non solo da grandi città ma anche da isole minori e da 16 milioni di ettari di territorio in zone di montagna? Perché sono anche queste le cause che alzano quel rapporto. L'innalzamento di due anni dell'obbligo di istruzione non serve a gonfiare organici ma a contenere lo spreco rappresentato dal fatto che il 25% dei nostri ragazzi non consegue un diploma o una qualifica professionale. E allora una misura di razionalizzazione, e credo anche un po' riformista, è impedire il contrario e cioè che i ripetenti servano a giustificare l'organico. Ma quei ragazzi non vanno promossi: vanno riorientati. O c'è ancora qualcuno che pensa che a 13 anni, prima della fine della scuola media inferiore, si possa scegliere in modo consapevole e non condizionati dal bisogno?
 L'Ocse però, a questo proposito, dice anche altro e cioè che la scuola italiana non è ancora un ascensore sociale per cui sono le condizioni familiari ed economiche a predeterminare il futuro dei ragazzi: a Lei sembrerà poco riformista eppure la Finanziaria agisce sull'equità, sulla gratuità dei libri di testo, sull'apertura pomeridiana delle scuole per contrastare la dispersione, crea centri di istruzione permanente per adulti e genitori. Trovo anche abbastanza riformista impedire, come è accaduto nei cinque anni precedenti, che, in nome dell'autonomia scolastica, i 10.772 istituti italiani gestissero una somma di circa 100 milioni di euro controllati da un collegio di revisori dei conti che complessivamente costava poco meno dello stanziamento. Oggi le scuole gestiranno una cifra di circa 3 miliardi di euro.
 Non ho tabù su qualità ed eccellenza: per la prima volta è in Parlamento un disegno di legge che prevede risorse finanziarie e incentivi per premiarle. E per la qualità ho avviato un sistema di valutazione scientificamente attendibile che porti progressivamente alla valutazione dei saperi dei nostri ragazzi istituto per istituto.
 Ho molti difetti ma non sono affetto dalla «riformite» che ha contagiato tanti inquilini di viale Trastevere e non lo sono soprattutto perché ho constatato che tutte le riforme non hanno dato grandi risultati, visto che i dati e la situazione che Lei ben descrive non sono ascrivibili alla gestione degli ultimi cinque mesi. Però alla scuola vorrei dare tranquillità e certezze. Occorre tempo, pluralità di azioni e di processi complessi, voglia di ragionare su fatti e proposte concrete. Sono certo di trovare su questa strada anche il suo contributo.
 La saluto con grande cordialità Giuseppe Fioroni Ministro della Pubblica Istruzione


 Gentile ministro, non ce l'ho affatto con i precari in quanto tali. Mi piacerebbe che i nuovi assunti lo fossero sulla base di un effettivo accertamento del merito e non per «diritto acquisito» e anzianità. A differenza di quanto risulta a Lei, a me consta che dei famosi centocinquantamila non più del quattro per cento, quattro gatti, provenga dalle scuole di specializzazione. La schiacciante maggioranza degli altri non sono veri vincitori di concorso ma, al contrario, «non vincitori», tuttavia dichiarati a suo tempo «idonei» e tenuti lì colpevolmente per anni. Altri ancora mi risultato essere semplici abilitati dei cosiddetti corsi abilitanti (sulla serietà dei quali è forse meglio stendere un velo).
 Prendo atto che secondo il ministro non ci sono, sostanzialmente, organici in eccesso. È dunque giusto, a quanto pare, che gli insegnanti continuino ad essere, oltre che malselezionati, anche tanti e, quindi, per necessaria conseguenza, malpagati. Ame nulla di tutto ciò sembra giusto.
 Per quanto riguarda il rapporto fra innalzamento dell'obbligo e organici mi limito a citare una dichiarazione (incauta?) di una Sua collaboratrice, il viceministro Mariangela Bastico: «Con l'innalzamento dell'obbligo aumenterà il numero degli studenti e dunque il fabbisogno di personale. Non ci saranno tagli agli organici» ( Italiaoggi del quattro ottobre).
 Ribadisco di trovare deplorevole che interventi così incisivi sulla scuola siano stati inseriti nella Finanziaria, praticamente di soppiatto, senza che il Paese sia stato chiamato a discuterne. Non può e non deve essere la Finanziaria il veicolo delle riforme scolastiche.
 Corriere su scuola e docenti

Nota: www.cgilscuola.it 31/10/2006









Postato il Mercoledì, 01 novembre 2006 ore 00:05:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi