Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 581645261 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2024

Mascalucia - Federico Sorrenti, sindaco dei ragazzi dell’istituto Leonardo Da Vinci
di a-oliva
179 letture

Mobilità Personale Docente per l’a.s. 2024/2025 – conclusione operazioni di convalida
di a-oliva
148 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·La tematizzazione dei conflitti nella letteratura Italiana Otto-Novecentesca
·L’istituto Aeronautico 'Ferrarin' difende la propria autonomia
·Il Vescovo di Catania Luigi Renna incontra gli studenti dell’aeronautico 'A. Ferrarin'
·Originalità e sentimento “a tempo con il battito del cuore” di Ilenia Rigliaco. Così inizia l’anno scolastico all’I.C. “F. De Roberto” di Catania
·Le Klostés, musica al femminile, tra i banchi di scuola e le onde del mare


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: STIPENDI EUROPEI E FINE DEL PRECARIATO

Comunicati
Stipendi europei e fine del precariato:

da  TuttoscuolaNews N. 239, 27/3/2006

 

ci vogliono 4 miliardi di euro l'anno.

"Una volta gli insegnanti in Italia erano poveri ma  rispettati.  Oggi sono solo poveri. E questo è inaccettabile". Lo ha sottolineato,  con dolorosa crudezza, il direttore di Tuttoscuola, Giovanni  Vinciguerra, aprendo la tavola rotonda con i leader del  centrosinistra  Rutelli  e Fassino e il segretario generale della Cisl Pezzotta al  convegno  "La buona scuola" promosso dalla Cisl.

Il programma dell'Unione propone alcune misure volte a valorizzare  il ruolo dei docenti, in grado teoricamente di dare una sterzata a questo andamento, tra cui  spiccano:  l'adeguamento  delle  retribuzioni  del personale della scuola al livello dei Paesi europei  e  l'assorbimento del precariato, immettendo in ruolo coloro  che  già  lavorano  nella scuola.

Obiettivi ambiziosi. Ma quanto raggiungibili? In campagna  elettorale, si  sa,  le  promesse  sono  facili.  Ma  non  è  altrettanto  facile mantenerle quando si è al governo. Almeno questo  insegna  la  storia italiana.

Per valutare il grado di attendibilità di questi obiettivi  contenuti nel    programma   dell'Unione  abbiamo  fatto  due  calcoli.  Quanto costerebbero?

L'adeguamento retributivo all'Europa, considerando che le retribuzioni medie dei docenti italiani sono tra l'8 e  il  15%  più  basse  della media europea (-13% per scuola primaria, -8% per secondaria  I  grado, -15% per la secondaria di  II  grado)  costerebbe  per  gli  831  mila docenti italiani circa 3  miliardi  di  euro  all'anno  (e  la  stima, approfondita   nella  news  successiva,  non  include  gli  incrementi retributivi per il restante personale delle scuola).

La lotta alla precarietà costerebbe invece circa 1 miliardo  di  euro l'anno. Infatti i docenti precari in servizio come supplenti  annui  o temporanei sono 120 mila: i posti vacanti a settembre 2006 saranno  33 mila, mentre i restanti 87 mila  verrebbero  assunti  in  soprannumero ricorrendo   probabilmente  all'organico  funzionale;  ad  essi  vanno aggiunti 85 mila ATA (con 80 mila posti vacanti).

Il differenziale di costo per questi 205 mila lavoratori precari,  nel caso di immissione in ruolo, sarebbe di circa mezzo  miliardo  per  il primo anno e di circa 1 miliardo a partire dal secondo anno.

Insomma 4 miliardi di euro l'anno da mettere sul piatto.

 

Ma ce  li  possiamo permettere?

Ma, pur immaginando una ragionevole gradualità nel raggiungere questo obiettivi, 4 miliardi di euro l'anno sono una cifra realistica per  un paese già appesantito da un debito di 1.542 miliardi di euro e con un rapporto deficit/Pil nel 2005 del 4,3%, superiore alla  soglia  del  3 per cento fissata a livello europeo?

"Tutto il personale della scuola  ve  ne  sarebbe  grato  -  ha  detto Vinciguerra al convegno parlando ai due leader del centrosinistra – ma avendo già ascoltato  molte  promesse  in  proposito,  purtroppo  non mantenute, e trattandosi di importi molto  impegnativi,  non  c'è  da stupirsi che le consideri con prudenza e con un  pò  di  scetticismo.

Dove trovare quelle risorse?

La domanda il  direttore  di  Tuttoscuola  l'ha  rivolta  direttamente all'on. Fassino.

Il segretario dei DS ha confermato l'impegno  dell'Unione  sul  fronte dell'assorbimento    del   precariato  e  della  valorizzazione  degli stipendi, in modo da portarli nella media europea, specificando che si tratta di traguardi da raggiungere nell'arco della legislatura (ma per i 113 mila posti vacanti, tra docenti e personale  ATA,  il  programma dell'Unione parla di "immediata copertura").

Riguardo ai costi dell'operazione ha dichiarato che la via maestra per finanziare lo sviluppo,  a  partire  dalla  formazione  delle  risorse umane, passerà anche da una rigorosa politica  fiscale:  "basterebbe fare emergere il 30% di quel 25% di economia sommersa che  attualmente sfugge al fisco".

Il centro-sinistra nella legislatura  1996-2001  aveva  dimostrato  di sapersi muovere nella giusta direzione.  Ma  serve  un  vasto  accordo politico, sociale e istituzionale, che duri per l'intera legislatura.

A meno  che  nel  riferirsi  ai  salari  europei,  da  anni  punto  di riferimento per il sindacato della scuola (ma anche  -  ricorderete  - per l'allora ministro dell'istruzione Tullio De Mauro),  il  programma dell'Unione non sottintenda, un pò furbescamente,  l'Europa  divenuta nel frattempo a 25, con l'ingresso di Paesi come  Polonia,  Repubblica Ceca, Estonia, Cipro, etc: la  nuova  media  dei  salari  dei  docenti dell'Europa a 25 è certamente più bassa, e allora non ci sarebbe  da investire molto e gli incrementi retributivi sarebbero molto contenuti o addirittura nulli. Ma se così fosse, questo non sarebbe proprio  il modo, come si legge nel programma dell'Unione,  di  "riconquistare  la fiducia degli insegnanti".









Postato il Mercoledì, 29 marzo 2006 ore 09:10:09 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.49 Secondi