Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 581852031 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2024

Catania romana e dintorni
di a-oliva
263 letture

Mascalucia - Federico Sorrenti, sindaco dei ragazzi dell’istituto Leonardo Da Vinci
di a-oliva
238 letture

Mobilità Personale Docente per l’a.s. 2024/2025 – conclusione operazioni di convalida
di a-oliva
224 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Decreto di individuazione delle discipline oggetto della seconda prova scritta per l’Esame di Stato A.S. 2023/24
·RETTIFICA – Avviso prot.76 del 03.01.2024 e relativo allegato concernente l’individuazione aspiranti alla stipula di contratti a tempo determinato del personale docente Scuola Primaria – classe di concorso ADEE - a. s. 2023/24
·AVVISO - Individuazione aspiranti alla stipula di contratti a tempo determinato personale docente anno scolastico 2023/2024 - Sedi assegnate 03-01-2024
·DISPONIBILITA' PER CONTRATTI A T.D. PER L'A.S. 2023/2024 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO PERSONALE DOCENTE SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA, SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO PER GLI ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia. 03-01-2024
·AVVISO - Individuazione aspiranti alla stipula di contratti a tempo determinato personale docente anno scolastico 2023/2024 - Sedi assegnate 19-12-2023


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Diversamente abili: Interventi per l'integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap. - Piano di riparto.

Ministero Istruzione e Università


Dipartimento per i servizi nel territorio
Direzione generale per l'organizzazione dei servizi nel territorio

Prot. n.186

Roma, 30 aprile 2002


OGGETTO: Legge 440/97 - A.F. 2001 - Interventi per l'integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap. - Piano di riparto di Euro 6.042.545,72 (pari a Lire 11.700.000.000)

Le risorse finanziarie finalizzate all'integrazione scolastica degli alunni in situazione di disabilità, sono incrementate per la somma di Euro 6.042.545,72 (pari a Lire 11.700.000.000) a seguito del reimpiego di somme non utilizzate per gli istituti atipici, come più avanti meglio specificato.
Questo incremento di risorse potrà rappresentare un'opportunità per qualificare gli interventi specifici operando, come previsto dalla normativa vigente e in continuità con quanto disposto dalla precedente circolare 13 settembre 2001, n.139, per promuovere una maggiore sinergia tra gli istituti scolastici e tra questi e gli altri soggetti cui sono attribuite specifiche competenze in relazione all'integrazione scolastica, nonché con le rappresentanze del mondo associativo interessato. Sembra quindi utile, nel definire il piano di riparto e le assegnazioni alle Direzioni Regionali di tali risorse aggiuntive, richiamare il quadro normativo di riferimento e le finalità da perseguire che le Direzioni Regionali potranno realizzare graduando le priorità degli interventi, in relazione alle specifiche esigenze territoriali.

1) Quadro di riferimento normativo
Ai fini della pianificazione delle azioni si evidenzia che la legge quadro 104/92 sui diritti delle persone in situazione di disabilità è punto di riferimento essenziale per ogni attività di supporto dell'integrazione scolastica, anche alla luce delle modifiche normative che hanno precisato le competenze e le responsabilità dei diversi soggetti istituzionali per l'integrazione scolastica delle persone disabili. L'autonomia didattica, organizzativa - gestionale delle istituzioni scolastiche di cui al D.P.R. 275/99 consente flessibilità ed individualizzazione dei percorsi formativi più idonei in relazione alla disabilità manifestata e la logica della legge 328/00 costituisce il parametro di riferimento per la realizzazione di un sistema integrato di interventi nei servizi sociali. L'integrazione realizzata nel sistema scolastico fa parte di un progetto più complessivo con competenze ridefinite in base al d. lgs. 112/98 (art. 139), che ha conferito compiti e funzioni al sistema dei governi territoriali, anche in materia di istruzione, in particolare per quanto attiene l'organizzazione dei "servizi di supporto organizzativo al servizio di istruzione per gli alunni in situazione di handicap".
In tale contesto gli accordi di programma, previsti dalla legge 104/92, possono configurarsi come patti territoriali attraverso i quali le istituzioni scolastiche, le reti di scuole, le aziende socio sanitarie, gli enti locali, le famiglie e le rappresentanze del mondo associativo interessato, garantiscono una migliore sinergia di azione reciproca per l'ottimizzazione degli interventi finanziari e delle risorse del personale, evitando duplicazioni e sovrapposizioni.
Gli accordi di programma sia di livello regionale che di livello locale, in relazione alle diversità delle esigenze del territorio, dovrebbero essere orientati alla creazione di servizi di supporto (sostegni tecnologici, informazione, formazione documentazione, ecc.), che mettano in comune le diverse risorse materiali, informative e di consulenza dei soggetti istituzionali coinvolti, costituendo anche strutture tecniche di supporto alle decisioni con modalità, competenze, funzioni eventualmente stabilite dagli stessi accordi, qualora si persegua la linea della pianificazione e programmazione congiunta degli interventi e dell'integrazione delle azioni.

2) Indicazioni operative
È in questo quadro che le istituzioni scolastiche definiscono nel piano dell'offerta formativa gli impegni didattici ed organizzativi in rapporto alle esigenze dell'alunno disabile, coinvolgendo tutto il personale della scuola (e non solo l'insegnante di sostegno) e possono partecipare a pieno titolo alla stipula di accordi di programma sull'integrazione degli alunni disabili, insieme agli altri soggetti istituzionali coinvolti, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze.
Si potrebbe evitare in tal modo il verificarsi di situazioni limite come quella in cui il Tribunale di Roma, sezione lavoro, ha accolto recentemente una domanda cautelare relativa agli obblighi di assistenza specialistica da parte dei servizi sanitari locali, nei confronti di un alunno con una gravissima forma di allergia. Nella fattispecie il Tribunale dispone che il Servizio Sanitario debba assicurare, durante l'orario di frequenza scolastica del minore, la presenza di un infermiere, al fine di tutelarne le specifiche esigenze terapeutiche, che condizionavano l'effettiva integrazione scolastica.
Il rispetto delle diversità delle disabilità e la necessità di valutare caso per caso gli strumenti idonei a soddisfare gli effettivi bisogni di ogni singolo alunno fanno sì che l'integrazione scolastica non possa essere risolta solo con l'automatica correlazione tra disabilità ed insegnante di sostegno; l'attività didattica va ricondotta infatti al suo naturale ambito formativo, cioè alla scuola e al suo piano dell'offerta formativa, esonerandola dallo svolgere un ruolo di supplenza rispetto ad inadempienze di altri soggetti.
Dal quadro normativo vigente emerge che la disabilità va intesa nella sua integralità e come destinataria finale di una serie di azioni che fanno capo a diversi soggetti istituzionali; pertanto tutti i servizi, compreso quello formativo, devono tendere al rispetto delle differenze e delle specificità dei bisogni educativi e assistenziali relativi all'età e alle disabilità, di cui occorre tener conto anche nelle iniziative di formazione del personale della scuola e nell'organizzazione delle strutture amministrative.

3) Risorse finanziarie
Per quanto attiene ai finanziamenti già assegnati, si ricorda alle Direzioni Regionali in indirizzo che le risorse finanziarie dell'anno 2002, destinate ai capitoli relativi agli interventi per i disabili, finalizzati alla didattica ed alla strumentazione dell'integrazione degli alunni e alla formazione del personale docente, sono già state assegnate nella loro entità complessiva ai diversi centri di responsabilità regionali, che potranno pertanto provvedere, qualora non l'abbiano già fatto, a ripartirle tra le istituzioni scolastiche interessate.
Per quanto attiene le risorse che andranno ad incrementare i finanziamenti di cui sopra, si trasmette l'allegato piano di riparto - effettuato in proporzione al numero degli alunni disabili presenti nell'anno scolastico 2000/2001, secondo i dati comunicati dal Servizio per l'Automazione e l'Innovazione Tecnologica - relativo ad un ulteriore stanziamento di Lire 11.700.000.000, pari ad Euro 6.042.545,72, (di cui alla variazione di bilancio di previsione del M.I.U.R., disposta con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, n. 120908 - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - I.G.P.B. - Ufficio XIV).
Si ricorda che con la direttiva n.51 del 21 marzo 2001 tale finanziamento era destinato, originariamente, agli istituti a carattere atipico di cui all'art.21, comma 10, della legge 15 marzo 1997, n.59, ove nel decorso anno 2001 si fossero insediati i nuovi organi di gestione previsti dalla riforma dei predetti istituti. Considerato che non è stato perfezionato il regolamento degli istituti atipici e che pertanto tali organi di gestione non hanno potuto insediarsi nei tempi prescritti, la somma di Lire 11.700.000.000, pari ad Euro 6.042.545,72, è stata destinata ad incrementare le risorse finanziarie finalizzate all'offerta formativa di integrazione scolastica degli alunni in situazione di disabilità, come previsto all'ultimo capoverso della lettera bb), punto 4 della sopracitata direttiva.
Con il decreto in oggetto indicato, è stata, quindi, disposta la variazione di bilancio in termini di competenza, tra i capitoli 1810 "fondo per l'arricchimento e l'ampliamento dell'offerta formativa e per gli interventi perequativi" ed il cap. 2181 "Spese per la sperimentazione didattica e metodologica nelle classi con alunni portatori di handicap".

4) Interventi finanziabili
Gli importi, di cui alla tabella allegata, verranno utilizzati dalle Direzioni Generali Regionali, valutando, in base alle esigenze del territorio, la priorità delle seguenti finalità:
1. finanziare interventi finalizzati al miglioramento complessivo dell'offerta formativa e alla soluzione dei problemi dell'integrazione scolastica, favorendo lo sviluppo di reti tra scuole che operino nel territorio non solo come supporti di informazione, scambio, formazione, documentazione, ma anche, laddove previsto da specifici accordi di programma, anche in fase di elaborazione, come strutture tecniche di supporto alle decisioni;
2. per integrare il budget delle istituzioni scolastiche che abbiano rappresentato a codeste Direzioni regionali situazioni di particolare complessità e difficoltà per la presenza, all'interno della scuola, di alunni in situazione di disabilità particolarmente grave;
3. per implementare il budget complessivo delle istituzioni scolastiche, con assegnazione diretta alle istituzioni medesime, in relazione al numero degli alunni disabili, per una finalizzazione integrata con tutte le esigenze di potenziamento e qualificazione dell'offerta di integrazione scolastica.

Per acquisire una complessiva e puntuale conoscenza delle iniziative poste in essere, la scrivente Direzione Generale invierà successivamente agli Uffici scolastici Regionali, una scheda di rilevazione finalizzata a raccogliere informazioni sulle modalità di utilizzo dei fondi destinati complessivamente all'integrazione scolastica e sui risultati conseguiti: dati indispensabili per le scelte strategiche da perseguire con i futuri finanziamenti. Per informazioni riguardanti la presente circolare, gli interessati potranno rivolgersi all'Ufficio IV di questa Direzione Generale, fax 06/58492484.
Indirizzo e-mail: dgelem.div3@istruzione.it.

IL DIRETTORE GENERALE
- Silvana Riccio -

Allegati
Tabella A



Piano di ripartizione dello stanziamento finalizzato all'integrazione degli alunni portatori di handicap.

 











Postato il Sabato, 04 maggio 2002 ore 21:46:28 CEST di Remigio Tosoni
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi