Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 583480454 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2024

“Maggio dei libri” in aula magna presso il liceo Lombardo Radice di Catania: gli studenti si confrontano sulla libertà di lettura con Italo Calvino
di a-oliva
580 letture

RADUNO NAZIONALE DEI RAGAZZI SINDACI a MORROVALLE nelle Marche
di a-oliva
354 letture

Decreto di nomina dei Componenti esterni dei Comitati di valutazione nelle Istituzioni scolastiche della Città Metropolitana di Catania
di a-oliva
273 letture

Concorso Serra International 2024: due premi al Convitto Cutelli
di a-oliva
261 letture

SCAMBIO CULTURALE CON IL LYCÉE BUFFON DI PARIGI (Febbraio-Marzo 2024)
di a-oliva
255 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Personale docente scuola Primaria – Mobilità a.s. 2024/2025 – Movimenti
·Personale docente scuola I Grado – Mobilità a.s. 2024/2025 – Movimenti
·Personale docente scuola II Grado – Mobilità a.s. 2024/2025 – Movimenti
·GPS – Apertura funzioni presentazione istanza – Pubblicazione dell’Ordinanza Ministeriale n. 88 del 16 maggio 2024
·Personale docente scuola Infanzia – Mobilità a.s. 2024/2025 – Movimenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Assunzioni: IMMISSIONI, FAVORITI CENTRO E NORD

Comunicati
Il piano del ministero per i precari. Ma delle cattedre scoperte solo il trenta per cento avrà un docente di ruolo Lombardia e Campania da sole assorbiranno un terzo delle 40mila assunzioni previste di ANNA MARIA SERSALE ROMA - I tecnici del ministro dell’Istruzione Letizia Moratti in queste ore stanno dando gli ultimi ritocchi al piano di assunzioni di 40mila precari: 35mila docenti, più 5mila ata. I termini per le nomine scadono il 31 luglio. Ma ancora una volta la coperta è corta: su dieci cattedre vuote solo tre riceveranno la nomina di un prof di ruolo. Le altre no, resteranno in mano ai precari. Ma quante sono in totale le cattedre scoperte? E dove? Alle materne i posti di organico scoperti sono 8.367, alle elementari 16.037, alle medie 8.926, alle superiori 4.599. Come verranno ripartite le assegnazioni? Stando alle previsioni la Lombardia è la regione che dovrebbe avere il maggior numero di posti: 7.196 docenti e 11.050 ata. Seguono la Campania con 4.044 docenti e 9.499 ata; Piemonte rispettivamente 3.394 e 6.142; Lazio 3.294 e 4.698 (le altre regioni sono indicate nel grafico accanto). A conti fatti saranno le regioni del Centro Nord quelle che faranno la parte del leone. Sulle cifre dovranno discutere ministro e sindacati, l’incontro è in programma per giovedì prossimo. Il confronto, comunque, si annuncia aspro. Il precariato, vecchia piaga della scuola, non sparirà. Almeno per ora. Sono 180mila le persone che lavorano fuori ruolo utilizzate per coprire “buchi” d’organico a colpi di supplenze o, quando va bene, con incarichi annuali. Un esercito di persone aspira al posto fisso. Si tratta di 100mila docenti e 80mila ata. I primi fanno lezione, interrogano, correggono compiti, fanno esami e scrutini. I secondi, invece, sono quelli che la burocrazia sindacal-ministeriale classifica come “ausiliari tecnico amministrativi”, e che mandano avanti laboratori, segreterie e amministrazioni, sempre più complicate. L’anno scolastico che si è appena concluso era partito senza mezza assunzione, così l’anno precedente. Per il prossimo, il 2005-2006, sono in programma 40mila nuove assunzioni. Dopo un lungo braccio di ferro con il Tesoro il ministro dell’Istruzione Letizia Moratti è riuscita a riaprire la stagione dei contratti, ma le sue richieste sono state ridimensionate. Pochi giorni fa Palazzo Chigi ha approvato il decreto legge per il passaggio in ruolo di 35mila insegnanti e 5mila ata. La Moratti in realtà aveva chiesto il via libera per 15mila cattedre in più. Dunque, sarebbero stati sistemati 55 mila nuovi insegnanti. Ma il ministro dell’Economia, Domenico Siniscalco, ha autorizzato solo i 40mila. Anzi, si è riservato una clausola: le 35mila immissioni in ruolo per gli insegnanti potrebbero non essere fatte tutte, o comunque non su tutte le classi di concorso che presentano vuoti di organico. Il ministero dell’Economia, infatti, ha preteso nel corso del varo del decreto legge una clausola di salvaguardia. Si tratta del comma 2, con il quale si precisa che «le nomine saranno conferite solo se nel triennio di attuazione del piano non determineranno situazioni di soprannumerarietà», e dunque solo se si potrà ragionevolmente prevedere che sulle cattedre ora attive non si presenteranno nei prossimi tre anni degli esuberi. Clausola non clausola, il ”pacchetto” dei 40mila lascia insoddisfatti i sindacati. «I numeri previsti dal decreto legge approvato da Palazzo Chigi, e appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sono ampiamenti insufficienti», con questo giudizio i sindacati bollano il provvedimento del governo. Viale Trastevere replica alle accuse: «Il problema del precariato ha cause antiche, ora è stato fatto tutto il possibile. In quattro anni sono andate a buon fine più di 60 mila assunzioni». Confederali, Gilda e Cobas non sono affatto convinti e lanciano dure bordate: «Non è questo il modo - sostiene Enrico Panini, segretario Cgil - di rispondere alle aspettative di stabilità della scuola». «La contestazione - osserva Massimo Di Menna, segretario Uil - poggia su un dato oggettivo: c’è una legge, la 143 del 2004, che impegnava il governo a predisporre un piano triennale di nomine in ruolo per coprire tutti, dico tutti, i posti vacanti e non una piccola parte. Da anni chiediamo un piano pluriennale, il ministero lo ha promesso, ma non è mai stato fatto».





dello stesso autore




Postato il Mercoledì, 06 luglio 2005 ore 06:05:00 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi