Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 537928093 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2021

VII CONGRESSO CISL SCUOLA CATANIA
di a-oliva
2584 letture

Da 70 anni donatori di sangue. ADVS FIDAS premia al Comune di Catania i donatori di sangue settantenni
di a-oliva
2237 letture

Personale Docente - Nomine in ruolo da procedure concorsuali per surroga - A.S. 2021/2022 - Sedi disponibili
di a-oliva
2231 letture

Personale docente - Esiti del nuovo conferimento delle supplenze a seguito della procedura informatizzata da GAE e GPS, per stipula di contratti a tempo determinato - A.S. 2021/2022
di a-oliva
2103 letture

Personale docente - Posti disponibili aggiornati per stipula di contratti a tempo determinato da GPS e GAE - A.S. 2021/2022
di a-oliva
1990 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Una menzione d’onore speciale al Circolo Didattico Statale Teresa di Calcutta di Tremestieri Etneo per 'Il Manifesto delle parole gentili'
·Alla ricerca di Annie Hall
·SCORDIA – Festival dello Sviluppo sostenibile
·Presentazione percorso 'Energy manager smart mobility specialist' all'IIS Francesco REDI
·All’Istituto John Dewey Un robot come compagno di classe


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Matteo Renzi e l'interventismo furioso dell'atto politico

Redazione
Dispiace di dover assistere, oggi, ad una narrazione infelice da parte di chi si è presentato alla ribalta politica come un grande affabulatore ultrafedele capace di dare ordine e razionalità al suo racconto e disposto a produrre sulle varie materie interventi e soluzioni efficaci e discorsi chiari perché tutti potessero capire, approvare e condividere. Ci aspettavamo uno sviluppo lineare di certe premesse intraviste negli anni precedenti, di fronte al decadimento vertiginoso della politica praticata ormai per fini non già collettivi, comunitari e nazionali, bensì individuali, familistici e di gruppo. Volevamo una completa realizzazione costituzionale dei punti sui quali più profonde risultavano le iniquità sociali e le diseguaglianze regionali e locali ed una concreta attuazione dei criteri di snellimento del pesante apparato burocratico e amministrativo con notevole riduzione dei costi di gestione e di mantenimento dell'amministrazione pubblica, dal centro alla estrema periferia. E tutto ciò senza nulla togliere all'ordinamento costituzionale, anzi con grande rispetto dello stesso nei suoi princìpi generativi e nelle sue radici ideali fondate sull'universalità e inalienabilità dei diritti umani tipici del giusnaturalismo moderno.

Matteo Renzi per tutto ciò rappresentava un dono caduto dal Cielo, una grazia concessa "una tantum" a noi italiani, dopo anni di tribolazioni, tangenti e rovine clientelari, e di sofferta esperienza del male politico e burocratico vissuto e patito con profondo dolore e con somma pazienza che ha impedito miracolosamente di scardinare con dura violenza la voracità di uomini e partiti posti e preposti non per il bene pubblico, ma per l'interesse esclusivamente privatro, per la causa suprema di una ingordigia partitica gelosissima del proprio spazio di libero pascolo, necessario o utile alla vitalità dell'azione politica appropriatoria di beni e capitali. L'uomo di Firenze avrebbe dovuto configurare perciò il compimento del processo di restituzione della politica all'etica, scaturente dalla pietas divina per l'Italia finalmente liberata dai barbari mangiatori di tutte le lordure e manipolatori di tutte le narrazioni che non avessero al loro centro uno squallido machiavellismo mistificatorio.

Il giovane presidente del consiglio venne investito così di enormi poteri simbolici e reali per spostare grossi macigni carichi di corruzione tangentizia e di malaffare amministrativo, ostativo di ogni legittimità istituzionale e costituzionale e lontano dai desideri espressi energicamente dai nostri Padri costituenti quando si misero all'opera ricostruttiva della Repubblica italiana. E poteva usare tutto il suo carisma di allora per ottenere i risultati reclamati nei diversi settori della semplificazione geo-politica, da Sud a Nord e nella stessa Capitale della nazione, poiché il capitano della nave non era un uomo solo e abbandonato, ma veniva accompagnato e sostenuto da un intero Paese che queste semplificazioni chiedeva da tempo. Pochi ritocchi formali e talune revisioni costituzionali di buon senso avrebbero potuto salvare la barca senza creare confusione e conflitti di poteri, come aveva fatto invece quel giurista di fama scientifica che aveva lavorato, con il centro-sinistra oramai esaurito e con la piena disapprovazione dei Padri costituenti, alla costruzione del complicato Titolo V della nostra Costituzione.

Il nichilismo di Renzi si presentò allora all'appello in tutta la sua martellante caparbietà e fu quello l'inizio della sua disfatta dopo un parziale successo elettorale. E fu quella la fine della fortunata ascesa politica di un giovane al quale avremmo dato tutto l'appoggio morale richiesto per compiere le operazioni di vasto sventramento e snellimento burocratico e di forte riduzione dei costi politici dagli enti inutili a quelli decentrati e ben localizzati, dalla scuola alla alla sanità, e dagli stipendi d'oro a quelli d'argento e dalla miriade di consiglieri e assessori e consulenti nazionali, regionali e territoriali ai rimanenti parlamentari europei e nazionali con funzioni più o meno improduttive ed improbabili. Altro che eliminazione fittizia del Senato, con tutto il costituzionalismo accademico scatenato giustamente di fronte ad un'operazione tanto improvvida e sciagurata quanto estemporanea e furbesca. Evidentemente l'autodistruzione aveva il suo tornaconto personale e doveva ubbidire ad un machiavellismo così sottile che non era facile comprenderne i contenuti e gli effetti revisionistici da parte di chi aveva un'intelligenza normale e una normale preparazione storico-giuridica.

La legittimazione mistificatoria è adesso finita. Se Renzi vuole, può ancora riprendere con verità e libertà la costruzione del primo discorso rottamatorio e procedere verso un nuovo destino per nulla machiavellico; diversamente la sua azione finisce qui, cioè in una postmodernità relativista e riduzionista sul piano storico-giuridico, mentre i cittadini avvertono attorno a loro stessi la scarsa coerenza e il forte odore di nichilismo. Si può andare in qualunque direzione, e soprattutto ci si può perdere politicamente, se la politica è una brodaglia buona per qualsiasi piatto. machiavelliano o grillino ben confezionato e cucinato da una mano abituata alla contraffazione. Credo che un ritorno al moderno si imponga per il prossimo futuro e per il rispetto che dobbiamo a noi stessi ed alla nostra dignità fatta di speranza, coerenza e buon senso.

Ci si può illudere circa il senso positivo delle operazioni e delle narrazioni, ma non tutto ciò che è detto e ridetto è reale, è razionale, anche se a dirlo ed a ridirlo talvolta sono dei baroni universitari o dei vecchi uomini politici carichi di medaglie o dei giovani freschi di gloria conquistata sul campo o affermati giornalisti adulatori dei potenti. Gli stessi teorici del postmoderno hanno insegnato che i grandi racconti sono inverosimili a partire proprio da quelli politici che indicano valori, ideali e obiettivi di inconsistente significato sociale, giuridico e politico. L'incredulità stritola le metanarrazioni e le più scarne narrazioni. Lo scetticismo è di casa in noi e tra di noi, oggi più che mai.

Se Renzi vuole davvero ritrovare il suo popolo ed il suo consenso, cosa naturale in politica, deve ritrovare la coerenza con il programma originario e rispiegarne il valore di classe e di indirizzo socio-politico, al di là delle battute estemporanee e ad effetto. Queste non riescono ad ottenere l'assenso popolare e la forza del cuore e della ragione di ciascuno se escludono la verità e la giustizia, e la verifica della coerenza. La grande lezione fiorentina del Quattrocento ci ha spiegato proprio la ragione che rendeva forte l'Umanesimo non solo presso i ceti intellettuali e borghesi. E d'altra parte lo Stato moderno è una costruzione piena di forza societaria, comunitaria, ideologica e morale prima che militare e formalmente politica.

prof. Salvatore Ragonesi








Postato il Domenica, 12 giugno 2016 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.34 Secondi