Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547681542 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1922 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1875 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1801 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1732 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1715 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Il Piano Scuola 2020-2021 e la 'verità nascosta'
· ATA internalizzati: 1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time
·Tavolo di conciliazione: risposte insoddisfacenti da parte del Ministero. I Sindacati indicono lo sciopero della scuola l’8 giugno. Per ripartire servono investimenti straordinari, non piccoli aggiustamenti
·Fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l'8 giugno
·Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: L'Ue ci mette in guardia: pochi laureati e alternanza scuola-lavoro inesistente

Rassegna stampa
«La debolezza del capitale umano potrebbe spiegare una parte significativa del gap di produttività del lavoro dell'Italia». Nascoste tra le pieghe del rapporto della Commissione Ue sugli squilibri macroeconomici del nostro Paese si trovano anche queste tre righe sugli effetti dei ritardi che siamo riusciti ad accumulare sul terreno dell'istruzione e della formazione. E che ci rendono sempre più lontani dalle locomotive dell'economia continentale. Pochi laureati, scarse competenze, alternanza scuola-lavoro inesistente, dispersione scolastica alle stelle sono solo i principali sintomi del "male di scarsa produttività" di cui soffriamo da anni. Eppure combatterla sul serio converrebbe. Adeguandoci alle performances dei primi della classe - sottolinea ancora il paper di Bruxelles - riusciremmo a recuperare l'8% del Pil sul lungo periodo.
Abbandoni scolastici al top
Uno dei nostri principali problemi era e resta la dispersione scolastica. La percentuale di giovani con età compresa tra i 18-24 anni che non hanno completato l'istruzione superiore è stata del 17,6% nel 2012, cinque punti percentuali in più della media dell'Ue a 27. A rendere ancora più complesso il quadro ci pensano altre due variabili. La prima è che la maggior parte degli abbandoni si registrano nel passaggio dalle medie alle superiori a conferma di quanto poco spazio diamo all'orientamento degli studenti. La seconda è che possiamo vantare degli squilibri territoriali non da poco visto. Dal 15% del Centro-nord arriviamo infatti al 20% del Mezzogiorno, con i picchi del 25% in Sardegna e Sicilia.
Poche competenze di base
Una complicazione ulteriore è data dagli scarsi livelli di apprendimento. Nonostante i miglioramenti certificati dagli ultimi test Pisa dell'Ocse i nostri 15enni restano abbondantemente sotto la media europea in lettura , in matematica e in scienze. Ma è un ritardo che viene da lontano come dimostrano le rilevazioni Piaac, sempre dell'Ocse, sulle competenze di base in possesso degli adulti. Basti pensare che il 27,7% delle persone comprese nella classe d'età 16-65 anni non arriva neanche al livello minimo. Numeri che fanno dire all'Ue che il nostro «capitale umano è inadeguato ai bisogni di una moderna economia competitiva».
Zero alternanza scuola-lavoro
Il paper di Bruxelles conferma che l'arretratezza maggiore la scontiamo sul fronte dell'alternanza scuola-lavoro. In Italia solo il 3,9% dei giovani tra i 15 e 29 anni studia e lavora. Una percentuale risibile se confrontata con il 12,9% della media Ue a 28 e soprattutto con il 22% della Germania. Il dato si fa ancora più preoccupante se lo incrociamo con la quantità di persone della stessa classe di età che né studia né lavora. Da noi i cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training) sono il 23,9% del totale. A fronte del 9,3% dei tedeschi e del 15,8% della media Ue a 28. Un gap che la Commissione europea imputa soprattutto alla scarsa applicazione del contratto di apprendistato. Specie di quello professionalizzante.
I laureati scarseggiano ancora
Che i laureati italiani sono ancora troppo pochi lo sappiamo da anni. Quello che non sappiamo forse è che i nostri bassi livelli di istruzione terziaria sono dovuti a un tasso di abbandoni universitari che non ha eguali nell'intera area Ocse: il 55 per cento. Del resto,numeri alla mano, arrivare alla laurea non è che convenga così tanto da un punto di vista economico. Il maggiore ritorno in termini salariali di un laureato rispetto a un diplomato è appena dell8,1% in più nell'arco di un'intera vita lavorativa. Oltre cinque punti in meno della media europea. E, tanto per cambiare, alle donne va anche peggio visto che con la laurea riescono a guadagnare appena il 6,9% in più che con il semplice diploma.

Eugenio Bruno
Ilsole24ore.com








Postato il Sabato, 08 marzo 2014 ore 06:00:00 CET di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi