Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 363688877 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11169 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
marzo 2017

Graduatorie provinciali permanenti ATA
di a-vetro
1206 letture

Ferdinando Pagliarisi nuovo Segretario Provinciale della CISL SCUOLA CATANIA
di a-oliva
935 letture

Avviso di accertamento sulla legittima fruizione della Legge 104/1992.
di a-vetro
929 letture

Piano di formazione docenti 2016-2019
di a-vetro
872 letture

Riapertura termini bando ed elenco definitivo degli Osservatori esterni nelle classi campione della rilevazione degli apprendimenti a.s. 2016/2017
di a-vetro
820 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Il professore da un milione di dollari che forma gli imprenditori di domani
·Scuola, via libera ai ‘concorsi leggeri’ per i precari
·Dirigenti scolastici, il concorso slitta ad aprile: «Nuovo regolamento»
·Cassazione: licenziamento per giusta causa di lavoratore che, in malattia, lavora nell’azienda di famiglia
·Gite scolastiche e sicurezza, nel 2016 'bocciato' quasi 1 bus su 6


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: INSEGNANTI, IL CUORE BATTE ANCORA A CENTROSINISTRA

Opinioni
Unità: Insegnanti, il cuore batte ancora a centrosinistra
14-03-2008

 «Vista la situazione politica estremamente confusa, il mio voto alle politiche andrà al Pd, ma senza particolari entusiasmi ideologici e con scarsa attenzione alla contesa elettorale. Il disorientamento e la disaffezione nascono da attese deluse negli anni e dallo scarso coraggio che vedo, anche in questa fase, nell'affrontare l'unica questione fondante di un reale rinnovamento: quella morale», dice Giuseppina Todarello, insegnante presso il Liceo Scientifico Democrito di Roma. Parole simili a tante altre: amici insegnanti di indubbio orientamento politico che si pronunciano a favore della Sinistra l'Arcobaleno o del Partito Democratico, non nascondendo un senso di disorientamento, delusione, distacco dalla politica. Due anni fa l'aria era differente. In gran parte delle scuole, tra la maggior parte degli insegnanti, l'attesa fiduciosa era esattamente proporzionale alla sofferenza affrontata nei cinque anni precedenti. Il voto era sentito allora come una promessa di liberazione da una gestione manageriale - e perciò mercantilistica - del sistema dell'istruzione: dalle mistificazioni della scuola delle "tre i" (inglese, internet, impresa); dalla cancellazione di fatto del tempo pieno; dalle Indicazioni Nazionali improntate all' "antropologia cristiana" (oscuramento di Darwin compreso); dal tutor e dal portfolio; dai finanziamenti alle scuole private e dai comandi dati in gran parte alle associazioni cattoliche, Comunione e Liberazione prima di tutte; dalla divaricazione precoce e su base socio-economico-culturale dei percorsi dei ragazzi - studio e avviamento professionale - eludendo ogni principio costituzionale e una visione emancipante dell'istruzione. A tutto questo e a molto altro ancora la scuola aveva reagito con motivazione e impegno, in molti casi sfidando apertamente il ministro, soprattutto nella mancata attuazione del primo decreto della legge 53 (la cosiddetta "riforma" Moratti), che modificava elementi costitutivi ed essenziali della scuola primaria. La società civile, le associazioni professionali e non solo la scuola militante si erano mobilitate - insegnanti, genitori, studenti, cittadini - in difesa dei principi della laicità, del diritto allo studio, del tempo pieno, della scuola della Costituzione.
L'attesa, si diceva, era fiduciosa. Un interessante studio di Paolo Feltrin, docente di Scienze Politiche dell'Università di Trieste, Presidente di Tolomeo Studi e Ricerche, Le basi sociali del voto e le tendenze a livello territoriale, dimostra bene come il voto di aprile del 2006 abbia rispecchiato l'aspettativa positiva; e che la scuola italiana aveva scelto senza ombra di dubbio la direzione da prendere, investendo nel cambiamento e attendendo segnali significativi. Circa 2/3 degli insegnanti scelse in quell'occasione una delle liste collegate all'Unione; tra gli studenti il 60% premiò il centro-sinistra. Il voto del 2006 non solo confermò che il bacino elettorale del centrosinistra è prevalentemente radicato nel lavoro dipendente, ma sottolineò uno scarto notevolissimo tra centrosinistra e centrodestra nell'elettorato della scuola: 32,8% tra gli insegnanti e 20% tra gli studenti. Il voto degli insegnanti risultò particolarmente radicalizzato nelle regioni del Nord e del Centro. Rispetto alle elezioni del 2001, per giunta, gli insegnanti premiarono con uno scarto del 3,2 in più il centrosinistra rispetto al centrodestra. Gli studenti con un 3,8 in più. Dunque, secondo questi dati, il centro sinistra ha potuto godere di un indiscutibile consenso nel mondo della scuola (non a caso, spesso, apostrofato come "comunista" da Berlusconi nelle passate campagne elettorali). E certamente quello dell'istruzione - tra i diversi settori - era quello che si aspettava di più dal governo dell'Unione. Non esistono al momento dati significativi relativi alle intenzioni di voto della scuola italiana, tranne quelli che riguardano la popolazione studentesca - tra i 18 e i 20 anni - che, secondo un sondaggio Ispo del 27 febbraio pubblicato dal "Corriere della Sera", si sarebbe pronunciata per il 31,4% a favore del PD, 21,7% per il PDL, 15% Sinistra l'Arcobaleno e Lega, 11% Udc: a sottolineare una tendenza delle giovani generazioni ad un orientamento prevalentemente di centro sinistra. Il vero punto interrogativo è rappresentato dagli insegnanti: quanti saranno ancora disponibili a rinnovare la fiducia dimostrata due anni fa? La domanda assume maggiore significato se si vanno a consultare gli indici di gradimento che la politica scolastica del governo di centro sinistra ha fatto riscontrare: la politica dei "due tempi" del ministro Padoa Schioppa, e soprattutto l'impressione che la scuola sia stata considerata terreno di risparmio più che di investimento per la crescita del Paese; alcuni discutibili provvedimenti del ministero; la percezione di un disinvestimento globale in termini anche culturali oltre che economici; l'assenza di qualunque difesa (a parte, bisogna dirlo, quella del ministro Fioroni) rispetto ad un'aggressione di media e opinionisti nei confronti dei docenti, che ha ulteriormente abbassato il livello di riconoscimento sociale e impedito qualunque progressione del riconoscimento economico. Sono questi prevalentemente i dati che allarmano e che dovrebbero spingere ad una riflessione seria sia il Partito Democratico che la Sinistra l'Arcobaleno. Gli altri, se malauguratamente dovessero prevalere il 13 e 14 aprile, hanno già preannunciato una strategia di ricostituzione della epocale "controriforma" Moratti. Tristi scenari di arbitrarietà e parole d'ordine già sentite sono state anticipate da Valentina Aprea: «Abbiamo bisogno di intervenire sugli apprendimenti e dunque sugli insegnanti e per questo abbiamo chiesto (a Brunetta e Tremonti) di predisporre l'introduzione degli albi professionali dei docenti e noi lavoreremo per raggiungere questo obiettivo». Un quadro lusinghiero della classe docente costituita da «insegnanti pedofili riammessi a scuola, di maestre che tagliano la lingua ai bambini, di professoresse frustrate che vogliono fare sesso con i propri studenti». Il Pdl si batterà (e tremiamo solo all'idea) «per una rigorosa valutazione di docenti e dirigenti». E ancora: «Siamo per l'abolizione del valore legale del titolo di studio», promettendo che «i finanziamenti pubblici alle scuole dovranno seguire le indicazioni delle famiglie». L'auspicio è che gli insegnanti italiani, ancora una volta, rinnovino, seppur meno convintamente, la propria fiducia, per scongiurare il pericolo di un nuovo regime autoreferenziale e autocratico in quel Ministero, che tornerebbe certamente ad essere dell'Istruzione, omettendo l'aggettivo Pubblica, che connota il rispetto della Costituzione. E che il Partito Democratico non rincorra l'assurdo e irragionevole obiettivo di concorrere sullo stesso piano delle istanze del Partito delle Libertà. Che guardi alle ragioni della scuola pubblica per quella che essa è realmente: ai suoi bisogni e alle sue criticità; a una necessità di rinnovamento che si impone, ma che non può prescindere in alcun modo dalla consultazione ampia e dalla partecipazione attiva di chi nella scuola vive quotidianamente; che si sottragga a logiche confessionali e a parole d'ordine autoritarie e superficiali, che non servirebbero a cancellare le tante disfunzioni che pure esistono; che si batta per il diritto allo studio per tutti come principale diritto di cittadinanza; che investa politicamente, economicamente, culturalmente sulla scuola pubblica. La Sinistra l'Arcobaleno, intanto, continua a portare avanti - attraverso i responsabili scuola dei 4 partiti - un giro di consultazioni nel mondo di scuola, società civile, associazioni professionali che hanno contribuito all'elaborazione del programma relativo all'istruzione. Non ci resta che sperare.









Postato il Domenica, 16 marzo 2008 ore 00:05:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.5
Voti: 6


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi