IMMISSIONI IN RUOLO 2006/2007, I SINDACATI SONO PERPLESSI
Data: Mercoledý, 22 marzo 2006 ore 00:05:00 CET
Argomento: Comunicati


da ItaliaOggi
Martedì, 21 Marzo 2006

Cgil, Cisl e Uil scuola contestano i numeri forniti dal ministro Moratti.


Immissioni in ruolo 2006/07 I sindacati sono perplessi


La Moratti dà i numeri sul personale della scuola e fa discutere di nuovo. Il ministro nel corso dell'apertura di ´Expo 2006 del capitale umano e dell'innovazione', a Milano, ha illustrato il piano di assunzioni previsto dal centro-destra per il prossimo anno scolastico 2006/2007 e ha fatto un bilancio dei cinque anni al comando del dicastero di viale Trastevere. Il ministro dell'istruzione fa sapere che il piano per l'immissione in ruolo del personale della scuola procede spedito: il prossimo anno scolastico saranno assunti 20 mila docenti, 1.500 dirigenti scolastici, 3.500 unità di personale Ata e oltre 3 mila insegnanti di religione.
´Un risultato storico', dice Letizia Moratti. ´Con questi immissioni in ruolo abbiamo raggiunto un importante traguardo'. Dal 2001, ha tenuto a precisare il ministro, ´il governo Berlusconi ha effettuato assunzioni di personale scolastico, compresi i dirigenti scolastici, per complessive 165.303 unità, cui si aggiungeranno dal 2007-08 ulteriori 16.260 assunzioni per un totale complessivo di oltre 181 mila nomine'. Questo numero, fanno sapere dal dicastero dell'istruzione, rappresenta il più vasto contingente di docenti assunti nella storia della scuola dal Dopoguerra, immissioni in ruolo che non venivano effettuate da una decina d'anni. Il tutto ha ridotto così del 60% l' annoso problema del precariato. Ma non solo. Ancora sul tema dei precari la Moratti fa sapere che dal prossimo mese di giugno il miur darà il via ai corsi abilitanti speciali, con i quali si consentirà a 60 mila docenti con almeno 360 giorni di servizio, dal 1° settembre 1999 al 6 giugno 2004, di conseguire l'idoneità o l'abilitazione all'insegnamento. Ma la messa a punto del pacchetto di assunzioni non solo non risolve, a parere delle organizzazioni sindacali, il nodo del precariato nella scuola, ma si appoggia a un piano già ideato dal precedente governo. È il segretario generale della Cgil scuola Enrico Panini a dichiarare che il ´il ministro Moratti per la sua campagna elettorale spara numeri a caso. Con questi dati anziché vantarsi bisognerebbe chiedere scusa a decine di migliaia di precari che lavorano da anni e che solo per il disinteresse del governo non sono stati immessi in ruolo. La Moratti', prosegue Panini, ´si è vantata ancora una volta circa presunti meriti sulle immissioni in ruolo. Ma la verità sta in poche cifre, che partono dalle 100 mila immissioni in ruolo già decise e finanziate dal governo precedente. Ci vuole un grande coraggio ad affermare che 3.500 assunzioni di personale Ata su 90 mila posti vacanti rappresentano un risultato importante. In ogni caso le immissioni in ruolo non risolvono il problema dei precari della scuola che il prossimo anno saranno 50 mila in più del 2001 fino a raggiungere la cifra record di 220 mila'. Sui numeri ´sparati' dalla Moratti interviene, con toni più morbidi, anche il segretario generale Uil scuola Massimo Di Menna, che considera che le immissioni in ruolo annunciate, ´pur essendo una buona notizia per gli oltre 20 mila docenti, non coprono neppure le uscite per pensionamento, e restano enormemente insufficienti per la copertura di tutti i posti vacanti. Il piano triennale di immissioni a cui si fa riferimento è ben distante dalla precisa volontà espressa dal parlamento di coprirli tutti con incarichi a tempo indeterminato'. Della stessa opinione anche il segretario generale della Cisl scuola, Francesco Scrima, persuaso più che mai che il fenomeno della precarizzazione del lavoro nella scuola non è stato ancora arginato. Anzi secondo il sindacato sia per i docenti sia il personale Ata (ausiliario, tecnico, amministrativo) i numeri veri dicono che la situazione dei precari ha raggiunto cifre da capogiro: decine e decine di migliaia per i due profili professionali.






Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-3909.html