Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 560066194 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2023

Sant'Agata e gli altri. Mostra al Museo diocesano fino al 25 febbraio
di a-oliva
474 letture

Il RC Catania Duomo 150 a cena con i clochard
di a-oliva
460 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Mobilità: Scuola in piazza, no ai violenti - Mobilitazione spontanea nelle scuole

Rassegna stampa

Gli studenti non hanno atteso la programmazione dell’assessore, né le proposte dei docenti. Ieri - le scuole chiuse a tutela del sonno dei giovani cittadini dopo la lunga notte di Sant’Agata - sono andati dai présidi per organizzare manifestazioni, incontri, momenti di riflessione. La violenza allo stadio, l’assassinio dell’ispettore Raciti, il pianto della figlia e il dignitoso appello della vedova li hanno colpiti nell’anima. E li ha colpiti il fatto che ad aggredire e ad uccidere siano stati anche ragazzi della loro età. Per una volta il dolore e lo sdegno è di tutti. Per una volta Catania arrossisce di vergogna, senza se e senza ma. Per una volta non cerca giustificazioni e attenuanti, ma spiegazioni e ragioni. Per una volta i giovani non si fanno imboccare e sollecitare dai grandi, ma prendono l’iniziativa. Infine, vogliono esserci. Come tutta la città, che ha accolto con premura l’appello di singoli e associazioni a incontrarsi a piazza Spedini, venerdì prossimo, alle 18, per ricordare e, soprattutto, per gridare basta al degrado e alla violenza, per ritrovare le ragioni della solidarietà e della civiltà, ragioni che Catania sembra avere perduto. Ora che hanno aderito tutti - sigle, sindacati e partiti - è grande il rischio che la manifestazione si risolva in una passerella di anime belle e di belle parole, in uno dei tanti modi per mettersi in mostra. Sta ai giovani impedirlo. Poiché è in gioco il futuro di questa città, il loro futuro, devono prendersi la parola, devono prendersi in mano la vita. In questi giorni tutti ripetono che sono loro il problema di questa città. Che facciano capire che sono, che possono essere, la vera risorsa. E sta agli adulti dare loro spazio e fiducia. Fabiana Raciti ha solo 15 anni, eppure nella retorica di tante parole, solo lei e sua madre hanno trovato quelle giuste, semplici e dirette: «... che la tua morte induca la società ad attuare un cambiamento ». E’ questo l’unico modo di dare giustizia ad un uomo che nel cambiamento ha creduto scegliendo di fare il proprio dovere con onestà e dignità in un contesto che questi valori irride e calpesta. Lui ci ha creduto.

PINELLA LEOCATA (da www.lasicilia.it)

 

Si moltiplicano le iniziative volte a riflettere sul problema della violenza e del disagio giovanile

 

L’assessore alla Pubblica istruzione ha deciso di intitolare a Filippo Raciti il «progetto educazione alla legalità e alla cittadinanza» e di sviluppare nel corso dell’anno una riflessione articolata sulla violenza negli stadi e sul disagio giovanile. Ma già ieri, sebbene molte scuole superiori fossero chiuse per il post festa, docenti e allievi hanno già programmato manifestazioni e occasioni di approfondimento. In alcuni casi sono stati gli stessi allievi a sollecitare presidi e docenti a programmare iniziative di confronto e di riflessione sulla tragedia del Cibali. Al Cutelli, per esempio, i rappresentanti degli studenti, sebbene non ci fosse scuola, hanno chiesto alla preside Rosetta Camilleri di potere indire un’assemblea straordinaria di tutta la scuola, venerdì 9, di mattina, al cinema Capitol, per discutere di violenza e di disagio giovanile. Hanno chiesto di potersi confrontare con qualche esponente del gruppo Abele e con uno psicologo per arrivare preparati alla grande manifestazione indetta da associazioni e singoli cittadini per venerdì pomeriggio, in piazza Spedini, per dire «No al degrado e alla violenza». E iniziative si programmano in tutte le scuole. Al commerciale De Felice il preside Leotta ha convocato per oggi pomeriggio un collegio docenti per riflettere sul da farsi e su come esercitare con gli allievi la propria funzione educativa. Al commerciale Gemmellaro il preside Santonocito ha proposto una riflessione in assemblee di classe straordinarie e sta programmando per la settimana prossima un incontro a scuola con i giocatori del Catania, se saranno disponibili. E così pure all’industriale Archimede la preside Romana Romano ha in programma per sabato una manifestazione con i 1.500 allievi della scuola al palazzetto dello sport di piazza Spedini, se agibile. Ha invitato gli assessori comunali e provinciali alla Cultura e allo Sport perché tengano un discorso agli studenti e proposto una partita di pallavolo tra i ragazzi della scuola. Di sfide con altri istituti, per ora, non se ne parla, dopo l’esperienza di altre scuole quando le squadre avversarie se le sono date di santa ragione. E questo è un fatto che dovrebbe fare riflettere: l’appartenenza vissuta come aggressività nei confronti dell’altro, lo sport come scontro piuttosto che come agonismo leale dove è normale che si possa vincere o perdere. Nessuna scuola vuole rimanere indietro. Tutti, docenti e studenti, vogliono essere parte del movimento collettivo che si è creato in città in reazione agli sconvolgenti fatti del Cibali, tutti vogliono potere esprimere l’angoscia e la vergogna che i cittadini perbene hanno provato di fronte a quelle scene di violenza e ai sentimenti e alle idee che presuppongono, tutti vorrebbero potere cancellare, o almeno sfumare, il devastante impatto mediatico che l’immagine di Catania ha subito dallo scempio allo stadio. Ma questo non è e non sarà un momento isolato perché, da tempo, in ogni scuola, presidi e docenti sono costretti a fare i conti con il disagio giovanile nelle sue varie e differenti manifestazioni. Ci sono - con differenze rispetto ai contesti sociali - gravi problemi personali, situazioni familiari particolari, ragazzi dipendenti da droghe o affetti da disturbi dell’alimentazione, casi di bullismo aggravati dall’uso emulativo del videotelefonino per mettere in rete immagini di meschino protagonismo. Di qui l’attivazione, in tutte le scuole, di servizi di medicina scolastica gestiti da psicologi della Asl, e l’individuazione di un docente referente per il disagio giovanile. Adulti cui i giovani possono rivolgersi per parlare e affrontare dubbi e problemi. Per tutti i ragazzi, poi, si pone il problema del comportamento a scuola. Studenti che arrivano sistematicamente in ritardo perché la mattina non riescono a svegliarsi per tempo, e che i genitori giustificano sempre senza tanti problemi. Studenti che durante le lezioni parlano al cellulare, spesso con papà e mammà, come se fosse normale disturbare le spiegazioni e le interrogazioni per sedare le ansie dei genitori. Si scopre così che in molti casi la questione giovanile è anche la questione genitoriale, che spesso i genitori non sono in grado di dare e di fare rispettare alcuna regola, né di essere punto di riferimento per i propri figli. Si scopre che, se la scuola li mette di fronte alle responsabilità dei propri figli, i genitori tendono a negare e a minimizzare perché la propria prole no, alcune cose capitano solo a quella degli altri. E allora la scuola si convince sempre di più che nella formazione dei ragazzi il rapporto scuola/ famiglia è centrale, essenziale. E lo è al punto che in alcuni istituti, come il Cutelli, è in programma un «progetto genitori» perché fare i genitori è un «mestiere» difficile e anche loro hanno bisogno di essere aiutati ad affrontare i problemi.

PINELLA LEOCATA (da www.lasicilia.it)









Postato il Giovedì, 08 febbraio 2007 ore 11:52:31 CET di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi