Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 407916402 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2017

VI edizione Concorso letterario di poesie in memoria della prof.ssa Giusy Santonocito. Scadenza iscrizione: 28 febbraio 2018
di m-nicotra
630 letture

Prima giornata dedicata ai Laboratori Didattici presso l'Istituto Majorana Meucci di Acireale
di m-nicotra
584 letture

'La leggenda del pianista sull’oceano' inaugura la seconda stagione del Teatro Mobile per la prima volta in Sicilia tra applausi e commozione
di m-nicotra
547 letture

All’ I.C. 'P. A. Coppola' il Coding è rosa .... anzi pink!
di m-nicotra
520 letture

Premio alla Bontà 'Hazel Marie Cole' allo studente Francesco Simonte
di c-citraro
472 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"
·Seminario di educazione alla bellezza
·A scuola con la Polizia di Stato
·Presentazione del libro ''IL RITORNO'' di Pina Spinelli


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Giornata della donna, no agli stereotipi. Io, tu, ... noi

Redazione
Per ogni donna stanca di fingere debolezza. esiste un uomo stanco di dover dimostrare la sua forza.
Si avvicina a grandi passi la data dell’otto marzo, e come il solito tutte le pagine del social network e dei vari giornali parleranno di donne, mimose e cioccolatini, per una settimana le donne saranno protagoniste assolute, poi nuovamente l’oblio. Anch’io parlerò delle donne, della loro ricerca di libertà, dell’emancipazione e del loro desiderio di pari opportunità ma, lo farò soffermando la mia attenzione sulla fragilità e la crisi d’identità dei maschi, crisi dovute in parte all’emancipazione femminile.

Insegno da sedici anni in un Istituto Tecnico Industriale della provincia di Catania frequentato prevalentemente da ragazzi, di età compresa tra i quattordici e venti anni. Ragazzi che provengono dall’hinterland etneo da famiglie modeste e con buoni principi educativi. In questi anni ho avuto l’opportunità di seguire l’evoluzione culturale, educativa e sociologica dei ragazzi che frequentano l’istituto, l’evolversi delle abitudini, il cambiamento della società, il sopravvento dei cellulari sui giochi in classe, la comunicazione virtuale con whatsapp e telegram, la didattica sulla classe virtuale e gli incontri sulla piazza di facebook. Seguendo i loro discorsi e a volte le loro confidenze ho potuto notare l’evoluzione dei loro comportamenti nei confronti delle ragazze, dall’atteggiamento sempre palese del “maschio siculo” stereotipo dei film anni 60-70 si è passato negli ultimi anni all’atteggiamento del maschio disorientato e, a mio dire, fragile, senza punti di riferimento.

Con il passare del tempo i loro comportamenti sono più infantili e lontani dall’affrontare le loro responsabilità di adulti. Spesso si sente parlare di “disagio maschile”, malessere che angoscia molti maschi e che sarebbe l’effetto dei cambiamenti socio-culturali cominciati agli inizi del 1900 quando è cambiato il contesto familiare e sociale. Dopo la contestazione giovanile del 1968 il rapporto fra i sessi ha subito notevoli cambiamenti, le donne hanno acquisito maggiore potere decisionale, una certa consapevolezza delle proprie capacità, sono riuscite a raggiungere una maggiore autonomia innalzandosi maggiormente nel panorama socio-economico. Tutto ciò ha influenzato la condizione dei maschi, sconvolgendo il loro mondo, il maschio sembra aver perso i propri punti di riferimento, destabilizzando il proprio ruolo.

Oggi essere maschi o femmine, è più difficile che in passato; teoricamente c’è più libertà, più opportunità, ma bisogna tener conto delle aspettative sociali e culturali che condizionano le nostre scelte. Tra i fattori che oggi incidono negativamente sulla condizione dei maschi, c’è anche l’insicurezza economica, data dalla perdita del lavoro, dalle condizioni di vita a seguito di una separazione o di un divorzio, studi statistici hanno evidenziato nella popolazione maschile un aumento delle patologie psichiatriche, degli attacchi di panico, dei casi di depressione, dei disturbi del comportamento alimentare; inoltre, il tasso di suicidi della popolazione maschile è doppio rispetto a quella femminile. Altra causa della crisi maschile è la trasformazione della famiglia, prima l’uomo ne era il fulcro e da lui dipendevano tutte le dinamiche familiari, i ruoli e le relazioni tra i vari componenti; oggi la situazione si è modificata, la donna ha maggior potere decisionale pertanto il maschio non rappresenta più l’autorità assoluta. Anche il ruolo genitoriale è cambiato nel corso degli anni; un tempo ai padri spettava il mantenimento economico della famiglia, il loro impegno per i figli consisteva principalmente in un contributo materiale, oggi è diverso, i padri svolgono anche un ruolo educativo.

Sembra che i maschi non sopportino l’insicurezza e che, rispetto alle donne, siano meno propensi a chiedere aiuto, un dato preoccupante è anche l’abuso di alcol e la tossicodipendenza; da alcuni studi è emerso che l’uomo è più portato ad assumere sostanze che favoriscono l’aggressività (alcol, cocaina, amfetamine, …) e che riducono l’autocontrollo, rendendolo così più istintivo. Nel voler analizzare questa situazione è necessario tener conto della reputazione di cui il genere maschile ha goduto in passato: il rapporto uomo-donna fin dall’antichità è stato caratterizzato da forti asimmetrie; le idee e le attività maschili hanno dominato per la maggior parte del periodo storico precedente, gli uomini hanno avuto grandi diritti e il loro potere è stato riconosciuto come naturale dal fatto stesso di appartenere al “sesso forte”.

L’uomo, nel corso dei tempi, è riuscito a sviluppare quelle capacità che gli hanno consentito di occupare posizioni di potere e di esercitare ruoli privilegiati, però non sempre è riuscito cercare la propria interiorità e scoprire la sua vera identità. Per i maschi è stato sempre difficile far trasparire le espressioni delle emozioni, dei bisogni affettivi, la commozione, lo stereotipo costruito intorno alla figura maschile l’ha da sempre proibito compromettendo la piena rivelazione delle qualità maschili limitandone la libertà. La figura maschile ci appare spesso insensibile, non lascia trasparire le proprie debolezze, reprime le proprie emozioni, lasciando alle donne queste caratteristiche.

Negli ultimi decenni le donne sono riuscite a essere protagoniste nel panorama socio-economico, più consapevoli dei propri diritti e delle proprie aspirazioni, contrariamente dal passato, ma questo nuovo atteggiamento non corrisponde più alle aspettative degli uomini; la donna secondo la concezione patriarcale, dovrebbe stare al proprio posto, composta e riservata, fare solo da ornamento al proprio uomo. Il maschio in genere ha sempre dato per scontato che la moglie fosse a sua completa disposizione, che fosse legittimo sfruttarla; per questo motivo, quando la donna è riuscita a cambiare la propria condizione, si è trovato in difficoltà, ha percepito un rischio, una nuova forza ha minacciato il suo primato; ha cercato, quindi, di reagire, servendosi dei pochi strumenti che conosce, di quei mezzi che finora gli hanno permesso di godere di una posizione privilegiata: la minaccia e la violenza. È come se l’uomo fosse più abituato a eliminare i problemi piuttosto che ad affrontarli e a risolverli. Il problema della fragilità maschile ancora una volta, sta nella paura che egli ha della solitudine, del coinvolgimento emotivo, dell’esplorare se stesso e la propria interiorità. Il maschio teme di non riuscire più a controllare razionalmente ciò che accade e si trasforma intorno a lui.

Il nuovo ruolo della donna, la sua sicurezza, la sua voglia di riscatto e di libertà ha causato la rottura con i modelli tradizionali maschilisti, portando numerose conseguenze. La difficoltà che il maschio incontra nel parlare di sé, delle proprie emozioni, rischia di far emergere le debolezze, il suo silenzio denota la solitudine profonda che attraversa l’uomo, limita la comunicazione e il confronto fra i generi. Il maschio deve rompere il silenzio dietro cui nasconde i suoi disagi, gli imbarazzi e talvolta i sensi di colpa, altrimenti non sarà possibile individuare una soluzione adeguata alla crescita della sua personalità.

Non sarà possibile livellare il rapporto uomo-donna se il maschio non viene educato dalla società, dalla famiglia e in particolare dalla madre, al rispetto e alle pari opportunità, deve costruire da questa crisi l’occasione per liberarsi dagli stereotipi che hanno permesso lo sviluppo del modello maschilista e, quindi mettere in luce finalmente la sua vera identità.

prof.ssa Angela Giardinaro







Postato il Mercoledì, 08 marzo 2017 ore 07:30:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 1.37 Secondi