Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 472443650 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2019

Bandito il concorso per 2004 posti di Direttori dei Servizi Generali ed Amministrativi (ex segretari) nelle scuole statali. Domande entro il 28 gennaio 2019
di m-nicotra
573 letture

Prorogata la mostra didattica itinerante su Van Gogh
di m-nicotra
562 letture

Lettera a Francesco Merlo
di a-palumbo
555 letture

La cucina Thaillandese si aggiudica il primo premio del contest 'Intercultura a tavola' organizzato dell’alberghiero di Caltagirone
di m-nicotra
529 letture

Il governo colpisce il Centro-Sud e premia chi tassa gli studenti
di m-nicotra
463 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A. - Anno scolastico 2018/2019
·Personale docente scuola Secondaria di II grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni nella scuola secondaria di I grado
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. Assegnazioni sedi. Errata corrige Scuola Primaria
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni per le classi di concorso indicate nel dispositivo. Assegnazioni sedi Secondaria di II grado
·Assegnazioni provvisorie provinciali, interprovinciali su posti comuni. Assegnazioni sedi. Personale docente scuola Infanzia e Primaria a.s. 2018/2019


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Cultura e spettacolo: Amore e ginnastica, di Edmondo De Amicis. Amore e scuola d’altri tempi

Istituzioni Scolastiche
Mi ricordavo solo quel bacio, quel lunghissimo e appassionato bacio finale tra la “maestra di ginnastica” e il “segretario”, atteso per tutto il film ed arrivato inaspettatamente, e durato a lungo, fino ai titoli di coda… e anche oltre! Arrivato proprio quando tutto sembrava finito, quando il povero innamorato don Celzani, aveva già fatto le valigie e salutato il suo “signor zio”, per andare lontano, “a Genova forse, o nelle lontane Americhe, o a Novara, da quel suo cugino” e anche per la signorina Pedani era giunto il momento del non ritorno, rimasta sola nella casa, che condivideva fino a poco tempo prima con la signorina Zibelli. E alla fine, come tutte le cose belle,… arriva il bacio, “l’apostrofo rosa sulla parola t’amo!”. Quel “Dio grande!”, l’esclamazione che suggella la storia d’amore, nata in un palazzo della buona borghesia torinese alla fine dell’Ottocento del neonato Regno d’Italia.

E l’altra sera il film l’ho rivisto con immenso piacere su youtube, diretto dal regista Luigi Filippo D’Amico, con Lino Capolicchio, nei panni di Simone Celzani, e la prorompente Senta Berger, la “mitica” Maria Pedani, il film è del 1973 ed ha ancora la freschezza e la sensualità dei giorni nostri! Tratto dall’omonimo romanzo breve di Edmondo De Amicis (l’autore del famoso libro Cuore), pubblicato quasi clandestinamente nel 1892, “Amore e ginnastica” è un racconto che tracima d’humour, sensualità, malizia e acutezza psicologica. Siamo a Torino, alla fine dell’Ottocento, il giovane Simone Celzani è perdutamente innamorato della maestra di ginnastica Maria Pedani. Lui, timido, ex seminarista, ha un fisico tutt’altro che da sportivo.

Lei, al contrario, è bella, moderna con un fisico impetuoso e, per i tempi, molto all’avanguardia, quasi spregiudicatamente femminista. E’ un’insegnante di ginnastica che ama il suo lavoro, che lo considera quasi una missione sociale, un dovere civile da compiere per l’elevazione morale, e soprattutto “fisica” dei giovani e dell’intera società. Società che all’epoca, siamo all’indomani dell’unità d’Italia, con una scuola basata ancora sulla legge Casati, tanto per intenderci, è ancora “sfrontatamente” retrograda, provinciale e bacchettona. E la scuola appare come un campo di battaglia dove si contrastano forze divise tra slanci ideali, piccoli segreti individuali e “dissapori” (diciamo così) tra colleghi,… proprio come ora, va. In fondo, non è poi cambiata granché la scuola! De Amicis racconta infatti i retroscena di una passione collettiva per una maestra di ginnastica, la Pedani, bellezza femminile atletica e dominatrice.

Tra i suoi tanti spasimanti spiccano un ex seminarista, “dotato di una forte sensualità contenuta”, e uno studente, che non ama perdere tempo e appena può allunga le mani. Intrigante anche il rapporto della Pedani con la Zibelli, un’altra donna, “femmineamente” vibratile e passionale, con cui convive in un ménage abitativo complicato e sorprendente. Tutt’intorno c’è la città di Torino, la capitale della nuova nazione italica, con i suoi umori e malumori, le speranze e le attese, le aspettative e la realtà. Soprattutto c’è la ginnastica, questo nuovo “mito”, che incarna il desiderio ancestrale di rinascita e di riscatto della carnalità, del corpo, e anche della nazione, dove tutto è da costruire, “fatta l’Italia bisogna fare gli italiani”, appunto! E poi c’è l’amore, sopra tutto, come sempre, l’amore che nasce dovunque, dove meno te l’aspetti, anche in un condominio, nelle scale, nei salotti della buona borghesia, e tra i corridoi e le aule degli edifici scolastici, tra la bella grafia dei registri delle elementari e gli abbecedari. E la teoria dell’amore che deve “abbandonare i movimenti ginnici inutili e lenti per diventare dinamica e plasmare un corpo agile, svelto, scattante, tramite l’esercizio fisico e il duro lavoro quotidiano”.

E anche l’Italia deve compiere la stessa attività per ottenere un progresso forte e vigoroso. Ma a me interessa soprattutto la storia d’amore appassionata, vissuta, sofferta di don Celzani (don soltanto per il comportamento e per gli studi seminaristi), follemente innamorato, che come tutti (noi) innamorati si comporta come un pazzo, senza riuscire a gestire la sua normale vita quotidiana con discernimento. Non è un uomo muscoloso con un fisico prestante, ma per amore della signorina Pedani corre in palestra ad affaticarsi in moderni allenamenti. (Quantu po’ ‘n pilu di fìmmina!). Il suo unico scopo è fare colpo su di lei. Ci riuscirà? Lei, intanto, è tutta casa e scuola e non vuol sentir parlare di uomini, tutta presa com’è dalla sua “missione” di diffondere il “verbo” della ginnastica nella “mente” della scuola e della giovane nazione italiana.

L’incontro “fatale” fra l’amore e la ginnastica conduce all’esaltazione e alla sublimazione del pensiero di “Lei”, effetto d’un sentimento smisurato e appagante ed anche ad azioni bizzarre e quasi ridicole. Il contrasto cresce sempre di più senza trovare un punto di incontro. Quando poi tutto sembra perso si ritorna nell’unica strada possibile. La ginnastica e l’amore. Un racconto rinascimentale, scritto con dolcezza d’altri tempi e con esilaranti particolari linguistici. I due personaggi per tutto il film sembrano non incontrarsi mai (come i due innamorati nel Cantico dei Cantici. Che coincidenza!), sono quasi degli esempi di due categorie sociali distinte, di due blocchi contrapposti, di due Italie, una maestra dedita alla missione d’insegnare, “un lavoro fondamentale per la patria”, ed un borghese, con un lavoro “ereditato dal facoltoso zio”, intento a far quadrare i conteggi mensili ed a contribuire alla crescita economica della nazione.

Ma alla fine quel bacio mette d’accordo tutta la storia, la nascita d’un nuovo amore e la crescita dell’Italia. Quel lungo incredibile bacio… “Dio grande!”. Peccato che è solo un film, peccato davvero…

Angelo Battiato








Postato il Martedì, 29 novembre 2016 ore 08:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi