Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 414741938 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2018

Chiudono le scuole paritarie, 104 in Sicilia. Alleanza tra genitori e docenti e all’orizzonte il costo standard
di g-aderno
1227 letture

Notte Nazionale del Liceo Classico al Liceo Spedalieri – IV edizione – Natura Naturans
di m-nicotra
964 letture

Legge di Bilancio 2018: l’insoddisfazione dei Collaboratori dei DS. Appello alle forze politiche
di m-nicotra
808 letture

In varietate concordia…. IV Edizione 'Notte Nazionale dei Licei Classici 2018' al Convitto Mario Cutelli - Catania
di a-oliva
636 letture

Future Lab, il Marconi polo formativo in Sicilia
di m-nicotra
633 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Melito, un convegno sulla disabilità per dare risposte concrete
·Uscita da scuola: nè scaricabarile, nè ragazzi allo sbaraglio
·Lettera auguri per inizio Anno Scolastico 2017/2018
·Il Maggio dei Libri a Serradifalco: letture ad alta voce sul Paesaggio, Pirandello, Sciascia, Camilleri
·730-2017 Detrazioni per le famiglie: cosa è utile sapere


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Esame di Stato: Se potete, lasciate in pace gli esami di stato. Il valore legale del titolo di studio

Redazione
Sembra diventato un passatempo in viale Trastevere cambiare gli Esami di Stato ad ogni chiaro di luna. Quello che sorprende non è la volontà di procedere in questa direzione, ma la mancanza di solide ragioni per farlo. Un'innovazione nell'ambito dei titoli di Stato non attiene solo a questioni di ordine didattico, nè si puo' nutrire solo di riflessioni e teorie docimologiche, perchè investe il rapporto fiduciario tra scuola e società, tra formazione e mondo del lavoro.
Le questioni che sorgono sono queste: il diploma è un titolo affidabile? Ci sono ragioni valide per renderlo affidabile? E se sì, come?

Non è detto che tali questioni debbano essere prese sul serio. Si puo' benissimo ritenere che siano prive di senso, perchè nel terzo millennio, nella società della conoscenza il diploma di maturità non è più utile come prima; perchè il grado di preparazione da esso certificato non ha riscontro nell'attuale organizzazione del lavoro, superato com'è da titoli più alti e impegnativi; perchè per la sua possibile e rapida obsolescenza non è in grado di sostenere e giustificare alcuna particolare pretesa dei suoi detentori nei rapporti di lavoro.

Si puo' anche pensare che se sono queste le condizioni di spendibilità del titolo di studio, non sia affatto necessario mantenere l'attuale e/o qualsiasi impalcatura degli esami di Stato e affrontarne il costo finanziario. A dire la verità, tranne la vampata rigoristica della prima versione degli esami di Stato risalente alla gestione Berlinguer, il resto delle innovazioni ha risposto o ad esigenze di risparmio economico o a tentativi di condiscendenza nei confronti di un'utenza turbolenta e scontenta. Si è fatto di tutto per trasformare gli esami in un rito privo di serietà pedagogica, culturale e professionale, in modo da poterne fare una giustificazione dei tentativi di abolizione del valore legale dei titoli di studio.

E' proprio questa non-detta intenzione la causa delle molteplici fantasiose proposte di innovazione degli esami di Stato, perchè se non si abolisce esplicitamente il valore legale del diploma, se ne puo' drasticamente e agevolmente ridurre il suo significato e la sua portata con gli esami burla, in cui il 99% dei candidati è promosso e una percentuale logicamente inattendibile di candidati ottiene il massimo dei voti.

UN BISOGNO DI SERIETA'
E' possibile allora fare seriamente gli esami a prescindere dalla spendibilità tradizionale del titolo di studio?
Questo a me sembra il problema e questa la sua corretta impostazione. Io credo che si possano fare e si debbano fare seriamente gli esami, come qualsiasi attività di rilevanza sociale e pubblica e l'istruzione e la formazione lo sono.
La serietà e il rigore delle operazioni di esame restituirebbero non poco consenso e non poco prestigio alla scuola e agli insegnanti; consentirebbero agli stessi diplomati di potere avere un report attendibile dello stato della loro preparazione professionale e di affrontare una prova impegnativa per la loro crescita umana;consentirebbero alle scuole di avere una qualche cognizione della qualità del lavoro svolto nelle classi e all'amministrazione di potere formulare qualche ipotesi ragionevole sulla condizione di salute del'apparato scolastico; eviterebbero alle Università di allestire le indigeste prove di ingresso per stabilire che debba accedere alle varie facoltà.

Due sole prove scritte, come pare si voglia fare, mi sembrano povera cosa per avere esami di un certo valore e mi pare bizzarra la collocazione della prova INVALSI al quarto anno. In un anno, nella vita dei giovani succedono molte più cose di quante se ne possono immaginare. Basta averli frequentati per saperlo. E', invece, una buona idea, valorizzare quanto più possibile il curriculum scolastico e ridurre nel punteggio il peso degli esami, per evitare qualsiasi forma di mortificazione del lavoro, dell'impegno e dei risultati di un'intera carriera scolastica. Si dovrebbe fare più o meno come si fa all'Università col punteggio di laurea. E' chiaro che se così si intendesse procedere, bisognerebbe eliminare qualsiasi forma di bonus, occasione di arbitri e ingiustizie. Che all'alternanza si dia spazio, mi pare giusto, ma senza stravolgere l'equilibrio complessivo del curriculum. E' necessario fare esami finali razionali e credibili e non allestire lotterie per i fortunati.

E tutto questo con commissari interni? Con presidenti presi a casaccio, perchè ce ne vuole uno per ogni gruppo di due classi? Lasciamo perdere!

prof. Raimondo Giunta








Postato il Domenica, 30 ottobre 2016 ore 08:30:00 CET di Nuccio Palumbo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.63 Secondi