Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 464801806 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2018

Progetto Erasmus all’Istituto Comprensivo 'A. Gabelli' di Misterbianco
di m-nicotra
598 letture

Per una scuola di qualità. Seminario formativo per i futuri dirigenti
di m-nicotra
498 letture

IV workshop regionale su ADHD e Comportamenti dirompenti Nodi, snodi e percorsi - Liceo Cutelli
di m-nicotra
462 letture

Stato giuridico del personale docente e ATA. Quale futuro per la scuola pubblica ed i precari?. Convegno della CUB a Catania
di a-battiato
443 letture

X Edizione Rassegna Premio Giorgio Gaber - Obiettivo Nuove Generazioni
di m-nicotra
443 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Gli studenti di Eskills4Change all'evento Ambizione Italia
·Molestie sessuali in Alternanza Scuola-Lavoro: fatto gravissimo, alternanza totalmente fuori controllo
·Piemonte, il Tar annulla la bocciatura di uno studente: 'È dislessico ma non ha avuto il piano didattico personalizzato'
·Scuola, quel bonus da 500 euro per i prof che rischia di sparire: Spendete tutto entro il 31 agosto
·La studentessa incassa l'ok dal Tar del Veneto, troppo poco 94 su 100


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: De ignorantia viri magno usu tractandae rei publicae

Opinioni
Le recenti sortite del vicepresidente della Camera, Di Maio, non fanno altro che ribadire l'incolmabile distanza esistente tra i politici e la cultura. Sortite comiche e indecenti sul piano logico grammaticale, storico e politico. Siamo in presenza di un analfabetismo autentico, compiaciuto ed esibito con la leggerezza che solo gli ignoranti veri possiedono: vale a dire coloro che non sanno - perché mai se lo chiedono, non sentendone alcun bisogno - di non sapere. Come non si possa, in tal modo, provare imbarazzo per se stessi, o pensare di non mettere in imbarazzo l'uditorio e finanche i propri elettori è mistero che può spiegarsi solo con la scarsa attitudine al ragionamento del vicepresidente della Camera.

Già, quel non saper ragionare che lo sciasciano professor Franzò rimproverava ad un suo ex alunno diventato magistrato e che si ostinava ancora a considerare l'italiano poco importante, se non del tutto superfluo, ai fini della carriera. "L'italiano non è l'italiano: è il ragionare", gli rispondeva il professor Franzò, e aggiungeva con una punta di sacrosanto sarcasmo: "Con meno italiano, lei sarebbe forse ancora più in alto". Questa la realtà.

Il ragionare, dunque, che si apprende dall'italiano, il quale permette di leggere e di capire, di comunicare. E quindi di conoscere la storia, di analizzare, associare e dissociare gli eventi, e perciò di servirsi della storia per comprendere anche il proprio tempo, e per fornire sul proprio tempo giudizi equilibrati, non manichei, il meno possibile infetti da quella esaltazione demagogica e sloganistica che, in ogni faccenda seria, politica inclusa, sempre svuota di peso l'intelligenza. E' del tutto evidente che l'Italia abbia bisogno di una rivoluzione culturale, almeno quanto è evidente che di tutto la politica senta il bisogno tranne che della cultura.

Di Maio ne è l'esempio lampante, in ottima e affollata compagnia peraltro, come constatiamo ogni giorno ad ogni latitudine politica. Ed allora mi chiedo come un italiano non possa non provare un moto di stizza per l'arroganza con cui i politici di questa stoffa sempre più guardano al sapere ed alla cultura, per la sfrontatezza con cui maneggiano le conquiste intellettuali e morali della conoscenza, della memoria; per il disprezzo insomma che mostrano verso il solo patrimonio che vale la pena di salvaguardare, perché i giovani ci guadagnino passione, identità, valori culturali, civili, esistenziali, e grazie al quale gli stessi costruiscano il loro faticoso presente ed un futuro ancora così incerto.

O forse è giunto il tempo, la mefitica e irreversibile età del non-oro, del dis-decoro, in cui ci si può finalmente rivolgere alla conoscenza non con il rispetto e la deferenza che la ragione invoca, non con la superficialità e con la spocchia dei satrapetti acclamati a tracciare per la nazione strategie di vacuo e bieco potere; se ogni potere senza cultura può definirsi, non senza ragioni, vacuo e bieco. E mi chiedo, in questo panorama desolante: sono queste le premesse politiche oggi esistenti in Italia per una rivoluzione culturale? questi i campioni, queste le coscienze, queste le intelligenze critiche che possono provvedere a valorizzare cultura, scuola, università, ricerca, solidarietà?

Veda il lettore di rispondersi come meglio può; io, seppur sideralmente lontano dai guaiti politici, ma tutt'altro che indifferente all'etica di una civile convivenza, rimango del parere che persino per un politico la dignità possa avere ancora una qualche importanza, purché gliela voglia conferire; e che pertanto sempre ci sia il tempo e l'occasione - tra un giro di valzer e l'altro di questa farsa al ribasso che tocca sorbirci - per presentare o perlomeno farsi offrire una dignitosissima lettera di dimissioni, di maggioranza o di minoranza che siano.

Magari con la dicitura: "per sopravvenuti e irrespingibili motivi culturali". Sarebbe forse un paese migliore.

Filippo Martorana





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Sabato, 17 settembre 2016 ore 08:00:00 CEST di Nuccio Palumbo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi