Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 333690228 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11168 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2016

Scuola secondaria di II grado - Mobilità a.s. 2016/2017 - fase A
di a-vetro
5841 letture

Disponibili i trasferimenti per i docenti scuola secondaria 2 grado, fase A
di m-nicotra
2363 letture

Corsi di formazione per collaboratori scolastici per assistenza di base agli alunni con disabilità
di a-vetro
2207 letture

Calendario scolastico 2016/2017 - Regione Sicilia
di a-vetro
1939 letture

Organici dirigenti scolastici a.s. 2016/2017
di a-vetro
1887 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Renato Bonaccorso
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Alfio Petrone
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Decreto costituzione Comitato Unico di Garanzia
·Permessi sindacali anno 2016
·Corsi di formazione per collaboratori scolastici per assistenza di base agli alunni con disabilità
·Circolare MEF-RGS n. 17 del 24/05/2016
·PTPC Scuole Sicilia 2016-2018


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato

Redazione
"Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato". Perché Marco attribuisce a Gesù la pretesa che gli si debba credere, pena la dannazione? Un uomo che esercita il suo discernimento, fa onore a Dio per il dono che Dio gli ha fatto creandolo "a propria immagine", cioè provvisto di ragione. Se quest'uomo non si ritiene convinto dagli argomenti che i teologi chiamano di credibilità e di "credendità", neanche a Dio può essere permesso di condannarlo. Forse perché consapevole di questa difficoltà, S. Tommaso afferma che l'adesione alla fede scaturisce da un atto di volontà. Ma in questo "volontarismo" tomistico va vista una implicita ammissione di insufficienza degli argomenti razionali.

Se questi fossero davvero cogenti, non avrebbe alcun senso invocare un atto di volontà; nessuno ha mai deciso di credere al teorema di Pitagora con un atto di volontà. Dunque, perché il non-ancora-credente possa credere, occorre che egli decida di voler credere. Deve volere credere. Deve riuscire cioé in un'impresa che è di sovraumana difficoltà, se gli apostoli poterono dubitare perfino mentre assistevano alla ascensione del Risorto. Il credente dirà che l'adesione alla fede è meritoria proprio perché impegna la volontà, mentre non darebbe luogo a "meriti" se gli argomenti cui si è accennato sopra dovessero portare di necessità a credere, ma il non-credente vedrà solo contorcimenti logico-psicologici nel salto volontaristico che fa di un uomo che dubita un uomo che crede.

Ma al tempo di Gesù sarebbe stato possibile sottoporre il concetto di "fede" a una analisi come quella che qui stiamo tentando ? Certamente no, come dimostra il fatto che una tale analisi non è stata fatta. Perché non è stata fatta, se è così elementare ? Non è stata fatta perché questa analisi è figlia della razionalità di matrice greca, in nome della quale il dubbio è stato scoperto - in Grecia e non in Palestina - come indispensabile propulsore di ogni ricerca. Questa razionalità spinse Socrate a chiedersi cosa fosse il bene, il bello, il giusto e a scoprire l'ignoranza propria e di tutti.

Questa razionalità spinse Talete a postulare l'esistenza di un elemento unificatore, dal quale tutta la realtà avesse avuto origine, e a tentarne l'identificazione rinunciando alle comode scorciatoie offerte dalla religione e dal mito. Questa razionalità spinse Senofane a irridere alle divinità tradizionali, e Euclide a costruire tutto l'edificio della Geometria a partire da pochissimi assiomi, a mezzo di inattacabili argomenti logici; perfino un enunciato affatto intuitivo come "In ogni triangolo, ogni lato è minore della somma degli altri due" viene dimostrato da Euclide con il rigore che usa per ogni altro teorema. Noi europei affondiamo le nostre radici nella Grecia, siamo figli della Grecia molto piu' che della Palestina. Niente delle specificità dello spirito greco così brevemente delineate è presente nello spirito ebraico. I vasi d'argento offerti da Salomone al tempio erano larghi un braccio e avevano un giro di tre braccia.

Arrovellarsi a determinare le cifre decimali del numero pi greco o investigarne la natura (razionale ? irrazionale ?) è cosa alla quale nessun ebreo, in epoca biblica, si è mai dedicato. Se vogliamo sperare di comprendere come viveva la sua fede un pio ebreo di duemila anni fa, dobbiamo spogliarci di un abito mentale che ci siamo fatti a partire da Talete, che abbiamo arricchito con la sapienza giuridica dei romani e che si e' ulteriormente espresso con il metodo sperimentale di Galileo, il razionalismo di Cartesio, l'empirismo di Locke, l'Illuminismo di Voltaire, d'Alembert e Montesqieu, e il criticismo kantiano.

Tutta la nostra storia - ciò che Bertrand Russell chiama "la saggezza dell'Occidente" - ha portato la nostra spiritualità a divergere da quella ebraica (c'è stata la Scolastica, ma il tentativo di cristianizzare Aristotetele ha generato solo un ibrido indigeribile). Cosa è dunque il "credere" nell'ambito della spiritualità ebraica? Non è certamente il risultato di una elaborazione intellettuale ma è piuttosto una dichiarazione di fedeltà. La superficialità con la quale Matteo estrapola da Isaia (7,14) la celebre "profezia" della nascita dell'Emmanuel da una vergine (anche prescindendo dall'errata interpretazione del termine ebraico reso come "vergine") dimostra la poca considerazione nella quale l'argomentare logico era tenuto presso la comunità ebraica. Solo chi crede già puo' leggere nei tanti versetti che Matteo cita dalla Torah, dai Salmi e dai Profeti delle "profezie" riferibili a Gesù.

Che poi Pascal ponga le profezie dell'Antico Testamento tra gli argomenti che supportano la credibilità del cristianesimo dimostra solo quanto Pascal fosse contraddittorio. Dunque, al tempo di Gesù la fede non è intesa come adesione a una "verità" a cui giungere attraverso una disamina delle ragioni pro e contro, ma come adesione a un programma e - ancora di più - come fedeltà a un uomo; d'altro canto, il non-credere non e' considerato l'esito legittimo di una legittima ponderazione degli argomenti ma è equiparato a un tracotante, blasfemo rifiuto opposto alla divinità. Una societa culturalmente primitiva, qual è quella ebraica del primo secolo, non riuscendo infatti a concepire la possibilita' di determinarsi in ossequio alla sola propria coscienza, vede due sole posizioni che l'uomo puo' assumere riguardo a Dio: o con Dio o contro Dio. La durezza del Vangelo riguardo a chi non crede si comprende quindi alla luce dell'equiparazione di chi non crede a chi e' contro Dio.

Se qualcosa di corretto c'è in questo tentativo di capire cosa si intendesse per "fede" al tempo di Gesù, la conclusione è che questo concetto di fede non può essere fatto proprio dall'uomo contemporaneo. Secoli di travaglio hanno fatto emergere la dignità della terza posizione, quella di chi non trova argomenti decisivi per credere.
Bultmann ha cercato di rendere accettabile la fede all'uomo moderno depurando le Scritture di tutto ciò che va attribuito allo spirito del tempo in cui furono composte e enucleandone il "kèrigma". E' la "demitizzazione".
La minaccia di dannazione che Dio rivolge a chi non crede appartiene a quel repertorio di sovrastrutture mitologiche con le quali gli uomini hanno rivestito e talora hanno obliterato l'immagine di Dio.

Come le braccia e le gambe che la Scrittura attribuisce a Dio, anche le minacce a chi non crede vanno espunte dunque dall'immagine adulta di Dio che gli uomini del nostro secolo hanno pieno diritto di cercare - ed eventualmente di rifiutare - con piena e serena libertà di coscienza.

Maurizio Ternullo





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Lunedì, 18 gennaio 2016 ore 03:00:00 CET di Nuccio Palumbo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.73 Secondi