Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485805296 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1219 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
857 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
676 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
661 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
591 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Concorso straordinario infanzia e primaria. Rettifica erronea attribuzione punteggi per titoli e servizi
·Perché il ministro Bussetti ha fallito il proprio compito istituzionale e deve presentare le dimissioni
·Autonomia si .... Regionalizzazione no!
·Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
·Il TAR del Lazio annulla il Concorso per DS. Unico perdente è il sistema scolastico italiano!


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: La storia del mio cammino di Santiago de Compostela

Redazione
Ho deciso di raccontarvi una storia che ha cambiato la mia vita.
Inizio con un certo Padre Elias, un sacerdote spagnolo, che nel 1982 ebbe la felice idea di ripristinare la vecchia via che, nel Medioevo, usavano i pellegrini per andare a visitare i vari luoghi di culto. All’epoca, la Spagna aveva una miriade di paesini fantasma, abbandonati per la troppa emigrazione. Paesini con case ridotte in macerie e abitate solo da pochi anziani. Paesini arroccati su pendii scoscesi e valli impraticabili, dove non passavano strade asfaltate e per andarci si dovevano usare solo le gambe. Don Elias si armò di santa pazienza e di pittura gialla, e mentre percorreva sentieri e trazzere, segnava un albero o un angolo di casa con una bella freccia gialla in evidenza. Alcuni sindaci non furono molto d’accordo a vedere tutto il paesaggio imbrattato di giallo e fu pure minacciato di denuncia, ma lui rispondeva sempre: “Lasciatemi fare, che vi sto preparando un’invasione!”. Ebbe ragione! Adesso il “Camino de Santiago” è patrimonio dell’umanità. I pellegrini di tutto il mondo lo percorrono, e quei paesini sono risorti e tutti vivono bene! In quelle valli, adesso, ritrovi paesini di soli 30 abitanti e 9 aubergue!
Nel gennaio di quest’anno, per caso, sento parlare del cammino di Santiago, che sulle prime scambiai per Santiago del Cile, e da quel momento cambiò la mia vita. Non so spiegarvi come e perché, quel luogo era come se mi chiamasse da tempo… almeno questo è stato l’effetto che mi ha fatto! Mi sono iscritta ad un gruppo online, dove le persone che decidevano di fare questo “cammino” si scambiavano idee e opinioni, e si mettevano d’accordo per farlo insieme. Sono stati mesi di frenesia, in ogni momento della giornata ero “collegata” su youtube per vedere filmati e immagini relative al cammino. Fu così che mi misi d’accordo con delle persone che mi proposero di partire con il mio camper. Per essere considerati pellegrini bisogno avere delle “credenziali”, cioè, una specie di passaporto per poter usufruire dei vantaggi dello status di “pellegrino”. La credenziale mi venne rilasciata dalla confraternita di San Giacomo, ente autorizzato per la Sicilia, con sede a Caltagirone, il cui priore è don Massimo Porta.
Inizia da San Jean Pied de Port, in Francia, il “Camino de Santiago de Compostela”. Ci dirigiamo, all’inizio, al centro accoglienza, un tavolo e otto impiegati multilingue. Dopo aver timbrato e registrato il “passaporto” ci danno le indicazioni sul primo tratto da seguire. Ci hanno chiesto, persino, qual era lo scopo del nostro pellegrinaggio, se religioso, turistico, o spirituale. Due monitor ci aggiornavano sulle condizioni meteo della città; in una cesta c’erano vari depliant dei luoghi da visitare e delle conchiglie (di due euro), simboli del pellegrino. Notai che le strade erano piene di ristoranti, alberghi, negozi di souvenir… e di bastoni; per una mantellina di plastica ed uno zaino ci volevano 44 euro!
I pellegrini partivano alle sei del mattino, le tappe erano di circa 20 – 22 km, quindi, si arrivava a destinazione non prima di mezzogiorno, per i più veloci, e verso le 14 per i più lenti. Spesso, dopo aver completato la tappa giornaliera sul mio camper, imboccavo il sentiero al contrario e, con il mio bastone e la conchiglia, che tenevo sempre appesa al collo, andavo incontro ai pellegrini.
E durante il mio “Buen camino”, osservavo fin nei minimi particolari ogni sfumatura del paesaggio. Notavo la fauna, cicogne che non avevo mai visto prima, quaglie e coturnici a migliaia su prati immensi, passerotti dalle strane abitudini, famigliole di aquile librarsi in volo, una martora che attraversò la strada fermandosi un attimo. Poi la flora, esageratamente grande, rose canine grandissime, ginestre bianche che neanche sapevo esistesse, finocchietto, senape, erbe amare. Ho notato che gli spagnoli hanno un diverso modo di seminare il grano, non fanno i solchi, ma lo seminano a sfaglio, facendolo crescere molto fitto, senza nessuna traccia di erbe infestanti, come il papavero o il fiordaliso. Le campagne spagnole sono molto curate e tutte seminative, e, a differenza delle nostre, non ci sono case isolate, quindi per andare nei vari poderi bisogna percorrere grandi distanze. E come fare un viaggio nel tempo, spesso ti ritrovi in paesini piccolissimi, con quaranta anime, quasi tutti parenti, le donne, quasi tutte contadine, allevano mucche e galline, che scorazzano il più delle volte per strada. Ho notato anche che erano restii e refrattari al dialogo e all’incontro. I paesi sembravano deserti, spesso ci chiedevamo dove fossero gli abitanti, ci colpiva, soprattutto, l’assenza totale di bambini, per ben 15 giorni non ne vidi mai uno! Mi osservavano, incuriositi, tutte le volte che raccoglievo le erbe selvatiche ed ho saputo, in seguito, che di tutto quel ben di Dio, gli abitanti del luogo non ne raccolgono quasi niente, non lo conoscono nemmeno! A volte, molti pellegrini che mi vedevano raccogliere erbe, si fermavano… per una foto ricordo! Uno spasso!
Poi, all’improvviso, il cammino sbucava in una città… e in attimo, dopo essere stata nel passato, venivi proiettata nel futuro, trovavi il traffico, la gente operosa, le strutture moderne, i centri commerciali infiniti, i negozi di lusso e le donne eleganti. Ma dappertutto trovavi la “conchiglia di San Giacomo”… e le frecce gialle che indicavano il cammino. La conchiglia la scorgevi ovunque, sui tombini per terra, sulle ringhiere di ferro, nelle fontane a forma di conchiglia, sui marciapiedi, sulle facciate delle case, nei ristoranti, nelle strade e autostrade, sui cartelloni a caratteri cubitali.
E tutt’intorno vedevi solo pellegrini che passavano quasi inosservati, ognuno col proprio zaino e la loro “scelta interiore”. Le frecce indicavano i punti di ritrovo, e in ogni paese c’erano delle strutture con uffici preposti all’accoglienza, che con tanta gentilezza ti timbravano la credenziale, la datavano, ti davano la cartina della città con i posti turistici da visitare. In ogni paese c’erano degli ostelli d’accoglienza, i municipal, che con soli 10 euro potevi fare la doccia e pernottare. Erano strutturate con cameroni enormi, i posti variavano da 70 a 120, pieni di letti a castello, ognuno dormiva nel proprio sacco a pelo, senza lenzuola. La ritirata era alle 22,00, la partenza alle 6,00 del mattino (la colazione costava 3 euro, la cena 9, per lavare la biancheria il costo era 6 euro, per asciugare altri 6 euro). Se eri in tenda e volevi fare solo la doccia il costa ammontava a 3 euro.
Durante il cammino pensi che sei unito agli altri, ed invece il cammino ti separa, tuo malgrado, perché ognuno ha i suoi tempi e le sue esigenze. Quindi sei solo con te stesso, rifletti per ore ed ore, ed è quasi come morire perché la vita te la ritrovi lì davanti, tutta intera, fin nei minimi particolari, ricordi cose che pensavi d’aver rimosso, piangi e sorridi da solo, capisci i tuoi sbagli e perdoni, sei in pace con tutti, ed impari ad amare la vita.
 
Maria Agrippina Amantia, pellegrina





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Domenica, 08 settembre 2013 ore 07:00:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.75
Voti: 4


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi