Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485741231 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1203 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
832 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
668 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
642 letture

Sì alla legge per il ritorno dell'Educazione civica a scuola da settembre 2020
di g-aderno
575 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Miur: assunzioni a ribasso e nuova ondata di precari
·L’Osservatorio sulla violenza di genere della Regione Calabria invita le scuole ad ‘adottare la storia di una vittima di femminicidio’. Le storie delle donne non si adottano
·Promosso dall'associazione ''Stella Danzante'' il 15 marzo 2019 dalle ore 15:00 alle ore 20:00 si svolgerà l’VIII Giornata Nazionale di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare presso il centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania
·Per soddisfare le tante richieste ritorna in scena il 9 marzo alle ore 21.00 al Metropolitan di Catania la replica de ''I Promessi Sposi Amore e Provvidenza''
·Incontri, Teatro, Cinema: al centro le DONNE


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: ‘U zu Carmine e Ciccineddu alla trebbiatura

Redazione
E venne il tempo di trebbiare il grano di contrada “Vaccaro”, ed i “due compari”, ‘u zu Carmine e Ciccineddu, partirono, allegramente,… per la faticosa impresa.
‘U zu Carmine era contento del suo lavoro, ed anche il suo giovane asino, Ciccineddu, si sentiva soddisfatto per aver trasportato nell’aia il grano “bellè”, pronto per essere trebbiato.
Dopo il lavoro di mietitura, in contrada Vaccaro, ‘u zu Carmine appurò che i covoni di grano (i ‘regni) erano pronti per la trebbiatura, e così, di buon mattino, si recò sul posto, mise il basto (‘u varduni) a Ciccineddu, poi vi appoggiò “a scaledda”, ed aiutato da suo figlio Gaetano, caricò le fasce di spighe in groppa a Ciccineddu, due per ogni lato, per trasportarli (carriarli) presso l’aia (‘a pisera) che si trovava nei pressi del cimitero.
Intanto nell’aia, già di buon mattino, si trovava la famiglia do’ zu Carmine, la moglie Nunziata e le figlie Maria e Concetta, che assieme ad altre famiglie erano pronte per la trebbiatura del grano, (‘a spagghiatura), anche perché tale lavoro (spagghiari ‘u frumentu) si trasformava, ogni anno, in una vera e propria “sagra paesana”, dove nelle aie gli uomini, aiutati dagli animali, “facevano di tutto”: lavoravano, consumavano il pasto che avevano preparato e stavano insieme per parlare delle varie vicissitudini. Dopo la festa del patrono, la trebbiatura (‘a pisata ‘pi spagghiari ‘u frumentu) era un’occasione da non perdere per le famiglie del paesino nebroideo.
Dunque, ‘u zu Carmine, aiutato dal figlio Gaetano e dal suo giovane asino Ciccineddu, cominciò a trasportare (carriari) i covoni (i ‘regni) nell’aia (‘a misera) per iniziare il lavoro di trebbiatura, e dopo averli “carriati” nell’aia, condusse Cicineddu nella vicina biviratura, pulì l’acqua con la mano, per far bere l’asino, e poi tutti e due ritornarono verso “‘a misera” dove già erano stati slegati i covoni, pronti per essere trebbiati.
Arrivati sul posto, ‘u zu Carmine e Ciccineddu, si accinsero a “pestare” le spighe di grano; il padrone guidava amorevolmente il suo asino che si lasciava condurre nei giri sull’aia sopra i mucchi di covoni, pestandoli con particolare cura e dedizione.
Questo lavoro durò fino a mezzogiorno, poi ‘u zu Carmine e la sua famiglia si prepararono a consumare il pranzo sull’aia, insieme alle altre famiglie, dialogando allegramente tra un sorso di buon vino, contenuto nei barilotti di legno (‘i ciaschi), e un piatti di olive cunzati.
Ma prima ‘u zu Carmine pensò a Ciccineddu, dandogli un’abbondante dose di erba (‘a vizza) e di paglia, e facendogli bere un secchio d’acqua fresca, attinta dalla vicina biviratura posta di fianco al cimitero.
Nel pomeriggio, al calar del sole e con il vento ancora favorevole, ‘u zu Carmine e Gaetano, “armati” di tridenti, incominciarono a “spagghiari ‘u frumentu” che, complice le folate di vento, veniva diviso dalla pula (‘a pàgghia), cosicché i chicchi di grano, ripuliti, si raggruppavano in mucchi.
Il lavoro di pisatura durò fino al tramonto, poi la moglie Nunziata e le figlie, dopo aver consumato una frugale cena, si ritirarono a casa nel vicino paesino, e così fecero anche le donne delle altre famiglie, mentre gli uomini e gli animali rimasero nell’aia, disponendosi per passarvi la notte, vicino al grano “spagghiatu”. Ed era un’esperienza indimenticabile dormire nell’aia, sotto il cielo stellato, gli anziani parlavano delle loro esperienze di vita e di lavoro ed i giovani, tutt’intorno, ascoltavano a bocca aperta. E anche Ciccineddu, non lontano dal suo padrone, si accovacciò sull’erba a riposare, destato, ogni tanto, dal lento latrato dei cani delle masserie vicine.
La trebbiatura del grano era un grande momento per l’animale, sulla sua groppa, infatti, venivano caricati i covoni da trasportare sull’aia, faceva le “giravolte” per pestare il grano con le sue zampe: per un giorno si “sentiva” il protagonista assoluto del lavoro dei campi!
L’indomani mattina si ricominciava con l’andare a prendere i covoni rimasti nel podere e portarli nell’aia, mentre le donne, ritornate dalle loro case, erano pronte per aiutare i loro congiunti.
Quando il mucchio di grano pestato era abbastanza alto, la moglie do’ zu Carmine e le figlie, cominciarono a cernere co’ crivu il frumento così da poterlo liberare da ogni impurità per poi metterlo in appositi sacchi per portarlo a casa. Il lavoro della cernita (‘a crivata), co’ crivu , consisteva nel fare in modo che venivano separati dal frumento i rimasugli “impuri” della paglia (‘a pàgghia), ‘a spògghia.
Anche la paglia veniva lavorata, veniva raccolta in apposite sacche e portata in locali adiacenti alle stalle, ‘i pagghiari, per poi darla da mangiare agli animali durante il periodo invernale. Per chi aveva degli appezzamenti lontani dal paese, la paglia, ‘a pàgghia, veniva sistemata in appositi locali, i “burgi”, per essere ben conservata.
E così, dopo un’intera settimana di duro lavoro e una proficua trebbiata, ‘u zu Carmine e Ciccineddu, si concedettero il meritato riposo settimanale.
La domenica mattina, dopo aver fatto colazione, il padrone scese nella stalla, spazzolò il suo giovane asino, gli diede una piccola dose di zucchero, lo condusse alla gebbia per farlo bere, e dopo aver fatto il giro del paese, tutti e due, con calma, “passiannu”, ritornarono a casa… per riposare e pensare alla prossima impresa, laggiù, nel paesino dei Nebrodi, posto ai piedi della Timpa Abate.

Giuseppe Scaravilli
giuseppescaravilli@tiscali.it





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Domenica, 14 luglio 2013 ore 08:00:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 13


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi