Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 474687934 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2019

Cyberbullismo e i suoi Pericoli all'I. C. Fontanarossa di Catania
di m-nicotra
725 letture

La scuola come tramite nella valorizzazione culturale
di m-nicotra
706 letture

Giornata Mondiale della lingua greca al Convitto Nazionale Mario Cutelli di Catania. 12 Febbraio 2019, ore 11.00 - 13.00.
di a-oliva
677 letture

Cyber bullismo e insidie web. Il questore di Catania Alberto Francini incontra gli studenti del Liceo Classico Statale 'N. Spedalieri' con il dirigente del Compartimento Postale La Bella
di m-nicotra
643 letture

Il saluto di Misterbianco al Prof. Santo Mancuso, educatore e politico d’altri tempi
di a-battiato
640 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sergio Garofalo
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: U zu Carmine e Ciccineddu alla mietitura

Redazione
E venne il giorno della mietitura, e ‘u zu Carmine con il suo caro amico, il giovane asino Ciccineddu, si recarono in contrada “Vaccaro” per mietere il grano che, maturo al punto giusto, “aspettava”, quasi con impaziente,… il lieto fine!
La contrada Vaccaro si trova poco distante il cimitero del paesino dei Nebrodi, e quella mattina ‘u zu Carmine, prima preparò Ciccineddu, mettendogli il basto ed il serraglio, poi predispose il necessario per mangiare, una bottiglia di vino e un contenitore per l’acqua (‘u bùmmulu) e, infine, si avviò verso la campagna.
Arrivato vicino al cimitero, dove vi era la biviratura con una fontana d’acqua che serviva per far bere gli animali, ‘u zu Carmine riempì prima ‘u bùmmulu, poi, con la mano, pulì l’acqua della gebbia e fece bere Ciccineddu.
Dopo essersi dissetati, tutti e due si incamminarono verso la contrada Vaccaro, costeggiando la cinta muraria del cimitero.
Arrivati sul posto si inoltrarono dentro il podere, ‘u zu Carmine liberò Ciccineddu dalle sacche (‘i vèttuli), gli tolse il basto ed il serraglio, e così il giovane asino si avviò verso la zona del podere che era stata preparata per lui, dove, ‘u zu Carmine, aveva seminato ‘a vizza, un’erba gustosa e nutriente per il suo animale.
‘U zu Carmine, dopo aver depositato i vèttuli dentro la casotta, prese la falce e dei leganti, fatti d’erba dura (‘a liami), che servivano per legare i covoni (i ‘regni), e si mise a falciare (mètiri) il grano, facendo delle piccole fascine e depositandole sul terreno libero, mentre, non lontano da lui, Ciccineddu brucava l’erba (‘a vizza) con soddisfazione.
Il falciare, sotto il sol leone, era sicuramente molto pesante e faticoso, ma ‘u zu Carmine, con il suo cappello di paglia a faglia larga, si mise di buona lena a mètiri, e in poco tempo “liberò” dal grano gran parte del suo podere. Quel terreno, arato, spietrato, lavorato e seminato, insieme a Ciccineddu, produceva, finalmente, un buon frumento per l’annata. Lo stesso lavoro che ‘u zu Carmine aveva fatto ppa vizza, il prelibato mangiare del fido Ciccineddu; infatti, non pensava solo al raccolto per la famiglia, ma anche al sostentamento del suo giovane amico che, brucando l’erba, lo scrutava con affetto e lo sorvegliava amorevolmente.
Sotto il sole che picchiava, ‘u zu Carmine, a metà mattinata, staccò di mètiri, entrò nella casotta, prese il pane e ne staccò un paio di fette che mangiò con il formaggio e le olive nere (‘u cumpanaticu), poi bevve un sorso di vino e prese una fetta di pane, una manciata (‘na junta) di fave e le portò al suo “compare” Ciccineddu, che ne fu contento, tanto che lo ringraziò, emettendo… un leggero raglio!
Dopo questa effusione di affetto, ‘u zu Carmine prese il secchio, si avviò verso il pozzo e lo riempì d’acqua che portò a Ciccineddu, poi ritornò al suo lavoro di mietitura del frumento, fin verso le ore tredici, per fare passare la gran calura, dopo approntò un pasto frugale che consumò all’ombra della casotta sotto un albero di fico, ma prima si preoccupò di Ciccineddu, porgendogli una bella porzione di vizza!
Nel pomeriggio, ‘u zu Carmine continuò il lavoro, poi raccolse il frumento in covoni che lasciò nel terreno, perché le spighe dovevano riposare.
Il lavoro di falciatura durò per l’intera settimana, e ‘u zu Carmine, col suo giovane asino Ciccineddu, ogni giorno si recava per la mietitura, ed alla fine si sentì un po’ stanco, ma soddisfatto del lavoro compiuto!
Guardò Ciccineddu e valutò che ne era valsa la pena arare quel campo, spietrarlo e seminarlo, perché la raccolta era stata abbondante.
La sera, quando si ritiravano a casa, si sentivano entrambi soddisfatti. ‘U zu Carmine, prima della cena, offriva sempre a Ciccineddu la ormai rituale manciata di fave, una bella spazzolata, una bevuta di acqua fresca (non faceva mancare nulla al suo giovane amico), per poi ritirarsi, con la famiglia, la moglie Nunziata, le figlie Maria, Concetta ed il figlio Gaetano, per consumare la cena e parlare un poco, per concedersi, alla fine della lunga giornata di lavoro, il meritato riposo.
Anche Ciccineddu, in sintonia con il suo padrone, si concedeva il giusto riposo, finendo di gustare le fave e l’erba  che ‘u zu Carmine gli aveva lasciato.
Dopo un po’ di giorni si recarono insieme in contrada Vaccaro per vedere se i covoni di grano erano pronti per la trebbiatura. E il lavoro continuò…

Giuseppe Scaravilli
giuseppescaravilli@tiscali.it








Postato il Domenica, 16 giugno 2013 ore 08:00:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 15


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi