Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 490535018 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2019

Lorenzo Corsaro secondo sindaco dei Ragazzi dell’Istituto S. Maria della Mercede di Padre Giuliano. Domani 14 novembre cerimonia di giuramento.
di a-oliva
907 letture

Libriamoci: lo scrittore Cono Cinquemani e ideatore del progetto Ambulanza Letteraria ospite al Liceo G. Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
878 letture

Le idee innovative del Majorana volano a Bruxelles
di m-nicotra
730 letture

Bando selezione esperti FSE/PON - Liceo Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
725 letture

Tre intense giornate a Roma - Delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania
di m-nicotra
661 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Contratto: Un impiego pubblico più efficiente deve basarsi su un sistema premiale con obiettivi chiari e misurabili

Opinioni

A partire dal ministro.
Mentre la Commissione lavoro del Senato sta disfacendo e rifacendo la riforma Fornero, rimediando a diverse storture e contraddizioni del disegno di legge presentato dal governo, il ministro della Funzione pubblica cerca di distanziare il più possibile il pubblico impiego dalla nuova normativa del settore privato. E rinnega la proposta di riforma Brunetta, alla cui stesura, tra l’altro, aveva partecipato direttamente. Al contrario di altri commentatori non siamo affatto nostalgici della riforma Brunetta e riteniamo che il sistema più efficiente per il pubblico impiego debba basarsi su misure premiali che guardino contemporaneamente ai singoli e alle amministrazioni, mentre la proposta di Filippo Patroni Griffi pare ignorare gli incentivi individuali. Ma ci piace ancora meno la strada intrapresa dal titolare di corso Vittorio Emanuele soprattutto per quanto riguarda la disciplina dei licenziamenti. Tuttavia, riteniamo che il tentativo di “deligiferare” proposto da Patroni Griffi sia da incoraggiare.

PERCHÉ È GIUSTO ABBANDONARE L’IMPOSTAZIONE DELLA PROPOSTA BRUNETTA

Nella proposta Brunetta la valutazione individuale ha un ruolo di assoluto primo piano e le fasce di valutazione definite per legge irrigidiscono i sistemi, deresponsabilizzando la dirigenza. Questo è il problema più grande perché i dirigenti sono gli unici che davvero “osservano” la performance dei singoli lavoratori. I dirigenti hanno tutte le possibilità per capire chi - nei loro uffici - davvero lavora e chi invece tende a fingere di farlo.
Il punto più debole della riforma è proprio nella deresponsabilizzazione di politici e dirigenti pubblici, trasformati in esecutori di decisioni prese da presunte autorità indipendenti o tribunali.
Come datori di lavoro, il governo e il ministro della Funzione pubblica devono, invece, prendersi le loro responsabilità. Determinino loro, sulla carta rappresentanti di interessi generali, gli obiettivi delle amministrazioni e ne rispondano davanti agli elettori. Non deleghino ad altri (soprattutto a chi deve essere valutato) queste decisioni.
Per le amministrazioni che sono in rapporto diretto con i cittadini è possibile definire obiettivi misurabili su grandezze che sono sotto il controllo della Pa. Ad esempio, possono essere stabiliti in termini di presenza sul territorio della pubblica sicurezza. In altri casi, l’impegno profuso dalle singole amministrazioni è meno visibile ai cittadini. Ma non per questo non si possono definire indicatori (ad esempio l’Agenzia delle entrate di Trento utilizza il numero di controlli operati, pesati in base allo sforzo richiesto per queste operazioni) e rendere di pubblico dominio i risultati raggiunti dalle singole amministrazioni.

LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI E I PREMI A CASCATA

Se si riesce a misurare in qualche modo la produzione di ciascuna amministrazione (non è invece necessario misurare l’output del singolo dipendente), si può poi generare un meccanismo di incentivi piramidali. Al livello più elevato della piramide, saranno le singole amministrazioni, e non i singoli lavoratori, a essere premiate nel caso di raggiungimento degli obiettivi. Se l’amministrazione non raggiungerà i propri obiettivi, non dovrà essere concesso alcun premio ad alcun membro di quella amministrazione.
Se non si accetta il principio che al livello più elevato della piramide vanno premiate le amministrazioni, si rischia, come nella riforma Brunetta, di attribuire i premi anche alle amministrazioni inefficienti. Facciamo l’esempio di due anagrafi con standard qualitativi molto diversi. Nel caso della riforma Brunetta, le due amministrazioni avrebbero la stessa quota di dipendenti premiati e anche lo stesso ammontare di premio. Nel nostro caso si premierebbe invece solo l’amministrazione efficiente,
Se i premi sono definiti a livello di singola amministrazione, potranno anche essere non monetari. Spesso i premi che stimolano di più il gioco di squadra all’interno dell’amministrazione sono in natura anziché in termini stipendiali. Ad esempio nella scuola i premi più ambiti sono quelli in termini di materiale didattico, attrezzature, oppure in un ospedale è la possibilità di aprire un asilo nido per i figli dei dipendenti.

DALLE AMMINISTRAZIONI ALLE PERSONE: PREMI A DIRIGENTI E DIPENDENTI

Incentivi per i singoli potranno anche essere definiti in termini di carriere, dato che i posti pubblici durano a lungo. Più che imporre regole rigide per la distribuzione dei premi ai singoli, bene fissare regole rigide per gli avanzamenti di carriera che impediscano le promozioni generalizzate.
Le amministrazioni premiate avranno automaticamente un premio per il dirigente apicale, la persona che in prima istanza è responsabile dell’operato della singola amministrazione e dei suoi dipendenti. Se l’amministrazione e il dirigente saranno premiati, si procederà ai livelli inferiori della piramide.
In questo sistema, il dirigente locale avrà tutti gli incentivi per valutare i suoi collaboratori in varia dimensione, anche prefigurando i loro potenziali avanzamenti di carriera. Dal modo con cui riesce a farlo e a giustificarlo agli occhi di tutti gli interessati, dipenderanno le motivazioni e la coesione del gruppo, dunque i risultati dell’unità che dirige, di cui sarà direttamente responsabile. Insomma non creiamo nuova burocrazia e, soprattutto, ciascun dirigente si prenda le sue responsabilità. A partire dal ministro competente..

EVITARE UN NUOVO DUALISMO

Abbiamo già scritto che non siamo d’accordo con la riforma dell'articolo 18 contenuta nel disegno di legge Fornero. È una proposta confusa, che non riduce incertezza procedurale delle imprese e che trasmette ansia ai lavoratori di un paese già depresso. Tuttavia, non ha senso creare un ulteriore dualismo in Italia: allo storico dualismo Nord-Sud, si è già aggiunto nel mercato del lavoro  un lacerante dualismo precari-non precari. Non c’è davvero bisogno di aumentare ulteriormente la distanza fra pubblico impiego e lavoro privato alle dipendenze. Se il governo, come datore di lavoro, non è in grado di applicare a se stesso le norme che impone agli altri datori di lavoro, bene che riveda la riforma nel passaggio parlamentare, rendendola applicabile anche ai suoi dipendenti.









Postato il Martedì, 15 maggio 2012 ore 19:43:16 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi