ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO: COSA SUCCEDE IN CASO DI SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA
Data: Giovedý, 19 luglio 2007 ore 09:24:20 CEST
Argomento: Comunicati


Assunzioni a tempo indeterminato

Il MPI ha fornito ai Direttori Regionali precisazioni circa i criteri da adottare nei casi in cui, per effetto di assunzione di personale già di ruolo, si debba procedere ad assunzioni “suppletive” mediante ulteriore scorrimento della graduatoria.

 L’amministrazione, in analogia ai criteri di ripartizione del contingente delle assunzioni al 50% tra graduatorie del concorso ordinario e graduatorie ad esaurimento, precisa che nei casi in cui si verifichi la situazione di cui sopra è necessario individuare preliminarmente, per ciascun posto e classe di concorso, anche la ripartizione al 50% delle disponibilità complessive in organico di diritto (non contingente delle assunzioni) tra le due graduatorie.

 Tale dato rappresenta il limite massimo entro cui possono essere disposte assunzioni suppletive in ciascuna graduatoria.

 Ciò al fine di evitare che, in considerazione dei tempi diversi con cui si scorrono le due diverse graduatorie, le assunzioni suppletive effettuate in uno dei due canali di assunzione, possano saturare tutti i posti disponibili in organico di diritto a danno degli aspiranti inclusi nella seconda graduatoria.

 La nota precisa, inoltre, che eventuali disponibilità residue in uno dei due canali di reclutamento potranno essere successivamente utilizzate per l’ulteriore scorrimento, se necessario, dell’altra graduatoria interessata.

 Analogamente si dovrà procedere per le assunzioni del personale ATA con la precisazione che per i DSGA la procedura citata si applica dopo aver detratto il 30% del contingente di assunzioni destinato al personale inserito nella graduatoria del concorso riservato.

Un esempio:

Assunzioni a tempo indeterminato

- posti disponibili in organico di diritto: 100 da ripartire al 50% tra

  concorso ordinario e graduatoria ad esaurimento

 - contingente assunzioni: 60 da ripartire al 50% tra

   concorso ordinario e graduatoria ad esaurimento

 - assunzioni da concorso ordinario: 30 su 50 disponibilità, 20 posti

    disponibili per assunzioni suppletive

 - assunzioni da graduatoria ad esaurimento: 30 su 50 disponibilità, 20 posti

    disponibili per assunzioni suppletive.


               100               DISPONIBILITA’ COMPLESSIVE IN O.D.


       50                50     DISPONIBILITA’ PER CIASCUNA PROCEDURA


       30                30     CONTINGENTE ASSUNZIONI


       20                20     POSTI DISPONIBILI PER ASSUNZIONI SUPPLETIVE


Le assunzioni suppletive effettuate a seguito dell’ulteriore scorrimento della prima graduatoria utilizzata (es. concorso ordinario) possono inizialmente essere effettuate fino ad un massimo di 20 (entro, cioè, il limite di 50 assunzioni totali = 30+20) anche se sono stati assunti 25 docenti già di ruolo.

 Analoga procedura e limiti numerici sono applicati per lo scorrimento della graduatoria ad esaurimento.

 Nel caso in cui a seguito dello scorrimento della graduatoria ad esaurimento le assunzioni suppletive risultino pari a 15, si determina un residuo di disponibilità di 5 posti; pertanto sarà possibile tornare alla graduatoria del concorso ordinario e procede all’ulteriore scorrimento della stessa.

 Qualora, invece, a seguito dello scorrimento della graduatoria ad esaurimento le assunzioni suppletive risultino pari a 20, si satura il totale delle disponibilità in organico di diritto e non sarà possibile procedere allo scorrimento ulteriore della graduatoria del concorso ordinario.

 Ovviamente nel caso in cui il concorso ordinario non utilizzi la quota suppletiva di 20 posti, perché non si trova ad assumere personale già di ruolo, tale disponibilità sarà messa a disposizione per i recuperi dell’altra graduatoria. 


N. B.: Ai sensi del punto A.2” dell’Allegato A, l’USP destinerà le ulteriori 5 assunzioni per i recuperi che non è stato possibile  effettuare a seguito dello scorrimento del concorso ordinario ad altro posto o classe di concorso.

Eccovi il link







Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-7866.html