SARANNO PRONTE PER L'AVVIO DELL'ANNO SCOLASTICO LE GRADUATORIE SUPPLENZE BREVI?
Data: Mercoledý, 27 giugno 2007 ore 00:28:35 CEST
Argomento: Comunicati


Saranno pronte per l’avvio dell’anno scolastico
 le graduatorie per le supplenze brevi?

da  Tuttoscuola, 25/6/2007

 

Ancora una volta, e forse, anche più intensamente di quanto avvenuto negli ultimi anni, gli uffici dell’amministrazione scolastica saranno duramente impegnati in piena estate a predisporre graduatorie e a conferire nomine di insegnanti.

Sarà messa a dura prova l’efficienza degli uffici e delle segreterie per assicurare la regolarità degli adempimenti propedeutici all’avvio dell’anno scolastico.

Ci saranno prima di tutto le nomine in ruolo dei cinquantamila docenti delle graduatorie ad esaurimento e dei ventimila Ata. Un appuntamento che dovrà essere onorato tassativamente entro il prossimo 31 luglio, secondo le previsioni legislative in materia.

Ma sarà anche estate di compilazione di graduatorie per i supplenti, come prevede il nuovo regolamento per le supplenze di docenti e il relativo decreto applicativo, con cui è stato fissato, tra l’altro, il termine perentorio di presentazione delle domande alle segreterie scolastiche entro il prossimo 23 luglio.

In base alle domande presentate agli istituti, secondo le modalità fissate dal decreto n. 53 del 21 giugno 2007 (disposizioni, tabelle e moduli di domanda in linea sul sito del  MPI, le segreterie delle scuole procederanno immediatamente dopo.

La pubblicazione delle graduatorie, in ciascuna provincia, dovrà avvenire contestualmente. A questo scopo, il competente Ufficio scolastico provinciale, previa verifica del completamento delle operazioni, fisserà un termine unico per tutte le istituzioni scolastiche.

Il ritardo di poche segreterie, come si può capire, può bloccare la tempestiva pubblicazione di tutte le graduatorie. L’efficienza amministrativa di una provincia nel suo insieme si misura anche da questo.
 






Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-7679.html