PRECARI DELLA SCUOLA, PROPOSTE PER IL RECLUTAMENTO
Data: Giovedý, 03 maggio 2007 ore 00:05:00 CEST
Argomento: Opinioni


Proposte per il reclutamento dei docenti


02 maggio 2007 - precariscuola.135
Stanchi di essere oggetto di decisioni altrui, spesso incomprensibili ed inique, e consapevoli dell'umiliante condizione che il mondo del precariato comporta, i docenti del forum Precariscuola chiedono, in previsione del prossimo regolamento delle supplenze nonché del futuro sistema di reclutamento dei docenti, di essere parte attiva nel mondo della scuola e in tutte le decisioni che su di esso verranno prese.

Pertanto, con la presente, l'intero gruppo di docenti del forum Precariscuola CHIEDE - di perseguire la politica di immissioni in ruolo realizzando compiutamente il piano triennale di assunzioni previsto dalla Legge 296/2006 e di ampliarlo per consentire la stabilizzazione di tutto il personale precario attualmente in servizio su tutti i posti in organico di diritto e di fatto;


- di preservare senza modifiche, nei prossimi anni, il carattere 'ad esaurimento', delle attuali graduatorie dalle quali i docenti abilitati verranno individuati per la stipula di contratti a tempo determinato ed indeterminato evitando, in tal modo, situazioni lesive dei diritti faticosamente acquisiti da parte dei docenti abilitati; - di assumere i soli docenti precari della scuola pubblica, escludendo automaticamente dalle graduatorie ad esaurimento i docenti già di ruolo;
 - di dimezzare il punteggio prestato in scuole private paritarie che prescindono nella fase di reclutamento dalla graduatoria pubblica;
 - regolamentazione chiara e non ambigua delle percentuali sul contingente di cattedre disponibili, per ciascuna classe di concorso, da destinare rispettivamente al ruolo, ai trasferimenti (di qualsivoglia natura) e assegnazioni provvisorie (limitando queste ultime ai casi di reale necessità). A tal proposito si propongono come base minima le seguenti percentuali: a. 75% al ruolo b. 10% a trasferimenti c. 5% ad assegnazioni d. 10% ai passaggi di cattedra e ruolo Le predette percentuali siano calcolate ed assegnate contestualmente senza ordine di precedenza (come avviene attualmente) a trasferimenti ed assegnazioni. In casi di contingenti non interi (es: 6,1 cattedre al ruolo e 1,9 ad assegnazioni) si assegni comunque una preferenza alle immissioni in ruolo
 . - vista la trasformazione delle GP in Grad ad esaurimento, di NON attivare il IX ciclo SSIS senza una definizione del futuro percorso formativo;
 - di bandire i concorsi ordinari a partire dal 2010 con cadenza biennale solo per i posti effettivamente disponibili, per le classi di concorso e le province le cui corrispondenti graduatorie ad esaurimento risultino prive di iscritti (esaurite), con il vincolo della impossibilità di richiedere qualunque movimento nell'arco dei 5 anni successivi alla immissione in ruolo. Il concorso dovrà essere aperto a tutti (abilitati e non) assegnando una quota di posti riservata a chi è già in possesso di abilitazione;
 - di assegnare tutti gli spezzoni orario inferiori alle 7 ore ai docenti precari;
 - di avere il medesimo trattamento economico (contratto fino al 31 agosto) dei docenti di religione, al fine di non essere vittime di una evidente ingiustizia; - di mantenere il numero di 30 sedi scolastiche per le graduatorie di istituto, che spesso costituiscono fonte essenziale di reclutamento per molti docenti precari;

Per quanto riguarda la parte formativa i docenti del forum Precariscuola, ritengono i due anni/1200 ore attuali degli attuali corsi SSIS inadeguati per una serie di ragioni: . qualità non omogenea; . contenuti spesso di dubbia utilità; . costi esorbitanti; . modello consecutivo che sposta di due anni il percorso formativo iniziale; . troppo sbilanciamento verso la teoria; . test di accesso eccessivamente vertenti sul nozionismo, senza alcuna valutazione dell'esperienza pregressa;

Ed allora, la proposta del forum Precariscuola è di andare, gradualmente, verso un modello simultaneo di formazione, inserendolo all'interno dei percorsi di laurea specialistica, in modo da prevedere un percorso di 400/500 ore, così distribuite.
 . 100/200 ore di formazione psico-socio-pedagogica e di laboratori e seminari sulla didattica delle discipline;
 . 300 ore di tirocinio da svolgere c/o strutture scolastiche; In attesa di una vera e propria riforma, le ore didattiche potrebbero essere svolte dalle SSIS, in via transitoria, nell'arco di un tempo limite di un semestre universitario, preferibilmente il primo di ogni A.A. (ottobre/febbraio).

 Sia durante il transitorio che a regime, i candidati saranno selezionati secondo un articolato sistema che preveda un numero limitato di accessi alla professione docente, tarato sulle effettive previsioni di posti vacanti fino alla prossima selezione: . la valutazione di esperienza pregressa (incluse precedenti abilitazioni, di qualunque natura, e percorsi di formazione post lauream) da effettuarsi ex ante, magari prevedendo un contingente di posti riservato; . la valutazione del curriculum studiorum; . un test di accesso che preveda una selezione scritta a risposta multipla (oggettiva) ed una prova pratica in cui il candidato simuli una lezione su un argomento a sua scelta, esponendolo alla commissione (di natura mista Università/Istruzione) in pubblica seduta.

 I precari del forum www.precariscuola.135.it






Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-7271.html