PRECARI, VOLTAFACCIA DI PRODI
Data: Mercoledý, 22 novembre 2006 ore 00:05:00 CET
Argomento: Opinioni


Voltafaccia di Prodi

 di Gianfranco Pignatelli

 Tanto valgono i 296.496 precari della scuola. Se li sono svenduti di comune accordo: governo, partiti di centro-sinistra e sindacati. Questo è il bilancio che emerge dal voltafaccia del governo Prodi quando, dal maxiemendamento con il quale ha chiesto la fiducia per l’approvazione della legge di finanziaria 2007, ha escluso l’emendamento all’art. 66 n.66.28, nonostante fosse stato approvato da tutto l’Unione. Ciò decreta la cancellazione, dal 2010, delle graduatorie permanenti e di merito che regolamentano l’accesso ai ruoli.
 Così si espropriano i precari dei diritti maturati a seguito dei concorsi e del servizio ultra decennale. Una mascalzonata politica senza precedenti. Ancor più insopportabile alla luce degli impegni assunti dai singoli politici e dai partiti dell’attuale maggioranza nel corso degli anni precedenti, ribaditi in campagna elettorale e trascritti nel programma con il quale il centro-sinistra ha vinto di strettissima misura le elezioni. Alla stato dei fatti, il millantato impegno verso i precari s’è rivelato un raggiro. Una frode finalizzata solo ad estorcere voti per poi perpetrare la solita politica, fatta di annunci falsi, come quello del superamento del precariato mediante il piano triennale per l’assunzione di 150.000 docenti precari. Piano sprovvisto di copertura finanziaria e inadeguato sia a coprire i posti disponibili sia ad occupare i precari in graduatoria permanente, pari, rispettivamente, a due e quattro volte il contingente programmato.

Nota: Il Tempo 20/11/2006







Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-5803.html