LA LAUREA NON FA LA PROFESSORESSA
Data: Giovedý, 09 novembre 2006 ore 00:05:00 CET
Argomento: Opinioni


LA LAUREA NON FA LA PROFESSORESSA
La professoressa di lettere Giuseppina Cipolla di Nicosia c'impone ancora una volta una seria riflessione sul tema: l'abito fa la monaca? O in alternativa: è meglio un asino laureato o un savio senza titolo di studio? Il buonsenso dà ai due quesiti una risposta scontata. Anche perché se così non fosse dovremmo sconfessare un certo signor Socrate, di professione filosofo ambulante, e un certo Gesù, maestro di verità rivoluzionarie, i quali, pur non essendo laureati, hanno gettato le fondamenta del pensiero occidentale. E Giuseppina Cipolla? C'entra perché due sentenze della Corte dei conti siciliana ripropongono il dilemma, contraddicendosi e sciogliendolo in maniera formale. In primo grado era stata assolta perché, pur senza laurea ed esibendo certificati falsi, aveva insegnato, nelle scuole medie dell'Ennese dal 1988 al 1997, dimostrando indubbie capacità didattiche. Vale a dire: promossa sul campo. Tanto più che nel frattempo aveva anche conseguito l'abilitazione all'insegnamento. In secondo grado però è stata condannata a restituire con gli interessi gli stipendi indebitamente percepiti. Nel primo caso era stata graziata una savia senza laurea, nonostante la frode. Nel secondo la legge dimostra che l'abito fa la monaca.










Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-5687.html