Lettere in classe. Gli ultimi cento anni: linguaggi e passioni della contemporaneitÓ - Congresso Nazionale ADI-sd Firenze, 8 e 9 settembre 2017
Data: Mercoledý, 13 settembre 2017 ore 19:00:00 CEST
Argomento: Istituzioni Scolastiche


Inizia bene, anzi benissimo, il nuovo anno scolastico alá liceo Lombardo Radice di Catania.
Bari, Bologna, Firenze, Napoli, Palermo, Padova, Pisa, Recanati, Reggio Emilia, Torino, e naturalmente Catania. Sono le cittÓ che hanno partecipato con propri relatori, al convegno nazionale ADI-sd, nei giorni 8 e 9 settembre 2017 a Firenze, sul tema "Lettere in classe.
Gli ultimi cento anni: linguaggi e passioni della contemporaneitÓ".

L'ADI, Associazione nazionale degli Italianisti, nasce nel 1996 con lo scopo, tra l'altro, di dare vita a un laboratorio di esperienze comuni fra ricerca universitaria e scuola secondaria in ambito di didattica dell'italiano (lingua e letteratura). L'associazione, che proprio in questi giorni ha organizzato un convegno a Firenze, vanta nel proprio consiglio direttivo, quale referente per tutta la Sicilia, il prof. Andrea Manganaro del dipartimento di Scienze umanistiche dell'UniversitÓ di Catania e vede quest'anno, tra gli altri protagonisti, il prof. Alberto Bertino, docente di Italiano e storia del Liceo "G. Lombardo Radice" di Catania relatore sul seguente tema:
Amor che ne la mente mi ragiona.

La costruzione di un digital storytelling sui possibili frammenti del discorso amoroso, da suggestioni medievali alla poesia appena pronunciata.

Il liceo catanese corrobora cosi, una fruttuosa tradizione che lo vede protagonista nell'esplorare le possibilitÓ di realizzazione di una didattica innovativa relativa a Media Education e Media Literacy, secondo quanto previsto dal Piano Nazionale della Scuola Digitale ma, al contempo fortemente legata ai classici come dimostra il testo scelto dal prof. Bertino.
Il referente per i beni culturali.
download locandina
prof.ssa Marcella Labruna





Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-24882531.html