La calda estate dei diplomati magistrale
Data: Domenica, 19 giugno 2016 ore 07:00:00 CEST
Argomento: Comunicati


Giugno Ŕ il mese in cui finalmente il Consiglio di Stato ha cominciato ad emettere pareri cautelari positivi come risposta ai ricorsi per l'annullamento del D.M. 235/2014 (concernente l'aggiornamento triennale delle Garduatorie ad Esaurimento per il trienno 2014/2017) del Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale con CUB S.U.R. Roma e Lazio, i cui ricorrenti sono stati rappresentati e difesi dallo Studio legale "Gigli e Tropepi" di Roma. Il Consiglio di Stato, Sezione seconda, a seguito dell'adunanza di sezione dell' 08/06/2016 ha emesso diversi pareri positivi all'inserimento con riserva nelle Graduatorie ad Esaurimento dei ricorrenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l'a.a. 2001/2002.

Nello specifico, i pareri riguardano quattro gruppi di docenti diplomati con caratteristiche diverse: con numero di affare 00446/2015 sono stati immessi i docenti del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria vecchio ordinamento giÓ titolari di iscrizione in Gae con riserva. Col numero di affare 00650/2015 sono stati immessi in Gae con riserva i docenti che nel 2014 avevano vinto il concorso ma non si trovavano ancora in Gae, mentre col numero di affare 02183/2014 vengono immessi in gae i diplomati magistrale entro il 2002 col titolo richiesto per l'accesso e non rientranti in nessuna delle situazioni sopra elencate. Resta da conoscere solo il parere riguardante i docenti che, pur facendone parte, erano stati esclusi dalle Gae per mancato aggiornamento della domanda.

Ilá Collegio ha ritenuto opportuno non discostarsi da quanto emerso in occasione dell'Adunanza Plenaria, il 27 aprile scorso, quando i giudici hanno riconosciuto che i docenti muniti di diploma, magistrale conseguito entro il 2001/2002 hanno titolo ad essere inseriti nelle GAE della propria provincia di riferimento. Il Consiglio di Stato ha, di fatto, stabilito l'inserimento dei diplomati in via cautelativa, in attesa di deliberare sul merito, che ci auguriamo giunga quanto prima e consenta ai diplomati non solo di essere inseriti a pieno titolo nelle sospirate Gae, ma anche di concorrere per l'assunzione in ruolo, come giÓ avvenuto per alcuni ricorrenti del Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale con CUB S.U.R. Roma e Lazio avverso il D.M. 325/2015, ricorso seguito anche stavolta dallo Studio Legale di fiducia "Gigli e Tropepi".

Per il Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale, che da anni si spende senza sosta per la difesa dei diritti dei diplomati, si tratta della giusta conclusione di un percorso lungo e difficile, un sogno nato quando nessuno ancora credeva nel valore del diploma quale titolo abilitante per l'insegnamento nelle scuole primarie e dell'infanzia. L'OOSS CUB S.U.R. Roma e Lazio e il Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale sono consapevoli per˛ che tanti insegnanti, che non hanno presentato domanda di ammissione in Gae in tempo utile e di conseguenza non hanno ricorso, sono rimasti fuori da qualsivoglia possibilitÓ di inserimento e di assunzione in ruolo. Altri docenti invece, a paritÓ di titolo e anch'essi ricorrenti, si sono visti negare l'ingresso in Gae a causa di una giurisprudenza discordante e ingiusta. E' altamente auspicabile che il Miur intervenga e risolva la questione per via politica, come sarebbe giusto, garantendo a tutti i diplomati che lo desiderano di poter accedere alle Gae, riconoscendo un diritto negato per troppi anni.

Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale e CUB S.U.R. Roma e Lazio





Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-24880567.html