CONCORSO DS SICILIA: PUBBLICATA LA LEGGE DI MANTENIMENTO IN SERVIZIO
Data: Mercoledý, 30 dicembre 2009 ore 08:49:35 CET
Argomento: Comunicati


Sicilia  - Concorso per Dirigenti Scolastici: pubblicata
 la legge di mantenimento in servizio  (30/12/09-10:00) 

Entra  oggi in vigore la legge n. 190 del 21/12/09 con la quale il  Parlamento ha convertito il D.l. 170 approvato dal governo il 27  novembre scorso.  Il provvedimento è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri  (29/12/09). La norma cancella quella prevista nel D.l. 134/09 e la  modifica come appresso: «Fino  all'avvenuta rinnovazione e al completamento, a seguito di annullamento giurisdizionale, della procedura concorsuale a posti  di dirigente scolastico di cui al   decreto  direttoriale   22 novembre  2004,   pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale   -  4ª   serie speciale - n. 94 del 26 novembre 2004, il personale  in  servizio   con funzioni  di   dirigente  scolastico,   a   seguito    della   procedura  concorsuale annullata, continua a esercitare le funzioni medesime  in via transitoria nelle sedi di rispettiva assegnazione   alla  data   di entrata in vigore del presente decreto. Sono   fatti  salvi   gli  atti  adottati dal predetto personale nell'espletamento degli incarichi   di cui al presente comma. Dall’attuazione del presente  decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza  pubblica».
 
 
 
 
Concorso dirigenti siciliani:
 pubblicata la legge

 di R.P. La Tecnica della Scuola, 29.12.2009

E' la legge n. 190 con cui viene convertito il decreto n. 170 del 27 novembre scorso. Entra in vigore il 30 dicembre. Adesso la parola passa all'Ufficio scolastico regionale che sta già predisponendo gli atti per costituire una nuova commissione giudicatrice.
Ultimo atto per la complessa vicenda del concorso per dirigenti scolastici della Sicilia: nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre è stato pubblicato infatti il testo della legge n. 190 del 21 dicembre scorso con la quale il Parlamento ha convertito il decreto legge 170 approvato dal Governo il 27 novembre.
L’intera vicenda è davvero complicata e per certi aspetti paradossale: a seguito di un ricorso presentato da alcuni concorrenti il Cga della Sicilia aveva annullato l’intera procedura concorsuale; successivamente, al momento di convertire in legge il decreto 134 sul precariato, il Parlamento aveva accolto un emendamento bipartisan che ignorava di fattola sentenza del Cga.
Ma, al momento della firma del provvedimento, la Presidenza della Repubblica aveva manifestato forti perplessità accettando infine di sottoscrivere la legge in cambio della “promessa” che quanto prima il Governo avrebbe provveduto a correggere la norma.
La promessa era stata mantenuta a tempo di record: nella riunione del 27 novembre il Consiglio dei Ministri approvava un decreto-legge con il quale veniva cancellata la norma contenuta nel decreto 134, dando così di fatto via libera alla applicazione della sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia.
In pochi giorni il Parlamento ha convertito in legge questo ulteriore decreto con una modifica introdotta per evitare il caos generalizzato nelle scuole siciliane: “Fino all'avvenuta rinnovazione e al completamento, a seguito di annullamento giurisdizionale, della procedura concorsuale a posti di dirigente scolastico….., il personale in servizio con funzioni di dirigente scolastico continua a esercitare le funzioni medesime in via transitoria nelle sedi di rispettiva assegnazione alla data di entrata in vigore del presente decreto”.
Intanto l’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia ha dato avvio al procedimento di rinnovazione delle procedure concorsuali e sta già procedendo alla costituzione di una nuova commissione esaminatrice (il relativo provvedimento sarà pubblicato il prossimo 8 gennaio).






Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-19483.html