A scuola di 'smontaggio' del bullo
Data: Giovedý, 23 aprile 2009 ore 09:47:00 CEST
Argomento: Opinioni


Una "lezione" di due ore contro il bullismo a scuola, promossa da studenti e tenuta da laureati in Psicologia e Giurisprudenza.

E' l'iniziativa lanciata dalla Consulta provinciale studentesca di Bologna (organismo composto da due rappresentanti eletti in ogni scuola secondaria di secondo grado della provincia, che rimangono in carica per due anni). Il corso si chiama "Scuola contro il bullismo" e offre la possibilità a 15 classi di istituti superiori di ospitare un incontro per far "vivere" l'esperienza del bullismo a ragazzi e ragazze (soprattutto del primo biennio, che risulta il più funestato dai "bulli"), con una sorta di psicodramma condotto da giovani laureati interessati a studiare il fenomeno.

"Non possiamo certo sradicare il bullismo con questo corso - spiega il presidente della Consulta, Enrico Cevolani - ma l'informazione aiuta a contrastarlo". "Vogliamo far capire - aggiunge Cevolani - che si tratta di un reato penale che può rovinare la vita: una condanna per bullismo può impedire, ad esempio, di diventare agenti di forze dell'ordine o di accedere ad altre professioni".

Per iscriversi al corso della Consulta (due ore in orario scolastico, ma che figurano come assemblea di classe), il capoclasse, in accordo con un insegnante che sarà presente durante la lezione, deve farne richiesta inviando una e-mail (all'indirizzo scuolavsbullismo@libero.it). Per informazioni si può consultare anche il blog della Consulta (www.consultabo.blogspot.com).

Per i ragazzi vittime di atti di bullismo, lo ricordiamo, c'è pure un numero verde nazionale della campagna del ministero dell'Istruzione "Smonta il bullo" (800.66.96.96) a cui rivolgersi per chiedere aiuto e sostegno. Ma per smontare il bullo ora si può anche andare a scuola...

da tuttoscuola.com







Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-15234.html